Diritto e Fisco | Articoli

Annunci di affitti rivolti solo a una categoria di persone: è legale?

25 giugno 2017


Annunci di affitti rivolti solo a una categoria di persone: è legale?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 giugno 2017



Dalle mie parti, in numerosi annunci di affitto si specifica che l’appartamento non viene concesso a studenti universitari e immigrati extracomunitari o, comunque, stranieri: sono leciti questi divieti? La Costituzione non dovrebbe tutelarci nel sancire il principio di uguaglianza?

Il nostro ordinamento riconosce il principio di «autonomia negoziale», principio che lascia ai privati la facoltà di scegliere come, quando, con chi e se contrarre un accordo. Nessuno può essere obbligato a scegliere la propria controparte contrattuale, neanche dallo Stato o dalla Costituzione. Sarebbe un’illegittima invadenza nell’autonomia economica privata che è uno dei cardini di ogni Stato moderno. Allo stesso modo, quindi, il proprietario di un appartamento è libero di dare in affitto l’immobile a una o più categorie determinate di persone.

L’obbligo di contrarre con tutti e indistintamente esiste solo per la pubblica amministrazione o per i servizi pubblici o di pubblico interesse: ad esempio, il gestore di un’azienda di trasporti (treni, aerei, pullman, ecc.) non può impedire l’acquisto del biglietto alle persone di colore; il titolare di un cinema non può vietare l’ingresso agli immigrati; la società che gestisce una rete autostradale non può scegliere quali auto far entrare e quali no (salvo vi siano ragioni di pubblica sicurezza che prescindono, quindi, dalla persona in sé). Lo stesso principio di uguaglianza, sancito dalla nostra Costituzione al famoso articolo 3, secondo cui tutte le persone sono uguali senza distinzioni di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali, si rivolge solo alla pubblica amministrazione (ossia allo Stato) e al legislatore. Significa, in termini pratici, che se è vero che un privato può scegliere con chi concludere i propri affari (sarebbe legittimo il cartello apposto all’entrata di un negozio che vieti l’ingresso a tutte le persone non appartenenti a una determinata cerchia politica), questo non vale per un ente pubblico. Inoltre, l’articolo 3 della Costituzione è indirizzato espressamente al legislatore (Parlamento e Governo) affinché questi non scrivano mai leggi che possano pregiudicare il principio fondamentale dello Stato democratico che è appunto il principio di uguaglianza.

Risultato: è legale pubblicare annunci di affitti rivolti solo a una categoria di persone, in quanto il locatore – proprietario dell’appartamento – è libero di scegliere se e a chi dare il proprio appartamento.

Non si dimentichi poi che, come è legittimo lasciare piena autonomia di scelta al padrone di casa, è ben possibile che lo stesso regolamento di condominio contenga degli espliciti limiti. Ad esempio, l’assemblea – purché  all’unanimità – può imporre ai proprietari degli appartamenti di non dare l’immobile in affitto a studenti universitari (per via del chiasso che questi potrebbero produrre) o a soggetti stranieri ed extracomunitari. Sono limiti che valgono anche per i successivi acquirenti dell’abitazione, sempre che il limite contenuto nel regolamento – approvato, come detto, con il consenso unanime di tutti i condomini – venga reso conoscibile all’acquirente tramite richiamo nel rogito oppure trascrizione nei pubblici registri immobiliari.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI