Tech | Articoli

Wi-Fi in spiaggia, come navigare sicuri

27 Giugno 2017 | Autore:
Wi-Fi in spiaggia, come navigare sicuri

Le connessioni gratuite che si possono trovare nelle località turistiche sono pubbliche e non sicure ma con alcuni accorgimenti possiamo usarle senza rischi.

Quando si è in vacanza si cerca spesso un Wi-Fi libero con cui navigare per non consumare velocemente il nostro piano dati. Oggi è facile trovare un hotspot in tutte le strutture turistiche, così come in bar, locali pubblici, ristoranti e altro ancora. Utilizzare queste connessioni è sicuramente comodo e vantaggioso economicamente, ma ci espone al rischio di rimanere vittima di qualche pirata informatico.

Sono diverse le tecniche utilizzate dai cybercriminali, dal Wi-Fi sniffing al Karma Attack, dove viene usato un dispositivo che crea un clone della rete Wi-Fi pubblica per attirare la vittima in trappola e avere piena visibilità di tutto ciò che fa.

Con alcuni accorgimenti, però, possiamo continuare a usufruire degli hotspot Wi-Fi pubblici senza il pericolo che qualche malintenzionato ficchi il naso nelle nostre attività online. Vediamo quindi cosa possiamo fare per navigare sicuri quando usiamo una connessione Wi-Fi pubblica.

1 Effettuare gli aggiornamenti. I pirati spesso sfruttano alcune falle nei software e nei sistemi operativi. Per rendergli la vita difficile, aggiorniamo sempre pc e dispositivi mobile in modo da installare le ultime patch di sicurezza.

2 Installare un’antivirus. Che si tratti di un computer o di un dispositivo Android, è sempre bene installare un software di sicurezza e assicurarci che sia aggiornato costantemente in modo da non scaricare file dannosi.

3 Disabilitare la condivisione. Quando ci si connette al Wi-Fi di casa può essere utile condividere file e cartelle tra i vari dispositivi. Quando, però, si è connessi a un’altra rete, queste impostazioni potrebbero permettere ad altri di accedere al proprio computer. Se si utilizziamo Windows, clicchiamo col tasto destro sull’icona del Wi-Fi e selezioniamo Apri Centro connessioni di rete e condivisione. Andiamo quindi in Impostazioni di condivisione avanzate e disattiviamo tutte le opzioni di condivisione presenti.

4 Usare solo siti sicuri. Meglio evitare di eseguire operazioni importanti o come transazioni finanziarie quando si utilizza un Wi-Fi pubblico. Ma se proprio dobbiamo, assicuriamoci di navigare su siti Web sicuri. Per sapere se un sito è sicuro controlliamo che prima dell’indirizzo sia scritto https e che sia visualizzata l’icona col lucchetto chiuso (sicuro). Vuol dire che il sito è crittografato e i dati non possono essere intercettati da altri. Opzionalmente possiamo anche installare il componente HTTPS Everywhere (www.eff.org/https-everywhere) disponibile per Firefox, Chrome e Opera.

5 Usare una VPN. Una Virtual Private Network indirizza il traffico su server sicuri e nasconde l’indirizzo IP crittografando la connessione e consentendo di navigare online in anonimato. Ci sono diverse VPN che possiamo installare, molte sono a pagamento ma ce ne sono anche alcune gratuite. Possiamo ad esempio ricorrere a Opera VPN, disponibile come app per Android e iOS, ma anche integrata nel browser Opera per computer.

6 Disattivare il Wi-Fi quando non serve. Solitamente computer e dispositivi mobile sono configurati per cercare una rete Wi-Fi libera e collegarsi automaticamente. Può capitare, quindi, che anche quando non ne abbiamo bisogno, siamo connessi a una rete senza fili ed esposti all’attacco di qualche pirata informatico. Ecco perché è sempre bene disattivare manualmente il WiFi quando non ci serve, anche perché ci fa risparmiare la batteria.

7 Navigare con attenzione. Anche se abbiamo adottato tutte le precauzioni viste in precedenza, meglio evitare di accedere a siti che richiedono di inserire informazioni personali, quali password, numeri di conto o informazioni sulla carta di credito.  Se dobbiamo accedere a dati sensibili, meglio usare la connessione cellulare del nostro telefonino al posto del Wi-Fi pubblico.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube