HOME Articoli

Lo sai che? Pagamento su internet: qual è il metodo più sicuro?

Lo sai che? Pubblicato il 29 giugno 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 giugno 2017

Il commercio elettronico è veloce e divertente, oltre che più economico. Ma occorre farlo in sicurezza. Vediamo come.

Il commercio elettronico – quello, cioè, tramite internet – non conosce crisi, anzi. Si diffonde sempre di più proprio perché consente di acquistare in sicurezza, risparmiando e in pochi minuti (basta un pc, un telefonino e una connessione internet). È importante, tuttavia, essere consapevoli dei rischi che si corrono, soprattutto se si utilizzano siti poco affidabili, nella fase di pagamento. In questo articolo cercheremo di capire quali sono i  metodi più sicuri per pagare su internet.

PayPal: il pagamento online in assoluto più sicuro

Pagamento su internet: PayPal

Senza nessun dubbio, possiamo dire che, tra tutti, PayPal è il metodo di pagamento più sicuro, dato che tra venditore e acquirente non c’è alcuno scambio di dati sensibili (come credenziali bancarie, dati personali, ecc.). Basta associare una qualsiasi carta di credito, prepagata o bancomat a un conto PayPal e l’acquisto avverrà solo sfruttando la relativa piattaforma che ci chiederà esclusivamente username e password per ciascuna operazione come se entrassimo in una normale casella di posta elettronica e permettendo di tracciare ogni transazione. Non solo: PayPal, negli ultimi anni, ha elaborato un programma protezione acquirenti valido per molti siti (come eBay): in pratica, se la merce che abbiamo acquistato non arriva, arriva danneggiata o non è come ce la aspettavamo, i soldi ci verranno restituiti direttamente sul conto PayPal.

Pagamento su internet: Amazon Pay

Si tratta di un nuovo servizio di pagamento garantito da Amazon, utilizzabile in Italia da aprile scorso. In sostanza i clienti in possesso di un account Amazon possano comprare in modo molto veloce su tutte le piattaforme online che si servono da Amazon stesso: detto in atri termini, non sarà necessario avere un account per ogni sito web ma sarà sufficiente inserire e-mail e password di Amazon e il gioco è fatto. Il funzionamento è molto simile a quello di PayPal con una garanzia certa sulla sicurezza dei pagamenti, quindi: le informazioni di pagamento, infatti, non vengono divulgate e restano riservate; inoltre, nel caso di transazioni non autorizzate, c’è la possibilità di un rimborso così come anche se la merce è diversa da quella ordinata o difettosa.

Bonifico: sicuro ma non sempre veloce

Pagamento su internet: bonifico

Non tutti hanno un conto e una carta PayPal. In tal caso, il metodo più sicuro e tracciabile per l’e-commerce è il bonifico che garantisce eventuali rimborsi e ha valore in sede legale e fiscale. L’unica pecca è la scarsa rapidità: mentre con PayPal, infatti, il pagamento è immediato, in questo modo i tempi si allungano e variano da banca a banca; il venditore non riceverà il denaro prima di 3-7 giorni lavorativi e chiaramente non invierà prima la merce.

Altro punto a sfavore sono le commissioni che le banche applicano al pagamento con bonifico.

Pagamento su internet: carta di credito e carta di debito

Il metodo di pagamento più sicuro online e attualmente anche quello più diffuso e utilizzato, è la carta di credito o carta di debito. È facile e veloce, sia per chi acquista sia per chi vende a patto che si verifichi sempre prima che il sito sia il più possibile attendibile, mettendo a disposizione gli standard di sicurezza, tipo Verified by Visa, MasterCard SecureCode o Norton Secured.

Pagamento su internet: carte prepagate

In alternativa alla classica carta di credito o di debito, altro metodo di pagamento sicuro sono le carte prepagate, alcune delle quali, tramite un pratico codice Iban, consentono addirittura di inviare e ricevere bonifici bancari, o volendo, anche di farsi accreditare lo stipendio (si legga Carte prepagate: cosa sono e come funzionano). Il pagamento è tracciabile e sono sicuro perché il rischio di frode è davvero minimo: se, ad esempio, devo comprare su internet una bici che costa 150 euro e sulla carta carico esattamente questo importo, non mi si potrà sottrarre più di 150 euro. Le carte prepagate, quindi, permettono di tenere sempre sotto controllo la cifra da spendere con un funzionamento del tutto simile al credito telefonico sul cellulare: esauriti i soldi caricati sulla carta, non è possibile continuare gli acquisti.

Il problema si pone nel caso di eventuali rimborsi perché non sempre sono ammessi. Altra scocciatura è che vanno ricaricate e lo si può fare in posta, alla banca emettritrice o presso un servizio abilitato (come un tabacchino). Da questo punto di vista, molto conveniente è PostePay collegata a un conto corrente postale: in tal caso è possibile girare i soldi dal conto alla carta in pochissimi minuti senza uscire di casa.

Codici acquisto: comodi ma non sempre sicuri

Pagamento su internet: codici d’acquisto

Non tutti sanno cosa sono i codici di acquisto: si tratta di una specie di buoni – dal valore di 10 fino a 100 euro – che si possono comprare presso un tabacchino Lottomatica che servono a pagare sui siti che li accettano; ad esempio su Amazon si possono comprare questi buoi e ricaricare il nostro conto così da avere denaro sufficiente per la spesa. Comodi, quindi, ma non totalmente sicuri: ottenere un rimborso è molto difficile.

Il contrassegno comporta un costo extra

Pagamento su internet: contrassegno

Il contrassegno è il metodo di pagamento “tradizionale” e utilizzato soprattutto da chi non ha molta dimestichezza con carte, conti, bonifici: permette di pagare l’ordine direttamente al corriere quando ce lo consegna. Il problema è che non è un metodo sempre economico dato che, nella quasi totalità dei casi, è necessario pagare un costo extra. E anche per ottenere uno storno la procedura è molto lunga e laboriosa.

Pagamento su internet: Mobile Payment

Il futuro dello shopping online è la mobilità: con Mobile Payment è possibile effettuare acquisti pagando direttamente dal proprio smartphone. Non serve una carta di credito o un conto corrente bancario. Il costo del contenuto, infatti, sarà addebitato direttamente sul credito telefonico in caso di ricaricabile o in conto telefonico nel caso dei clienti con abbonamento, sempre con la massima chiarezza e garantendo il totale controllo della spesa.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI