HOME Articoli

Lo sai che? Sequestro somme srl: si può in una causa penale?

Lo sai che? Pubblicato il 5 luglio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 5 luglio 2017

È vero che il tribunale non può sequestrare le somme di una srl se la causa era una causa penale ed interessava l’agire dell’amministratore unico di altra società fallita?

Il lettore ci dice che, essendo la srl (chiamiamola Alfa) una società diversa srl dichiarata fallita (chiamiamola Beta), il tribunale in sede penale non avrebbe potuto sequestrare i beni della prima del tutto estranea al procedimento penale.

L’elemento comune tra le due società sia solamente il fatto che avevano lo stesso amministratore, già condannato in primo grado per bancarotta fraudolenta della Beta srl, oltre al fatto che la predetta Alfa srl era di proprietà della Beta srl.

Stando così le cose e, ferma restando la necessità di approfondire la questione anche attraverso la lettura degli statuti di entrambe le società, ciò che il lettore sostiene non è del tutto privo di fondamento. Vero è, infatti, che la Beta srl era di proprietà della Alfa ma si tratta formalmente di due società distinte. Il fallimento di una delle due non coinvolge, necessariamente l’altra specie se, come in questo caso, a fallire non è la “controllante” (la Beta) ma la “controllata”.

Detto questo, la cosa che non convince in questa vicenda è che un provvedimento del genere sia stato adottato nel corso del giudizio penale per bancarotta fraudolenta a carico dell’amministratore. La sede naturale in cui far valere le pretese anche nei confronti della Beta srl, quale proprietaria della Alfa, non doveva essere quella penale – che riguarda la responsabilità individuale dell’amministratore – bensì quella civile.

Pertanto, ferma restando la necessità di un serio approfondimento della questione (parecchio complessa ed articolata sotto il profilo giuridico) ci sono gli estremi per articolare una istanza di dissequestro il cui esito, in ogni caso, non appare per nulla scontato.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Antonio Ciotola


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI