Diritto e Fisco | Articoli

Chi deve pagare l’Imu?

6 Luglio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 Luglio 2017



Una breve guida per individuare chi sia obbligato per legge a versare l’Imu.

 

Chi deve pagare l’Imu? In linea generale sono obbligati a versare l’Imu (imposta municipale unica) tutti i proprietari di immobili ubicati sul territorio italiano ed anche tutti coloro i quali risultino essere titolari di diritti reali di godimento su beni immobili, cioè l’usufruttuario, il titolare del diritto di abitazione (come è il coniuge superstite relativamente all’abitazione in cui si svolgeva la vita familiare) e i titolari del diritto d’uso, di enfiteusi e di superficie.

Chi deve dunque pagare l’Imu? Individuati i soggetti obbligati per legge al pagamento dell’Imu, occorre subito precisare che:

  • l’immobile che funge da abitazione principale con le relative pertinenze (ad esempio solai, box, cantina) sono esenti a meno che non rientrino nelle categorie catastali A1 (abitazioni signorili), A8 (ville) e A9 (castelli);
  • per abitazione principale si intende l’immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, ne quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente;
  • nel caso di coniugi con residenze diverse nello stesso comune, l’esenzione spetta per una sola delle due abitazioni, mentre nel caso di residenze in due comuni distinti entrambi i coniugi potranno usufruire della esenzione per l’abitazione principale;
  • l’esenzione si estende alle pertinenze dell’abitazione principale con il limite di una pertinenza per ogni categoria nella quale le pertinenze sono classificate in catasto; così, ad esempio, si potrà non pagare l’Imu per una pertinenza classificata C2 (cantina o soffitta a meno che non vi sia già un vano dell’abitazione principale classificato in questo modo), per una pertinenza classificata C6 (box oppure posto auto) e per una pertinenza classificata C7 (tettoia): ogni altra pertinenza pagherà l’aliquota ordinaria;
  • la legge equipara all’abitazione principale e, quindi, esenta dal pagamento dell’Imu anche: 1) un immobile ad uso abitativo posseduto in Italia da cittadini italiani non residenti ed iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero, se sono già pensionati nei paesi ove risiedono e se il possesso è a titolo di proprietà o usufrutto e l’immobile non sia locato o ceduto in comodato; 2) la casa coniugale assegnata al coniuge separato o divorziato con il provvedimento che sancisce la separazione legale o l’annullamento o lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio a condizione che egli vi dimori abitualmente e vi abbia la residenza anagrafica; 3) gli immobili di proprietà delle cooperative a proprietà indivisa e che siano adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari o abitate da studenti che siano soci assegnatari anche se non vi risiedono; 4) gli immobili destinati ad alloggi sociali in base al decreto ministeriale del 22.4.2008; 5) una unità immobiliare e relative pertinenze (se non concesse in affitto) possedute dal personale in servizio permanente delle forze armate, della polizia, del personale dei vigili del fuoco e del personale della carriera prefettizia (indipendentemente dalla dimora e dalla residenza); 6) i comuni possono anche considerare abitazione principale ed esentare dal pagamento dell’Imu (indicandolo nel regolamento locale) l’abitazione, non locata, posseduta a titolo di proprietà o usufrutto da anziani o disabili che permanentemente siano ricoverati e trasferiscano la loro residenza in case di cura o istituti sanitari.

Per continuare a rispondere al quesito su chi deve pagare l’Imu, occorre aggiungere che vi sono tenuti (escluse le esenzioni appena menzionate):

  • come già detto, tutti i proprietari di immobili ubicati sul territorio italiano ed anche tutti coloro i quali risultino essere titolari di diritti reali di godimento su beni immobili, cioè l’usufruttuario, il titolare del diritto di abitazione e i titolari del diritto d’uso, di enfiteusi e di superficie;
  • nel caso di più comproprietari – o più contitolari di diritti reali di godimento – ciascuno è obbligato in proporzione alla propria quota effettuando distinti versamenti;
  • nel caso di separazione giudiziale, è tenuto al pagamento solo l’ex coniuge assegnatario dell’immobile anche se non proprietario (l’ex coniuge non assegnatario, invece, non ha alcun obbligo di pagare l’Imu anche se fosse proprietario);
  • nel caso di immobile compreso in una procedura fallimentare, il soggetto passivo di imposta è il soggetto dichiarato fallito anche se tocca al curatore l’obbligo di eseguire i versamenti.

Infine, per completare la risposta alla domanda su chi deve pagare l’Imu, va detto che l’imposta è dovuta su:

  • fabbricati, compresi quelli rurali (cioè su unità immobiliari iscritte o che devono iscriversi in catasto; per i fabbricati in costruzione l’Imu si applica sull’area fabbricabile su cui la costruzione o la ricostruzione sta avvenendo);
  • aree fabbricabili (quelle così classificate nel piano regolatore comunale anche se non approvato dalla regione o se non siano stati ancora approvati i piani particolareggiati necessari per utilizzare concretamente il suolo per scopi edilizi);
  • terreni agricoli (sono esenti solo quelli ubicati in comuni montani o collinari elencati in circolare ministeriale [1], oppure quelli agricoli ubicati in altri comuni se possiedono almeno una delle seguenti caratteristiche: 1) ovunque si trovino se siano condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionisti iscritti alla previdenza agricola; 2) siano ubicati nei comuni delle isole minori [2] indipendentemente da chi li possieda o conduca; 3) siano ad immutabile destinazione agro – silvo – pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile, ovunque si trovino ed indipendentemente dal possesso);
  • terreni incolti.

note

[1] Circolare ministeriale n. 9 del 14 giugno 1993.

[2] All. A della l. n. 448 del 28 dicembre 2001.


scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA