Diritto e Fisco | Articoli

Presidente del Consiglio Comunale: può fregarsene dei capi gruppo?

5 Luglio 2017
Presidente del Consiglio Comunale: può fregarsene dei capi gruppo?

È corretto che il presidente del consiglio comunale nomini i componenti delle commissioni consiliari, discostandosi dalle designazioni ricevute dai capi gruppo, senza informarli e non motivando i criteri seguiti?

 

Il Presidente del Consiglio Comunale è una figura istituzionale di garanzia cui sono conferiti poteri di direzione e coordinamento che deve esercitare in maniera neutrale ed imparziale [1]. Presiede, infatti, il consiglio ed è investito del potere di convocazione, oltre che di direzione dei lavori e delle attività (decide, ad esempio, sugli interventi dei consiglieri, ammette le interpellanze, le interrogazioni e le mozioni dei singoli consiglieri, dirige la seduta del consiglio ecc.). Il Presidente del Consiglio Comunale ha inoltre il compito di fornire una adeguata e preventiva informazione ai gruppi consiliari ed ai singoli consiglieri sulle questioni sottoposte al consiglio. Il Presidente del Consiglio Comunale deve, infatti, tutelare i diritti e le prerogative dei consiglieri, garantendo l’esercizio effettivo delle loro funzioni e curando l’osservanza e la corretta interpretazione dello statuto e del regolamento comunale.

Occorre considerare le disposizioni contenute nello statuto e nel regolamento comunale a cui occorre sempre fare riferimento. Si può dunque osservare che il comportamento tenuto in specie dal Presidente del Consiglio Comunale possa configurare violazione delle regole previste dallo statuto e dal regolamento comunale nel momento in cui non sono stati rispettati i criteri e la procedura di nomina dei componenti delle commissioni consiliari. A norma dello statuto e del regolamento, tale procedura avrebbe dovuto avvenire su designazione dei capi gruppo consiliari, con criterio proporzionale, in modo da assicurare, in ogni caso la presenza e rappresentanza di ciascun gruppo e la proporzionalità del voto. Circostanza che nel caso di specie non sarebbe avvenuta. Si ritiene, pertanto, che la condotta tenuta dal Presidente del Consiglio Comunale sia criticabile e potrebbe costituire motivo di revoca dall’incarico da valutarsi alla luce delle disposizioni contenute nello statuto e del regolamento comunale (anche con riferimento alle modalità di interrogazione che i consiglieri possono rivolgere al Presidente del Consiglio Comunale).

Nel caso in cui il Presidente del Consiglio Comunale faccia un cattivo uso delle sue funzioni può difatti essere sottoposto a una procedura di revoca, che può dipendere dalla violazione delle regole di imparzialità, correttezza e rappresentanza [2], cioè quando lo stesso abbia assunto un atteggiamento incompatibile con il suo ruolo istituzionale [3] quale può discernere dalla violazione delle disposizioni procedurali contenute nello statuto e nel regolamento comunale.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Leonardo Serra


note

[1] Art. 39 d.lgs. n. 267 del 18.08.2000.

[2] Cons. Stato sent. n. 114 del 18.01.2006.

[3] Tar Sicilia Palermo sent. n. 1062 dello 04.08.2008.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube