Business | Articoli

Sigarette: aumentano i costi e non si può fumare più

24 Gennaio 2017
Sigarette: aumentano i costi e non si può fumare più

Programmato da tempo il nuovo aumento lieve dei costi del pacchetto, ma la novità è che da febbraio non si può fumare più neanche all’aperto. Ecco i dettagli.

Nel mondo del tabacchi le notizie di questi giorni sono due.
La prima è che si verificherà nei prossimi giorni un lieve aumento del costo a pacchetto. Si tratta di un aumento programmato determinato dal progressivo aggiustamento del costo delle accise sul valore ponderato di un chilogrammo di sigarette.
Gli aumenti saranno minimi e non impatteranno il consumatore finale, almeno non quanto lo farà l’entrata in vigore dei nuovi divieti.

Divieto di fumo praticamente ovunque

Dal prossimo 2 febbraio entra in vigore il decreto legislativo sui tabacchi che adeguandosi alla normativa europea prescrive il divieto di fumo anche all’aperto nei pressi di:

  • scuole;
  • ospedali;
  • università.

Sarà inoltre vietato fumare in macchina, sia al conducente sia ai passeggeri, qualora a bordo siano presenti minori e donne in gravidanza.

In forza del decreto sono cambiate inoltre anche le regole in materia di vendita. Ecco come.

Vendita tabacchi: le nuove regole 2017

Già dallo scorso 20 maggio la vendita di tabacchi ai minori è oggetto di pesanti sanzioni: si prevede difatti una multa che va da 500 a 3mila euro, nonché la sospensione della licenza per 15 giorni.
Qualora si verifichi una violazione recidiva la multa salirà da mille a 8mila euro, e la licenza sarà revocata.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube