Diritto e Fisco | Articoli

Videosorveglianza e difesa dai furti: vantaggi fiscali

5 Luglio 2017 | Autore:
Videosorveglianza e difesa dai furti: vantaggi fiscali

Sono previste delle misure fiscali di favore per chi acquista sistemi di videosorveglianza o si attiva per difendersi dai furti: vediamo quali sono.

La nostra epoca è caratterizzata da due fenomeni: l’aumento della criminalità da un lato e la limitazione delle risorse a disposizione delle forze dell’ordine dall’altro: questo determina l’aumento dei furti, soprattutto negli appartamenti.

Per questo la legge [1] prevede dei vantaggi fiscali per l’acquisto di impianti di videosorveglianza e per l’adozione di sistemi per difendersi dai furti: in questo modo si vuole in qualche misura aiutare il cittadino a difendersi contenendo la spesa pubblica.

Vediamo quali sono i vantaggi fiscali previsti per chi acquista ed installa sistemi di videosorveglianza delle sue proprietà o comunque si dota di strumenti atti a prevenire i furti nelle abitazioni o nei propri spazi.

Credito d’imposta per videosorveglianza

Innanzitutto, i privati cittadini che acquistano un impianto di videosorveglianza digitale o di allarme, e lo installano presso la propria abitazione o presso spazi di loro proprietà non adibiti ad impresa o ad esercizi commerciali, hanno diritto a vedersi un credito di imposta da utilizzare nella dichiarazione dei redditi.

Il credito di imposta per impianti di videosorveglianza ammonta al 100% della somma pagata per acquistare ed installare l’impianto di sorveglianza.

Il credito di imposta vale per acquisti di strumenti di videosorveglianza non destinati al lavoro autonomo, all’impresa o ad altre attività commerciali e speculative; il codice tributo da utilizzare nella dichiarazione per usufruire del credito di imposta relativo all’acquisto ed alla installazione di impianti di videosorveglianza od allarme è il 6874.

Credito di imposta per servizi di vigilanza

La stessa disposizione e dunque gli stessi vantaggi fiscali si applicano anche al privato cittadino che stipula con una impresa di vigilanza e sorveglianza un contratto per la difesa dei propri immobili non commerciali. In questi casi quindi il credito di imposta ammonta all’intero costo sopportato per l’instaurazione e lo svolgimento del rapporto contrattuale.

Come usare i crediti di imposta per videosorveglianza e vigilanza

I crediti di imposta per acquisto ed installazione di impianti di videosorveglianza od allarme e per la stipula di contratti di vigilanza va utilizzato nella dichiarazione dei redditi per il 2016, ed è compensabile a partire dal 30 marzo 2017. L’eventuale credito di imposta non utilizzato potrà essere usato nelle successive annate fiscali.

Occorre conservare le fatture di acquisto e le quietanze di pagamento in originale, e dotarsi di una autocertificazione attestante che l’immobile per il quale si è stipulato il contratto di vigilanza o sul quale si sono installati gli impianti di videosorveglianza ed allarme è destinato esclusivamente ad uso abitativo e non imprenditoriale o commerciale.


note

[1] Art. 1, comma 982, della legge n. 208/2015.

Autore immagine: Pixabay


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube