HOME Articoli

Le Guide Dove studiare diritto penale

Le Guide Pubblicato il 6 luglio 2017

Articolo di




> Le Guide Pubblicato il 6 luglio 2017

Se dobbiamo sostenere l’esame all’università o un concorso pubblico, possiamo scegliere tra una serie di testi molto validi: eccone un breve rassegna.

La scelta del miglior manuale di diritto penale dipende dall’obiettivo che si vuole perseguire (esame all’università, abilitazione, concorso). In commercio esistono molti libri che trattano in modo eccellente sia la parte generale che la parte speciale. Si va da quelli «classici» a quelli «di nuova generazione». Scopriamo quindi dove studiare diritto penale con una rapida carrellata dei testi migliori.

Libri di diritto penale per l’università

Chi è all’università può scegliere tra una serie di manuali, tutti validissimi e ideali per prepararsi al meglio in vista dell’esame di diritto penale. Lo studio universitario richiede un approccio teorico e abbastanza dottrinale. Non serve quindi comprare testi ricchi di giurisprudenza, utili più per i percorsi professionali e post-universitari. Un buon manuale per chi abbraccia per la prima volta la materia è sicuramente il Marinucci Dolcini («Manuale di diritto penale», edito da Giuffrè). Estremamente chiaro nell’affrontare tutti gli aspetti della materia, questo libro è sicuramente uno dei più usati dagli studenti universitari, perché assicura una facile e rapida comprensione degli istituti.

Se vogliamo avere un approccio un po’ diverso nello studio del diritto penale, poi, possiamo scegliere tra i testi squisitamente dottrinali, come l’Antolisei, il Mantovani e il Fiandaca Musco. Questi libri affiancano all’ esauriente trattazione degli istituti l’autorevole pensiero dei loro Autori. Sono tutti e tre molto scorrevoli, completi ed approfonditi in loro parte. Studiando bene uno di questi manuali, lo studente acquisisce una solida preparazione di base, fondamentale anche in vista del percorso post-universitario. Il Fiandaca Musco, in particolare, tratta gli argomenti con un approccio casistico. Al fine di spiegare al meglio gli istituti di diritto penale, gli autori inseriscono all’inizio di ogni paragrafo la descrizione di un caso pratico, concreto. In questo modo lo studente potrà accostare lo studio teorico a quanto succede nella vita di tutti i giorni. Il Mantovani, poi, è una pietra miliare tra i manuali di diritto penale. Chi studia da questo libro rimarrà sicuramente soddisfatto e acquisirà una rilevante conoscenza tecnico-giuridica della materia.

Libri di diritto penale per i concorsi

I testi elencati nel paragrafo precedente sono sicuramente sufficienti per lo studio universitario, ma possono non esserlo per ciò che arriva dopo la laurea. Se dobbiamo affrontare un concorso importante, come quello in magistratura, dovremo aggiungere ad una solida preparazione di base una importante conoscenza della giurisprudenza più recente. Vengono quindi in aiuto i cosiddetti «manuali di nuova generazione», quelli di R. Garofoli (Nel Diritto editore) e F. Caringella (edito da Dike giuridica editrice). Entrambi sono molto validi per preparare un concorso pubblico rilevante. Alla trattazione teorica e dottrinale si affianca quella squisitamente giurisprudenziale (ormai assolutamente necessaria). Per ogni argomento vengono analizzati gli orientamenti della Cassazione, da quelli meno recenti a quelli più attuali. Non a caso questi manuali sono costantemente aggiornati (si viaggia al ritmo di un’edizione l’anno). Ciò risulta fondamentale per rimanere al passo con la giurisprudenza di legittimità (sempre in evoluzione), oltre che con le novità legislative più importanti.

Entrambe le case editrici, inoltre, hanno messo da qualche anno in commercio i «compendi major» (Dike) e i «compendi superiori» (Nel Diritto): entrambi superano di poco le 700 pagine (per la parte generale). Anche se classificati come compendi, ciò non deve trarre in inganno: questi libri sono molto scorrevoli e assicurano nel contempo una preparazione abbastanza solida. Se si vuole tentare il concorso in magistratura poi, può essere necessario integrare il tutto con l’acquisto di specifiche riviste settoriali, così da aggiornarsi mensilmente sugli orientamenti della Suprema Corte.

I libri e i compendi Simone

Che si tratti di preparare un esame o sostenere un concorso, i manuali e i compendi della Simone possono rivelarsi molto utili, se non imprescindibili. Con uno stile di scrittura estremamente chiaro e schematico, questi libri si rivelano spesso fondamentali per chiarire meglio le idee sulla materia e ripetere tutto in breve tempo. I manuali di diritto penale della Simone (autori Luigi Delpino e Rocco Pezzano), espongono in modo completo tutti gli istituti di parte generale e i reati di parte speciale. Il registro è molto semplice, ideato per facilitare la memorizzazione definitiva dei concetti base. Nei compendi, inoltre, di rado ci imbatteremo in schemi ed elenchi puntati. I libri di questa casa editrice si rivelano essenziali per preparare al meglio i concorsi pubblici o la prova orale dell’esame di abilitazione alla professione forense.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI