Diritto e Fisco | Articoli

Palestre e strutture sportive: arriva l’obbligo del defibrillatore

7 Luglio 2017 | Autore:
Palestre e strutture sportive: arriva l’obbligo del defibrillatore

Attività sportive non agonistiche: quando è obbligatorio il defibrillatore nelle strutture sportive.

Le società e le associazioni sportive dilettantistiche devono dotarsi, a partire dal 1 luglio 2017, di defibrillatori e dispositivi salva vita, al fine di salvaguardare la salute dei cittadini che praticano un’attività sportiva non agonistica o amatoriale [1].

L’obbligo di dotazione e impiego di defibrillatori semiautomatici ed eventuali altri dispositivi salvavita si intende assolto da parte delle associazioni e società sportive dilettantistiche:

  •  qualora utilizzino un impianto sportivo che sia dotato di defibrillatore semiautomatico o a tecnologia più avanzata;
  • qualora sia presente una persona debitamente formata all’utilizzazione del dispositivo durante le gare inserite nei calendari delle Federazioni sportive nazionali e delle discipline sportive associate, durante lo svolgimento di attività sportive con modalità competitive e attività agonistiche di prestazione disciplinate dagli enti di promozione sportiva, nonché durante le gare organizzate da altre società dilettantistiche.

Le associazioni e le società sportive dilettantistiche hanno l’obbligo di accertare, prima dell’inizio delle gare e per il tramite di propri referenti incaricati, la presenza del defibrillatore all’interno dell’impianto sportivo, la regolare manutenzione e il funzionamento dello stesso.

Se utilizzano l’impianto sportivo, devono assicurarsi che durante le gare da esse organizzate sia presente la persona debitamente formata all’utilizzazione del dispositivo.

La mancanza del defibrillatore semiautomatico o a tecnologia più avanzata determina l’impossibilità di svolgere le attività sportive.

Sono escluse dall’obbligo del defibrillatore e del personale formato:

  • le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano la propria attività al di fuori di un impianto sportivo;
  • le società o associazioni sportive dilettantistiche che praticano sport a ridotto impegno cardiocircolatorio (per esempio: golf, bocce, dama ecc.) [2].

note

[1] Ministero della Salute, D.M. del 26 giugno 2017.

[2] Allegato A del D.M. del 26 giugno 2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. In una palestra con frequenza media di 200 persone ora, su più livelli, piscina, sauna ecc.
    Quanti defibrillatori ci dovrebbero essere e quanto personale qualificato in contemporanea ?
    saluti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube