Diritto e Fisco | Articoli

Che rischio se affitto casa a un immigrato clandestino

9 Luglio 2017
Che rischio se affitto casa a un immigrato clandestino

Immigrati irregolari: l’affitto in nero è reato. Non conta il fatto che il clandestino non possa indicare i propri dati nell’atto di registrazione.

Dare una casa in affitto a un immigrato clandestino, senza registrare il contratto, non è solo un illecito tributario (per il quale si pagano le relative sanzioni all’Agenzia delle entrate a causa dell’evasione), ma anche un reato, nella specie quello di favoreggiamento dell’emigrazione. È questo l’importante chiarimento fornito dalla Cassazione con una recente sentenza [1]. Non conta, secondo i giudici, il fatto che il canone di locazione sia quello di mercato e che il locatore non sfrutti lo stato di necessità del clandestino per lucrare di più di quanto altrimenti gli spetterebbe: il vantaggio economico che dalla condizione di irregolarità dello straniero ne trae il locatore è quello della impossibilità di registrare il contratto e, quindi, di rimanere nell’ambito dell’affitto in nero. Ma procediamo con ordine e vediamo cosa si rischia ad affittare casa a un immigrato clandestino irregolare.

Anche a canone di mercato, affittare casa a un clandestino è sempre reato

Si può registrare un contratto di affitto con un immigrato clandestino? Tecnicamente no, perché i suoi dati – per il fisco italiano – non esistono e, quindi, non esiste neanche un codice fiscale. Proprio per questo, chi vuol affittare casa a uno straniero irregolare deve per forza farlo “in nero”. Ebbene, questa situazione, che inevitabilmente porta il locatore a non pagare le tasse sul contratto, è un vantaggio che quest’ultimo riceve dalla condizione di altrui clandestinità e, come tale, rientra nelle ipotesi previste dal reato di favoreggiamento dell’immigrazione con cessione dell’immobile. In particolare, la legge [2] punisce con la reclusione da sei mesi a tre anni chiunque – dietro compenso (sono quindi esclusi i prestiti gratuiti, ossia il comodato) – «al fine di trarre ingiusto profitto», dà alloggio oppure cede, anche in locazione, un immobile ad uno straniero privo di titolo di soggiorno al momento della stipula o del rinnovo del contratto di locazione.

Come si evince dal testo della norma che abbiamo appena riportato, perché sussista il reato è necessario l’ingiusto profitto. A tal fine non è necessario lo sfruttamento della sfavorevole condizione dell’immigrato, ma è sufficiente l’illegale condizione dello straniero che abbia reso più convenienti le condizioni contrattuali per il proprietario di casa. Ed è proprio il caso dell’evasione fiscale conseguente alla mancanza di un regolare contratto.

Dunque, per rispondere al quesito iniziale, ossia cosa si rischia se si dà in affitto casa a un immigrato clandestino, è bene ricordare che:

  • da un punto di vista fiscale, l’Agenzia delle Entrate potrà recuperare a tassazione i canoni non dichiarati, applicando altresì le sanzioni per l’evasione fiscale che, in questo caso, vanno da un minimo del 240% del canone di locazione pagato al un massimo del 480% (leggi Cosa rischia chi affitta in nero?);
  • da un punto di vista penale, un’incriminazione per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione con cessione dell’immobile. A tal fine, secondo la Cassazione, non è necessario che il canone di affitto sia eccessivo in relazione all’immobile locato e ai prezzi di mercato: basta, infatti, il semplice fatto di non aver registrato il contratto per poter ottenere quell’ingiusto profitto dalla situazione di clandestinità per integrare il reato.

note

[1] Cass. sent. n. 32391/2017.

[2] Art. 12, co. 5 bis del Dlgs 286/1998.

Autore immagine: Pixabay. com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube