Business | Articoli

Spese sanitarie: opposizione alla pubblicazione, ecco come fare

26 Gennaio 2017
Spese sanitarie: opposizione alla pubblicazione, ecco come fare

Spese sanitarie imbarazzanti? Ecco come non includerle nella dichiarazione dei redditi.

Potrebbe capitare che per questioni di privacy si decida di non presentare in dichiarazione dei redditi alcune spese sanitarie specifiche delle quali non si vuole dare in alcun modo evidenza.

È possibile, in questi casi, esercitare un’opposizione in maniera totalmente autonoma. Ecco come.

Opposizione alle spese sanitarie: come fare

Le spese sanitarie vengono automaticamente inserite in dichiarazione dei redditi a causa dell’obbligo da parte degli esercenti di farmacie e parafarmacie, così come dei medici, di trasmettere questi dati al sistema tessera sanitaria.

Potrebbe capitare però che alcune di queste spese generino situazioni «imbarazzanti» o, più semplicemente, mostrino interventi dei quali non si vuole dare evidenza a nessuno. Esiste una possibilità semplice per opporsi all’inserimento nella dichiarazione dei redditi di questo genere di spese.

Per effettuare quest’operazione il contribuente può operare in totale autonomia, online, attraverso la propria tessera sanitaria. Ecco la procedura da seguire.

Opposizione alle spese sanitarie: procedura telematica

Per effettuare l’opposizione è necessario accedere dal 10 febbraio al 9 marzo 2017 all’area autenticata del sito web del Sistema Tessera Sanitaria.

Per entrare sarà sufficiente la propria tessera sanitaria o accedere attraverso le credenziali di Fisconline.

Si verrà a conoscenza di tutte le spese inserite in dichiarazione dei redditi di default. Selezionando da questa lista le spese che non si vuole che appaiano, sarà possibile eliminarle dalla lista.

Naturalmente l’eliminazione comporterà anche la perdita della possibilità di detrarre tali spese dalle tasse.

Altra opzione per modificare le spese sanitarie

Come è noto non è obbligatorio che si presenti la dichiarazione dei redditi utilizzando il modello precompilato dall’Agenzia. Presentando in autonomia il modello sarà sempre possibile dunque escludere le spese delle quali non si vuol dare evidenza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube