Diritto e Fisco | Articoli

Bonifico, che succede se Iban e beneficiario non coincidono?

10 Luglio 2017
Bonifico, che succede se Iban e beneficiario non coincidono?

Che fine fa il pagamento se viene indicato un Iban esatto e il beneficiario errato o viceversa?

Quando si fa un pagamento tramite bonifico – sia che ciò avvenga online (tramite e-banking) che allo sportello della banca, è necessario indicare tanto il nome del beneficiario che il codice Iban. C’è infine lo spazio per la causale del pagamento che, a differenza dei primi due campi, può essere liberamente compilato secondo le specifiche esigenze del caso concreto e senza dover ricorrere a formule predeterminate.

Potrebbe però capitare che uno di primi due dati (Iban o beneficiario) non venga riportato correttamente. Ad esempio, potrebbe avvenire che, nella lunga serie di numeri che compongono l’Iban, uno di questi non sia esatto; o che si erri nell’indicazione del beneficiario. Si pensi alla denominazione di una società (ad esempio Bianchi Srl anziché Bianchi Snc) o alla confusione che spesso si fa tra la ditta e i nomi dei soci (Sig. Bianchi Angelo piuttosto che Bianchi & soci Sas). Ebbene, che succede se Iban e beneficiario non coincidono? In particolare, quali sono le conseguenze se l’Iban è corretto mentre il nome del beneficiario non lo è o, viceversa, se l’indicazione del beneficiario è esatta ma si sbaglia nel riportare i numeri dell’Iban?

Dal 2010 le regole sui bonifici sono mutate [1]. Oggi il trasferimento dei soldi segue l’identificativo unico ossia l’Iban. Pertanto, se l’Iban è esistente, la somma verrà accreditata al relativo titolare del conto cui detto Iban corrisponde. Pertanto:

  • se l’Iban è esatto e il beneficiario è sbagliato, il pagamento andrà ugualmente a buon fine e il destinatario della somma, benché non correttamente identificato, riceverà il pagamento;
  • viceversa, se l’Iban è sbagliato e il beneficiario è esatto, bisogna distinguere due diverse ipotesi: a) se l’Iban è comunque esistente, l’accredito della somma andrà a finire a un soggetto diverso; b) se l’Iban non è invece esistente (si pensi al caso in cui si è riportato un numero in meno), il pagamento non partirà mai.

Si comprende bene che l’unico caso in cui si può porre un problema nel caso in cui Iban e beneficiario non coincidono è se l’errore ricade sull’Iban e se si è fornito un codice esistente e appartenente a un altro soggetto. A questo punto, le soluzioni sono due:

  • se ci si accorge immediatamente dell’errore, si può revocare il bonifico. Sul punto abbiamo già scritto in Come annullare un bonifico bancario e in Bonifico bancario sbagliato: che fare. In genere, il termine entro cui le banche consentono l’annullamento del bonifico è di due ore (anche se alcune consentono di farlo entro il termine della giornata lavorativa);
  • se ci si accorge dell’errore quando ormai la somma è stata trasferita sul conto corrente del titolare del conto, bisognerà contattare quest’ultimo e diffidarlo alla restituzione dell’importo. Se quest’ultimo non volesse adempiere non lo si potrebbe querelare, ma bisognerebbe agire solo con una causa civile di «arricchimento senza causa».

In tutto questo la banca non ha alcuna responsabilità per l’errore in cui sia caduto il proprio correntista.

FAQ

Cerchiamo di rispondere ora alle domande più frequenti in materia di errori su bonifici bancari.

Ho indicato un Iban esatto ma il beneficiario è errato: il pagamento arriva lo stesso?

Si. La legge [2] prevede che se un ordine di pagamento è eseguito conformemente all’Iban, esso si ritiene eseguito in modo corretto per quanto concerne il beneficiario e/o il conto indicato dall’Iban medesimo.

Ho indicato il beneficiario in modo corretto ma ho commesso un errore nell’Iban. A chi arriva il pagamento?

Se il codice inserito corrisponde a un Iban esistente, intestato a un soggetto differente, quest’ultimo riceverà il pagamento. È sempre possibile revocare l’Iban nelle prime ore dall’operazione oppure, successivamente, chiedendo la restituzione dei soldi al beneficiario del versamento.

La banca è responsabile se non mi dice che l’Iban e il beneficiario non coincidono?

La banca non ha colpe se non dice al correntista che l’Iban o il beneficiario non sono corretti perché non coincidono con lo stesso soggetto. L’intermediario è infatti responsabile solo dell’esecuzione dell’operazione di pagamento in conformità con l’Iban fornito dal cliente anche qualora quest’ultimo abbia fornito al suo prestatore di servizi di pagamento informazioni ulteriori rispetto all’Iban medesimo.

Se la banca utilizza le coordinate Iban fonite dal cliente, quindi, non ha responsabilità.

Esistono però delle pronunce dell’Abf – l’Arbitro bancario finanziario – che attribuiscono la responsabilità alla banca di arrivo per non essersi accorta che il nominativo del beneficiario non corrisponde al conto corrente identificato mediante le coordinate Iban. L’anomalia avrebbe quindi dovuto far sorgere una richiesta di informazioni alla banca di partenza, che in tal modo avrebbe avvisato il cliente.


note

[1] Art. 24 del Decreto legislativo 11 del 27 gennaio 2010, di attuazione della direttiva 2007/64/CE.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

13 Commenti

  1. Buonasera,

    Cosa succede nel caso in cui l’impiegato bancario abbia commesso un errore nel trascrivere il nome del beneficiario? Io ho infatti fornito tutte le informazioni corrette.

    Grazie.

  2. Cosa succede quando viene effettuato un bonifico dall’estero verso l’Italia con un codice BIC SWIFT postale e un Iban bancario che appartiene ad un altra persona

  3. IBAN esatto (relativo alla mia postepay evolutivo), intestazione errata. Contrariamente a quanto affermate, il call center di Poste Italiane mi ha appena confermato ciò che sapevo, TORNA AL MITTENTE!
    Tra l’altro nella vostra informazione mancano i riferimenti normativi in quanto la nota [2] non esiste.

    1. Ciao Marco,
      A me è capitato questo. Ho inviato dalla banca un bonifico sulla mia postpay evoluzion ma ho sbagliato lintestazione . Dopo quando tempo ritorna indietro il bonifico?

  4. Ho fatto un bonifico on line dalla francia al mio conto in italia , ho sbagliato iban , e dopo 4 ore mi sono accolta dello sbaglio e gli ho contattato la banca tramite email e loro ano detto che provvedevano a fare rientrare il bonifico ma che ci sarebbe stato un costo , che io dovrei dare un rimborso a questa banca online per fare rientrare il bonifico. LORO POSSONO VOLERE UN RIMBORSO X FARMI RIENTRARE IL BONIFICO????

  5. E brava la banca che non ha responsabilita’ per quanto riguarda errate o contrastanti coordinate di un bonifico!
    E’ successo che un mandante (contraente di una polizza vita) ha effettuato un bonifico all’IBAN di un beneficiario ma se lo ha intestato a se stesso anziche’ al vero destinatario con detto IBAN. La banca ricevente non lo ha accettato e lo ha rimandato al mittente con preghiera di riemissione del bonifico con le coordinate corrette. Scocciato da questa restituzione il contraente (per motivi anche personali) non la piu’ riemesso e il beneficiario non ha piu ricevuto la somma a lui dovuta. Scacco matto!
    Se la banca emittente avesse controllato la discrepanze nelle coordinate del bonifico in partenza cio’ non sarebbe successo.
    Se non questo, cosa controlla una banca emittente, quando, come in questo caso, si tratta di somme consistenti.
    Se il nome del mandante e’ specificato nel mandato al pari di quello del beneficiario la banca potrebbe almeno rilevare che mandante e beneficiario hanno lo stesso nome e che il bonifico il mandante se lo ha autointestato!!
    NO?

  6. Salve.
    io ho effettuato un pagamento di merce , tramite bonifico online su un iban esistente ma nome falso quindi un evidente truffa amio sfavore non ricevendo ne merce ne piu risposte al telefono che puntualmente mi viene riagganciato quando lo chiamo , mi chiedo perchè se ho l’iban e il numero di cellulare del tizio disonesto dopo aver fatto la mia bella denuncia non vengo ne rimborsato e nemmeno la soddisfazione di fargliela pagare?
    perchè nel 2018 non è possibile fare un bellissimo sgambetto a certe persone che vivono alle spalle di tutti noi persone perbene??
    credo sia una cosa veramente facile per le autorità risalire al proprietario del conto bancario .

  7. ma se l’IBAN identifica univocamente il beneficiario, a che serve richiedere il nome intestatario? L’IBAN da solo è sufficiente

  8. Cosa costerebbe alla banca di emissione controllare che beneficiario e iban corrispondano? il bonifico non partirebbe proprio. A questo punto perchè chiedere anche il beneficiario se nessuno controlla e nessuno se ne assume la responsabilità? perchè in Italia le cose di buon senso sono così difficili da applicare?

  9. Ho compilato un Bonifico internazionale di un importo molto elevato in filiale ma ho messo un IBAN errato (non corrispondente a nessun IBAN perchè mancava una lettera e un BIC sbagliato. Nonostante ciò Ufficio bonifici esteri della mia banca ha trasferito la valuta alla banca correggendo di propria iniziativa l’Iban e il Bic. Dopo qualche giorno (8 giorni dalla compilazione del bonifico) la mia filiale, invece di annullare il bonifico, mi ha chiesto di inviare l’IBAN esatto, nonostante lo avessero già fatto impropriamente loro. Ho inviato IBAN e Bic esatto, ma dopo mezzora esatta sono venuto a conoscenza che IBAN era di un truffatore. Immediatamente ho contattato la mia Banca che ha inviato, subito dopo, uno Swift per richamarlo. Dopo 7 giorni la Banca estera ha comunicato che l’importo era stato versato al presunto beneficiario. Cmq poi ha bloccato il conto da cui manca grande parte. Vorrei sapere: il bonifico con IBAN e BIC erronei poteva essere eseguito? Il giorno in cui ho comunicato , su loro richiesta, IBAN e Bic esatti prima di dare l’ok al versamento non doveva aspettare almenom2 ore? In fondo era come se il bonifico fosse sta compilato quel giorno.

  10. Se soggetto incaricato preposto ad effettuare pagamenti per conto di altri, indebitamente iscriva a se stesso parte o l’intera somma da corrispondere al titolare del credito, si ha reato di appropriazione indebita, e peculato da parte del pubblico ufficiale o dell’incaricato di un pubblico servizio. È corretta questa ipotesi di reato? Il problema maggiore nella mancata corrispondenza tra beneficiario e conto IBAN sta nella maggiore possibilità di frodi. Il corretto approccio dovrebbe essere che se la titolarità del conto non corrisponde al creditore indicato nella causale, il versamento non è possibile, così vanificando ogni mera eventualità di frode tesa a distrarre il credito da chi è deputato ad esigerlo utilizzando codice IBAN differente.

    1. Commette il reato di appropriazione indebita chi, avendo già il possesso di un bene mobile altrui, decide volontariamente di non restituirlo per trarne un profitto ingiusto. Il peculato è l’appropriazione indebita commessa dal funzionario pubblico. Il presupposto della condotta è il possesso o la disponibilità della cosa. Per il peculato entrambi devono trovare la loro ragione nell’ufficio o nel servizio svolto dai soggetti pubblici, distinguendosi così dall’appropriazione indebita che non richiede tale requisito. Per sottoporre il tuo caso specifico all’attenzione dei professionisti del nostro portale, puoi richiedere una consulenza legale cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

  11. Buon giorno

    ho dato per errore ad alcuni associati l’intestazione esatta dell’associazione che presiedo ma l’iban di un altro soggetto
    con cui opero , inspiegabilmente le somme (piccole) sono arrivate all’associazione .

    premetto che ho avvisato il soggetto dell’iban la sera stessa .
    ma tutto in 24 ore si è risolto che cosa è stato fatto? grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube