Diritto e Fisco | Articoli

Multe notificate via PEC con aumento del 6% per l’inflazione

24 Ottobre 2012 | Autore:
Multe notificate via PEC con aumento del 6% per l’inflazione

Dal 1° gennaio 2013 multe stradali notificate tramite PEC.

Le multe stradali potranno essere notificate, dal 1° gennaio 2013, attraverso posta elettronica certificata (PEC) direttamente nella casella email dell’automobilista.

Si tratta di una conseguenza [1] della istituzione dell’Anagrafe digitale: ogni cittadino potrà, infatti, comunicare alla pubblica amministrazione un indirizzo PEC quale proprio domicilio digitale. Tale indirizzo sarà poi inserito nell’Anagrafe pubblica e verrà messo a disposizione di tutte le P.A. e degli esercenti pubblici servizi.

In questo modo non verranno più addebitate sul cittadino le spese per la notifica del verbale di contestazione. Un vantaggio, tuttavia, già rosicato dall’imminente aumento delle multe del 6% per dell’aggiornamento [2] che, ogni due anni, le multe devono subire in misura pari alla variazione, stabilita dall’Istat, dell’indice dei prezzi al consumo.

 

 

 

 


note

[1] D.L. 179/2012

[2] Previsto dall’art. 195 cod. str.

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube