Diritto e Fisco | Articoli

Incidente stradale: chi deve soccorrere i feriti?

12 luglio 2017


Incidente stradale: chi deve soccorrere i feriti?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 luglio 2017



Compie reato chi è coinvolto nello scontro e non aiuta i feriti anche se non è responsabile del sinistro.

A soccorrere i feriti di un incidente stradale è chiunque sia coinvolto nell’incidente stesso, a prescindere dal fatto che ne sia responsabile o meno. Tutte le volte in cui, oltre ai danni alle auto, i conducenti o i passeggeri hanno riportato lesioni, nessuno può più allontanarsi dal luogo del sinistro e deve aspettare la polizia per la compilazione dei verbali e delle rilevazioni. Chi non lo fa può essere querelato, dagli stessi agenti sopraggiunti dopo, e subire un procedimento penale. È questo l’importantissimo chiarimento fornito ieri dalla Cassazione [1].

Cosa bisogna fare in caso di incidente?

Il codice della strada [2] indica, passo per passo, qual è il giusto comportamento in caso di incidente che devono tenere i soggetti coinvolti.

Vediamo quali sono queste condotte.

Obbligo di fermarsi e di soccorrere i feriti

L’automobilista (ma anche il motociclista o il ciclista), in caso di incidente nel quale sia rimasto in qualche modo coinvolto (a prescindere dai danni riportati e dalle responsabilità), deve fermarsi e soccorrere feriti.

Mettere in sicurezza il traffico

A tal fine l’automobilista coinvolto nell’incidente deve, per prima cosa, apporre il triangolo rosso sulla strada in modo da non creare pericolo per le altre auto. In assenza del triangolo bisogna adottare tutte le misure necessarie a prevenire altri incidenti. Se si viola questo obbligo scatta una multa da euro 84 a euro 335.

Non disperdere le tracce

In secondo luogo l’automobilista non deve modificare lo stato dei luoghi e disperdere le tracce utili per l’accertamento delle responsabilità fino a quando non è arrivata la polizia. Ad esempio non può spostare le auto o azionare fari e frecce che prima erano spenti. Se si viola questo obbligo scatta una multa da euro 84 a euro 335.

Solo nel caso in cui l’incidente abbia comportato solo danni alle auto (e non alle persone) è possibile rimuovere i mezzi coinvolti ed eventuali oggetti rimasti sulla strada che possono creare pericolo alla circolazione.

Dare il proprio nome, cognome, patente e assicurazione

I conducenti, anche se ritengono di essere dalla parte della ragione, non possono rifiutarsi di fornire le proprie generalità agli altri soggetti coinvolti nell’incidente. Pertanto devono indicare il proprio nome, cognome, i dati della patente e dell’assicurazione per garantire le pratiche risarcitorie alle persone danneggiate. Se si viola questo obbligo scatta una multa da euro 84 a euro 335.

Niente arresto in flagranza per chi aiuta i feriti

Il conducente che si fermi e, occorrendo, presti assistenza a coloro che hanno subito danni alla persona, mettendosi immediatamente a disposizione degli organi di polizia giudiziaria, quando dall’incidente derivi il delitto di omicidio colposo o di lesioni personali colpose, non è soggetto all’arresto stabilito per il caso di flagranza di reato.

Se ci sono animali feriti

Se a seguito dell’incidente sono risultati feriti animali di affezione, da reddito o protetti (non quindi qualsiasi animale, ma ad esempio cani e gatti, mucche e cavalli, pecore), l’automobilista ha l’obbligo di fermarsi e di soccorrere gli animali o di chiamare chi ha le relative competenze. Diversamente scatta la multa da euro 82 a euro 328.

Cosa si rischia se si va via prima dell’arrivo della polizia?

Chi, dopo un incidente nel quale è rimasto in qualche modo coinvolto (a prescindere dai danni riportati e dalle responsabilità) non si ferma e va via prima dell’arrivo della polizia risponde delle seguenti conseguenze:

  • se l’incidente è senza feriti, ma solo con danni ai mezzi, si rischia una semplice sanzione amministrativa che va da 294 euro a 1.174 euro;
  • se invece ci sono feriti, si rischia il reato. La sanzione comminata a seguito del processo penale è della reclusione da sei mesi a tre anni. In più scatta anche la sospensione della patente di guida da uno a tre anni;

Cosa si rischia se non si presta soccorso ai feriti?

Più grave è la sanzione per chi, in presenza di feriti bisognosi di soccorso, non presta loro assistenza. Anche in tal caso scatta un reato ma la pena minima è superiore: difatti si viene puniti con la reclusione da un anno a tre anni. C’è poi la sospensione della patente di guida per un periodo non inferiore ad un anno e sei mesi e non superiore a cinque anni.

Chi è responsabile per omissione di soccorso?

Secondo i chiarimenti forniti dalla Cassazione scatta l’omissione di soccorso per chi è coinvolto nello scontro fra auto e non presta aiuto ai feriti anche se non risulta responsabile del sinistro. E ciò perché il codice della strada non lega l’obbligo di soccorrere i feriti all’accertamento della colpa ma soltanto al verificarsi di un incidente nel quale è stato coinvolto l’automobilista.

L’omissione di soccorso si configura al di là della colpa nell’incidente perché costituisce un nuovo e ulteriore crimine rispetto agli eventuali reati di omicidio colposo o di lesioni volontarie.

note

[1] Cass. sent. n. 33761/17 dell’11.07.2017.

[2] Art. 189 cod. str.

Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 17 maggio – 11 luglio 2017, n. 33761
Presidente Ciampi – Relatore Serrao

Ritenuto in fatto

1. La Corte di Appello di Bologna, con la sentenza in epigrafe, ha confermato la pronuncia di condanna emessa dal Tribunale di Modena nei confronti di T.A. in relazione al reato di cui all’art. 189, comma 6, d.lgs. 30 aprile 1992, n.285 commesso in (omissis) . Secondo l’ipotesi accusatoria, l’imputato, a bordo di un autocarro, aveva investito da tergo S.M.D. (di anni 64) che si trovava alla guida di un velocipede e che, in conseguenza dell’urto, era caduta a terra riportando lesioni personali, allontanandosi senza ottemperare all’obbligo di fermarsi.
2. T.A. ricorre per cassazione censurando la sentenza impugnata per contraddittorietà della motivazione ed erronea interpretazione dell’art.189, comma 6, cod. strada e degli artt. 192 e 530 cod.proc.pen. per avere i giudici di merito tralasciato di indicare quale sia stata la causa della caduta della bicicletta condotta dalla vittima, avendo alternativamente ipotizzato come plausibili tanto l’impatto con il camion condotto dall’imputato quanto lo spostamento d’aria provocato dal sorpasso eseguito dal medesimo veicolo. Nel ricorso si censura l’affermazione secondo la quale sarebbe erroneo ritenere che l’aver dato causa all’incidente sia antefatto necessario del reato, rimarcandone la contraddittorietà rispetto all’altra affermazione, contenuta nella sentenza, secondo la quale la norma contestata non lega l’obbligo di assistenza alla consumazione di un reato quanto piuttosto al verificarsi di un incidente ricollegabile al comportamento dell’utente della strada. La Corte avrebbe omesso di fornire adeguata motivazione in merito alla prova che l’imputato si fosse reso conto di aver provocato un sinistro.
Con un secondo motivo deduce vizio di motivazione con riguardo all’invocata causa di non punibilità prevista dall’art. 131 bis cod. pen., avendo la Corte territoriale rigettato l’istanza con motivazione apparente indicando genericamente la gravità del fatto e l’intensità del dolo, tanto più con riferimento alla condotta di chi si era fermato per soccorrere la persona caduta e si era poi allontanato in assoluta buona fede, non ritenendo di aver cagionato l’incidente.

Considerato in diritto

1. Il primo motivo di ricorso è infondato.
1.1. La censura muove dall’erroneo presupposto che, ai fini della configurabilità del reato previsto dall’art.189, comma 6, cod. strada, costituisca antefatto necessario del reato anche l’aver dato causa all’incidente, argomentando dal tenore letterale dell’art.189, comma 1, cod. strada, a mente del quale l’obbligo di fermarsi e di prestare assistenza è imposto all’utente “in caso di incidente comunque riconducibile al suo comportamento”.
1.2. Occorre evidenziare che, nella materia della circolazione stradale, il legislatore ha introdotto, come si evince dal tenore dell’art.189, comma 1, cod. strada, la presunzione che il verificarsi di un incidente determini una situazione di pericolo ed ha, conseguentemente, individuato nei soggetti coinvolti nel sinistro i titolari della posizione di garanzia, imponendo loro l’obbligo di fermarsi e di prestare assistenza. Trattasi di reato omissivo di pericolo (Sez. 4, n. 34335 del 03/06/2009, Rizzante, Rv. 24535401), il quale ultimo va accertato con valutazione ex ante e non ex post, sicché una volta verificatosi l’antefatto previsto dal comma 1, da intendersi come sinistro connesso alla circolazione stradale, sarebbe incompatibile con l’oggetto giuridico del reato e con la natura di reato di pericolo asserire che l’obbligo di fermarsi sia escluso per colui che, pur coinvolto nel sinistro, non ne sia responsabile. Simile interpretazione della norma condurrebbe all’assurda conseguenza per cui il dovere di fermarsi sarebbe escluso per ogni altro soggetto coinvolto nel sinistro, ove l’incidente fosse attribuibile in via esclusiva alla persona ferita che necessiti di assistenza.
1.3. Il reato in esame trova, dunque, il suo fondamento nell’obbligo giuridico previsto dall’art.189, comma 1, cod. strada, che attribuisce all’utente della strada, coinvolto in un sinistro “comunque” riconducibile al suo comportamento, l’obbligo di garantire l’identificazione dei soggetti coinvolti nell’investimento e la ricostruzione delle modalità del sinistro. Come già affermato in una precedente pronuncia, il combinato disposto dei commi 1, 6 e 7 dell’art.189 cod. strada, non lega l’obbligo di assistenza alla consumazione e all’accertamento di un reato, ma al semplice verificarsi di un incidente comunque ricollegabile al comportamento dell’utente della strada al quale l’obbligo di assistenza è riferito. Nella previsione incriminatrice manca qualsiasi rapporto che condizioni la esistenza dell’obbligo di fermarsi alla qualificazione come reato della condotta dell’utente. All’evidenza, la sola condizione per la esigibilità della condotta descritta dall’art. 189, comma 6, cod. strada e la punibilità della sua omissione è posta nella generalissima relazione di collegamento (a qualsiasi titolo) tra incidente e comportamento di guida dell’utente della strada (Sez.4, n.34138 del 21/12/2011, dep. 6/09/2012, Cilardi, Rv. 253745).
1.4. In definitiva, l’art.189, comma 1, cod. strada, disponendo che “L’utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, ha l’obbligo di fermarsi e di prestare l’assistenza occorrente a coloro che, eventualmente, abbiano subito danno alla persona”, ha inteso attribuire all’espressione “incidente comunque ricollegabile al suo comportamento” il valore di antefatto non punibile idoneo ad identificare il soggetto al quale è indirizzato l’obbligo previsto dal successivo comma 6.
2. Poste tali premesse in linea di principio, si osserva che la motivazione della sentenza impugnata risulta esente da vizi e priva di contraddizioni, essendovi chiaramente illustrata, in linea con l’orientamento interpretativo della Corte di legittimità, la distinzione tra responsabile del sinistro e colui che, indipendentemente dalla colpa, si sia trovato coinvolto nel sinistro da cui si è originata la situazione di pericolo che la norma intende disciplinare.
2.1. In tale contesto normativo, la Corte ha congruamente attribuito rilevanza alla mera circostanza di fatto che la vittima fosse caduta dalla bicicletta contestualmente alla manovra di sorpasso effettuata dall’imputato, ritenendo non dirimente la verifica della causa ultima della caduta una volta istituito un collegamento, desunto dalla contestualità dei fatti, tra la manovra di sorpasso eseguita dall’autocarro e la caduta della ciclista. Collegamento avvalorato dalla circostanza che l’autista del camion si fosse momentaneamente fermato, senza scendere dal mezzo, per chiedere ad un passante di verificare la condizione della donna.
2.2. La diversa ricostruzione del fatto proposta dal ricorrente non può essere vagliata in questa sede, non essendo consentita al giudice di legittimità la rivalutazione del fatto.
3. Il secondo motivo di ricorso è, invece, fondatamente proposto.
3.1. A sostegno del diniego di sussunzione del fatto nell’ipotesi disciplinata dall’art.131 bis cod. pen. è stata espressa la seguente motivazione: “La complessiva gravità del fatto di reato e l’intensità del dolo impediscono di riconoscere la causa di non punibilità“.
3.2. Secondo quanto chiarito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite (Sez. U, n. 13681 del 25/02/2016, Tushaj, in motivazione), “la nuova normativa non si interessa della condotta tipica, bensì ha riguardo alle forme di estrinsecazione del comportamento, al fine di valutarne complessivamente la gravità, l’entità del contrasto rispetto alla legge e conseguentemente il bisogno di pena. Insomma, si è qui entro la distinzione tra fatto legale, tipico, e fatto storico, situazione reale ed irripetibile costituita da tutti gli elementi di fatto concretamente realizzati dall’agente”. A tali elementi il giudice di merito deve porre attenzione nel valutare la sussumibilità del fatto nell’ipotesi normativa.
3.3. La sentenza impugnata deve ritenersi, pertanto, viziata da motivazione in apparente, da inquadrare nel più generale vizio di carenza di motivazione, configurabile tutte le volte in cui la struttura argomentativa sia caratterizzata da affermazioni apodittiche o da formule di stile, priva di concreti elementi riferibili alla realtà processuale ed alle emergenze sulle quali si fonda la decisione, così da impedire il controllo di legittimità della decisione stessa.
4. Conseguentemente, il provvedimento impugnato deve essere annullato con rinvio alla Corte di Appello di Bologna affinché fornisca adeguata indicazione, ove esistenti, di concreti elementi fattuali indicativi dell’assenza dei presupposti per l’accoglimento dell’istanza di applicazione dell’art.131 bis cod. pen..

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata limitatamente alla questione concernente l’applicazione dell’art.131 bis cod. pen. e rinvia per nuovo esame alla Corte d’Appello di Bologna.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI