Diritto e Fisco | Articoli

Quattordicesima, perché è più bassa dello stipendio?

13 luglio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 luglio 2017



Liquidazione della quattordicesima mensilità: come mai il cedolino ha un netto più basso rispetto alla busta paga  mensile?

Mi hanno liquidato la quattordicesima, ma il mio netto in busta è più basso del netto che prendo di solito; oltretutto anche il lordo è più basso rispetto alla retribuzione: come mai?

Nella generalità dei casi, la quattordicesima mensilità risulta più bassa rispetto alla mensilità ordinaria: ciò è dovuto a diversi fattori, che vanno dal numero di ratei maturati sino all’impossibilità di applicare le detrazioni Irpef. Tuttavia, per capire se c’è, o meno, un errore, bisogna prima comprendere com’è calcolata la quattordicesima e come matura, considerando, in ogni caso, che si tratta di una mensilità aggiuntiva disciplinata in modo diverso dai vari contratti collettivi e non prevista, peraltro, da tutti i ccnl.

Quattordicesima: che cos’è

La quattordicesima mensilità, o più semplicemente quattordicesima, è una mensilità aggiuntiva, cioè un mese di stipendio pagato in più, come la tredicesima.

La quattordicesima solitamente viene erogata assieme alla mensilità di giugno, o, comunque, prima delle ferie: per questo è nota anche come premio ferie o gratifica feriale.

Quattordicesima: a chi spetta

La quattordicesima spetta ai dipendenti (a prescindere dalla categoria di appartenenza, quindi sia agli operai che agli impiegati) dei seguenti settori:

  • terziario, commercio e turismo;
  • alimentare;
  • chimica;
  • autotrasporti e logistica.

Ad ogni modo, anche nei settori in cui non è prevista la quattordicesima possano essere conclusi degli accordi territoriali, aziendali o individuali che la riconoscano. La quattordicesima generalmente non è riconosciuta ai dipendenti pubblici, anche se le contrattazioni di alcuni enti la prevedono (ad esempio, il Senato eroga ai suoi dipendenti quattordicesima, quindicesima e sedicesima).

Quattordicesima: come matura

La quattordicesima matura in 12 ratei mensili, dal 1° luglio al 30 giugno dell’anno successivo: un rateo viene considerato maturato per intero se il dipendente ha lavorato (o ha fruito di assenze tutelate) per oltre 15 giorni nel mese; in caso contrario, non matura alcun rateo. Ad esempio, se il lavoratore è assunto il 10 del mese, matura un dodicesimo di quattordicesima, mentre se è assunto il 20 il rateo non matura, come se il mese non fosse stato lavorato.

Alcuni contratti possono comunque prevedere regole differenti.

Nel caso del lettore, se il lordo della quattordicesima risulta più basso rispetto a quello della normale retribuzione, ciò può essere dovuto alla mancata maturazione di tutti i 12 ratei, ad esempio se è stato assunto nel corso del periodo di maturazione o ha fruito di assenze non retribuite.

Quattordicesima: come si calcola

L’ammontare della quattordicesima, nel caso in cui tutti i ratei siano maturati, è normalmente pari ad una mensilità della retribuzione globale di fatto in corso nel mese in cui viene corrisposta. Non si deve tuttavia contare l’EDR (elemento distinto della retribuzione): questa è una delle ragioni per cui la quattordicesima lorda può risultare più bassa rispetto alla paga ordinaria.

Quattordicesima: dal lordo al netto

La quattordicesima, proprio come le ordinarie mensilità, è fiscalmente imponibile e assoggettata a contribuzione. Rispetto alla paga ordinaria, però, non è possibile applicare le detrazioni (ad esempio la detrazione per reddito di lavoro dipendente o per familiari a carico), ma va pagata l’Irpef lorda. Ecco perché il fatto che la quattordicesima netta sia inferiore rispetto al netto in busta ordinario non deve stupire.

Ad ogni modo, sulla quattordicesima non vanno addebitati i ratei relativi all’addizionale regionale e all’addizionale comunale in acconto e a saldo: la mancanza di queste somme a debito, tuttavia, non compensa quasi mai la mancata applicazione delle detrazioni, perché nella maggior parte dei casi queste superano il totale dei ratei delle addizionali.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI