Diritto e Fisco | Articoli

Sanità: parificato il costo della siringa, il risparmio c’è

29 Gennaio 2017 | Autore:


> Business Pubblicato il 29 Gennaio 2017



Quanto costa una siringa in Sicilia? E quanto in Piemonte? Ora costa uguale, e lo Stato risparmia: ecco la cifra (esorbitante).

«Il costo della siringa in Italia non può essere differente in Piemonte e in Sicilia». Quante volte abbiamo ascoltato questa frase, durante le campagne elettorali, nei talk show, in occasione di ogni riforma riguardante la sanità? Tante. Tante di quelle volte che ormai il costo differenziato della siringa era diventato un mantra per indicare lo spreco (quando non intendeva presupporre il malaffare).
Ecco perchè oggi diventa una notizia il fatto che quella stessa siringa costi esattamente lo stesso prezzo in tutta Italia.
Naturalmente si tratta dell’ «uovo di Colombo»: il problema si è risolto con un appalto unico nazionale. Ma, al di là di come questo mantra è stato superato – appunto con un acquisto unico attraverso la Consip (società nazionale incaricata degli acquisti per la PA) – quello che effettivamente è rilevante è il risparmio che questo provvedimento ha generato. Andiamo con ordine e vediamo, intanto, di dare risposta alla domanda di partenza, che ora porremo al passato: «Quanto costava una Siringa in Piemonte? E quanto in Sicilia?»

Quanto costava una siringa in Piemonte? E quanto in Sicilia?

La risposta a questa «domanda – simbolo» è presto data. In Sicilia costava esattamente il doppio. Se in Piemonte costava 50 centesimi, in Sicilia costava 1 euro. É naturalmente una «domanda – simbolo» come dicevamo, perchè è l’indicatore di un costo della spesa sanitaria che era differente sul territorio nazionale e che oggi passo dopo passo, potrebbe iniziare ad ottimizzarsi generando dei risparmi. E: «Quanto si risparmia ?», vi starete chiedendo. Presto detto.

Quanto si risparmia con l’acquisto nazionale delle siringhe?

Il risparmio generato dall’acquisto nazionale delle siringhe attraverso la piattaforma Consip, il mercato elettronico unico per le forniture alla PA, ha generato un risparmio che non si esita a definire esorbitante. La cifra è di 132 milioni di euro per anno. Ecco come è andata.

La Consip ha acquistato direttamente siringhe ed aghi di 15 tipologie differenti per tutte le Aziende sanitarie d’Italia per i prossimi due anni. Accorpando l’appalto in un unica procedura d’acquisto, poi suddivisa in 13 lotti, le 5 aziende che si sono aggiudicate la gara hanno ottenuto un contratto che garantisce loro un corrispettivo pari a 18 milioni annui, contro una spesa che negli ultimi anni era stata di 150 milioni annui.
L’appalto ha fatto registrare ribassi sui prodotti che oscillano fra il 35 e il 70%.
Ecco, allora, quanto costa la siringa «nazionale» .

Quanto costa la «siringa nazionale» ?

In base alla nuova gara Consip la «siringa nazionale» quella standard, di varie dimensioni ma sempre dotata di ago con meccanismo di sicurezza, costerà da 0,049 a 0,063 euro, con un ribasso in questo caso del 70% rispetto al prezzo base d’asta.
Sulla qualità del prodotto i tempi sapranno dare risposta, per ora ci basta sapere che per la prossima campagna elettorale sarà necessario trovare nuovi slogan a cui affidare lo scettro dell’inefficienza.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI