HOME Articoli

Lo sai che? Distacco dal centralizzato: devo continuare a pagare le spese?

Lo sai che? Pubblicato il 29 luglio 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 luglio 2017

Mi sono distaccata dal riscaldamento centralizzato ma l’amministratore mi ha chiesto di pagare comunque la nuova caldaia. È giusto?

 

Dal giugno 2013 è in vigore la riforma delle norme sul condominio che prevedono che un condomino possa distaccarsi dall’impianto centralizzato di riscaldamento ma a condizione che dia prova che dal suo distacco non derivino notevoli squilibri o aggravi di spesa per gli altri condomini. Se il condomino che si distacca, nel nostro caso la lettrice, ha dato la prova che dal suo distacco non derivano notevoli squilibri o maggiori spese per gli altri condomini, allora dovrà pagare le spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione e messa a norma.

Dalla domanda che la lettrice ha posto sembra che il distacco sia avvenuto ma che lei non abbia fornito all’amministratore la prova che il distacco non avrebbe in seguito fatto aumentare le spese per gli altri condomini. Occorre dare incarico ad un tecnico (geometra o ingegnere), preferibilmente scelto in accordo con l’amministratore condominiale, che svolga una perizia che verifichi se, come la lettrice afferma nel quesito, il suo distacco dall’impianto di riscaldamento ha effettivamente prodotto addirittura un risparmio di spesa per gli altri condomini e lo possa produrre anche in futuro. Se la perizia dimostrerà che il suo distacco ha prodotto e produrrà in futuro un risparmio (e, comunque, non una spesa maggiore o notevoli squilibri) per gli altri condomini, in questo caso lei dovrà pagare soltanto le spese per la manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione e messa a norma. È quindi necessario far effettuare questa perizia per capire, in modo preciso e puntuale, quali spese la lettrice è tenuta a pagare all’amministratore e quali no.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI