HOME Articoli

Lo sai che? Illegittimo il licenziamento del lavoratore che si ribella per tutelare la salute sul posto di lavoro

Lo sai che? Pubblicato il 8 novembre 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 8 novembre 2012

 Il datore di lavoro che non rispetti il diritto alla salute nel luogo di lavoro non può licenziare il lavoratore che contesti tale violazione.

Il lavoratore ha il dovere giuridico [1] (oltreché morale) di pretendere la tutela della propria salute sul posto di lavoro senza perciò temere che l’esercizio di tale diritto gli possa compromettere il posto di lavoro.

Lo ha stabilito il giudice del lavoro Stefania Izzi del Tribunale di Vasto (Chieti) lo scorso 20 settembre, che ha annullato il licenziamento intimato ai danni di un operaio della Pilkington: il lavoratore si era lamentato, in modo fermo e deciso, nei confronti del proprio datore di lavoro, per il mancato rispetto della normativa sulla sicurezza e sulla salute nel luogo di lavoro [2], a causa della presenza di amianto. Tale comportamento, visto come atto di insubordinazione nei confronti dell’azienda, era stato sanzionato con il definitivo allontanamento dal posto di lavoro.

L’ordinanza ha senza dubbio segnato un ulteriore passo significativo sul piano della difesa del diritto alla salute: il rispetto nei confronti del diritto alla salute ha vinto anche contro una multinazionale come la Pilkington, da anni produttrice di vetro nel territorio italiano.

Negli scorsi mesi, sia grazie all’iniziativa dell’O.N.A. (Osservatorio Nazionale Amianto) che a quella dei Cobas, si erano registrate numerose manifestazioni di protesta contro il licenziamento dell’operaio, che già in passato (in qualità di dirigente sindacale) aveva più volte “combattuto” per il rispetto della salute e della sicurezza sul lavoro.

Stando al precedente qui commentato, il datore di lavoro che non rispetti il diritto alla salute nel luogo di lavoro non può licenziare il lavoratore che contesti tale stato di cose, sia pure in modo acceso; l’eventuale licenziamento pertanto è nullo.

di TOMMASO FRENDO

note

[1] Art. 20 comma 1 D.Lgs. n.81del 09.04.2008.

[2]  D.Lgs. n.81del 09.04.2008 coordinato con il D.Lgs. n.106 del 03.08.2009.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI