Diritto e Fisco | Articoli

Passaporto: quando non puoi partire?

27 luglio 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 luglio 2017



Chi è sottoposto a patria potestà o ha dei figli minorenni ha bisogno di autorizzazioni. Chi è agli arresti, resta a casa. A rischio chi non paga una multa.

Vuoi farti una vacanza alle Maldive? Verifica prima di avere pagato una multa, di non avere conti in sospeso con la giustizia e di non avere dei figli minori e un coniuge che ti vuole a casa. Altrimenti ti viene negato o sospeso il passaporto, non puoi partire per le Maldive e, tutt’al più, potrai fare dei bei pomeriggi nella piscina comunale della tua città.

Quindi, se devi fare o rinnovare il passaporto, quando non puoi partire? Cioè quando ti verrà negato il rilascio o il rinnovo del passaporto?

I casi in cui non puoi partire per colpa del passaporto

La legge [1] prevede i casi in cui non puoi partire perché il passaporto non ti verrà rilasciato o rinnovato.

Minorenni sottoposti a patria potestà o a tutela

Se ci stai leggendo e sei una persona sottoposta a patria potestà o a tutela, molto probabilmente sarai minorenne. Non avrai il passaporto, e quindi non puoi partire, se i genitori non avranno dato il consenso. In mancanza di papà e mamma, l’autorizzazione deve arrivare dal tuo tutore o dal giudice tutelare (ad esempio se i tuoi genitori si sono separati o hanno divorziato).

Genitori di figli minorenni

Qui serve l’assenso dell’altro genitore del minorenne o, in mancanza, l’autorizzazione del giudice tutelare. Non importa che la coppia sia convivente, sposata, separata o divorziata: la legge è stata pensata per tutelare il minore. Si sa mai che fine si può fare alle Maldive. L’altro genitore, quindi, deve firmare l’assenso davanti al pubblico ufficiale. Se non riesce a farlo personalmente, occorre presentare questo atto di assenso al rilascio del passaporto, insieme ad un documento di assenso all’espatrio. Entrambi vanno firmati in originale.

Persone che devono espiare una pena detentiva

Come accennato prima, quando uno prende il volo non si sa mai se, oltre a quello di andata, ha anche il biglietto di ritorno. Per questo motivo, se stai espiando una pena restrittiva della libertà personale, ad esempio in carcere o ai domiciliari, sappi che non puoi avere il passaporto e che, di conseguenza, non puoi partire. Il rilascio o il rinnovo viene negato anche se la pena è sospesa, perché lo Stato pretende (giustamente, verrebbe da dire) che venga espiata fino alla fine. Quindi, più si evita il rischio di fuga a Santo Domingo, meglio è.

Stesso discorso vale per chi è sottoposto ad una misura di sicurezza detentiva o a misure di prevenzione (è il caso della sorveglianza speciale o del divieto di soggiorno in uno o più Comuni o province).

Persone che non hanno pagato una multa o un’ammenda

Qui non si parla di un divieto di sosta, ma di questioni ben più gravi. Di una multa, cioè di una pena pecuniaria applicata da un giudice penale per un reato commesso, o di un’ammenda, vale a dire di una pena pecuniaria applicata per una contravvenzione che comporta la riparazione di una colpa commessa o il risarcimento di un danno procurato. Bene. Se hai preso una multa o un’ammenda ti puoi scordare il passaporto e non puoi partire. Puoi, questo sì, tentare di avere un nulla osta dall’autorità che gestisce l’esecuzione della sentenza. Nulla osta, però, che ti verrà negato nel caso in cui la multa o l’ammenda siano state convertite in una misura restrittiva della libertà personale o se la loro conversione possa comportare una pena superiore a 1 mese di reclusione o a 2 mesi di arresto.

Altra cosa che puoi fare, se proprio vuoi partire, è recarti presso l’ufficio recupero crediti del tribunale che ha emesso la sentenza di condanna al pagamento della pena pecuniaria, chiedere l’ammontare da versare. Poi saldi il debito. Con la ricevuta del pagamento, vai in tribunale e (di nuovo) l’ufficio recupero crediti potrà autorizzare il rilascio o il rinnovo del passaporto, dietro comunicazione alla Questura competente.

note

[1] Art. 3 legge n. 1185/1967.

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI