Business | Articoli

Bonus beni strumentali 2017: aumento al Sud

1 Febbraio 2017
Bonus beni strumentali 2017: aumento al Sud

Il bonus per le aziende del Sud che investono in beni strumentali. Ecco come cambia.


 

Un emendamento al decreto per il Mezzogiorno che è stato presentato alla commissione Bilancio della Camera dei deputati ha richiesto di aumentare la quota di credito di imposta riconoscibile in ragione dell’acquisto di beni strumentali all’esercizio dell’impresa e ha introdotto anche altre modifiche, delle quali vi diamo evidenza di seguito.

Chi può beneficiare del credito d’imposta al Sud?

Possono beneficiare del credito d’imposta tutti i soggetti titolari di reddito di impresa, indipendentemente dalla forma giuridica assunta e dalla dimensione: sono ammesse sia le piccole imprese – quelle, cioè, che contestualmente hanno meno di 50 occupati ed un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro – che le medie imprese – quelle, cioè, che contestualmente hanno meno di 250 occupati ed un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 43 milioni di euro – che le grandi imprese.

Credito di imposta aziende del Sud: come aumenta

L’aumento del credito di imposta dovrebbe passare dal 10% al 25% con maggiorazioni del 10% per le medie imprese e di un ulteriore 20% per le piccole imprese. Il valore massimo raggiunge dunque il 45% per queste ultime.

Cosa può essere agevolato col credito d’imposta al Sud?

Il credito d’imposta spetta per l’acquisizione di beni strumentali nuovi, anche mediante contratto di locazione finanziaria, facenti parte di un progetto di investimento iniziale ovvero macchinari, impianti e attrezzature varie relativi alla creazione di un nuovo stabilimento, all’ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente, alla diversificazione della produzione di uno stabilimento per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente e a un cambiamento fondamentale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube