Diritto e Fisco | Articoli

La rateazione sospende il pignoramento del conto corrente?

31 luglio 2017


La rateazione sospende il pignoramento del conto corrente?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 31 luglio 2017



Ho subito il pignoramento del conto corrente da Agenzia Entrate Riscossione: la lettera, già arrivata alla banca, dice che se non pago entro 60 giorni i soldi verranno prelevati. Se chiedo ora la rateazione posso sbloccare il conto corrente?

Anche con le nuove regole approvate nel 2015, il contribuente può sospendere il pignoramento del conto corrente chiedendo e ottenendo una rateazione, ossia la dilazione del debito riportato dalle cartelle di pagamento scadute e non versate. In particolare, non basta la presentazione dell’istanza né l’accettazione da parte di Agenzia Entrate Riscossione, ma è necessario dar prova di aver versato la prima rata. Il tutto ovviamente deve avvenire prima della scadenza dei 60 giorni intimati con l’atto di pignoramento presso terzi. Difatti una volta intervenuto il passaggio del denaro dal conto del contribuente-debitore a quello dell’Esattore, l’eventuale dilazione del pagamento non sospende più l’esecuzione forzata: in altre parole non c’è più modo di ottenere indietro il proprio denaro.

Pignoramento abbandonato con la rateazione

Le recenti modifiche apportate alla legge sulla riscossione esattoriale hanno chiarito che le richieste di rateazione:

  • sospendono i pignoramenti in corso e impediscono quelli futuri (ovviamente purché basati sulle cartelle rateizzate; viceversa, se dovessero scadere ulteriori cartelle non rateizzate, il pignoramento potrebbe avvenire a causa di queste ultime);
  • non sospendono le misure cautelari in corso ossia il fermo auto e l’ipoteca, ma impediscono quelle future.

Questo significa che se il pignoramento non è giunto alla fase finale, con l’aggiudicazione del bene messo all’asta o con il trasferimento del denaro pignorato, si è sempre in tempo per bloccare la procedura.

Nel caso di pignoramento del conto corrente bancario, l’accettazione della dilazione e il pagamento della prima rata blocca tutta la procedura. Se invece sono decorsi i 60 giorni dalla notifica del pignoramento e la somma è già passata sul conto dello Stato, non c’è più nulla da fare anche presentando una domanda di rateazione.

Fermi e ipoteche non si abbandonano con la rateazione

Quanto invece a fermi e ipoteche, se si è già ricevuto il preavviso, l’accettazione della rateazione impedisce l’esecuzione della misura cautelare. Viceversa, se fermo e ipoteca sono già stati iscritti, le conseguenze sono diverse:

  • fermo: è possibile sospendere il fermo con la dimostrazione del pagamento della prima rata della dilazione; eseguito il versamento, l’Agenzia Entrate Riscossione rilascia una quietanza che va presentata al Pra e che annota la sospensione del fermo auto. Il contribuente può tornare a circolare fino a quando, con il pagamento dell’ultima rata, il fermo verrà completamente cancellato;
  • ipoteca: la rateazione non sospende l’ipoteca anche con il versamento della prima rata. La misura continua a persistere fino a estinzione integrale del debito.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI