HOME Articoli

Editoriali L’avvocato può ricattare la controparte?

Editoriali Pubblicato il 1 agosto 2017

Articolo di




> Editoriali Pubblicato il 1 agosto 2017

Scatta l’estorsione ai danni dell’avvocato solo se la minaccia attiene a comportamenti non consentiti dalla legge.

«O dai i soldi al mio cliente o ti denuncio». Chi non ama costrizioni e ordini impartiti da altri fatica a digerire anche le diffide, benché spedite da un avvocato. E se il legale si abbandona a toni categorici, magari assegnando termini perentori, non capita raramente che questi abbiano l’effetto contrario. Ma l’avvocato può ricattare la controparte? Quando si spedisce una intimazione di pagamento con importi esorbitanti si può parlare di minaccia? La risposta è stata data di recente dalla Cassazione [1].

L’esercizio di un diritto in tribunale riconosciuto dalla legge non può essere considerato un ricatto. Anche se l’astensione dal far valere le proprie ragioni viene condizionata al pagamento di una somma che appare sproporzionata l’avvocato non commette reato. Chi ad esempio riceve l’intimazione a versare un risarcimento che ritiene eccessivo può rinunciare ad ottemperare alla richiesta e, magari, vincere la causa contro la controparte, ottenendo finanche il rimborso delle spese legali; ma non può denunciare l’avvocato per ricatto.

Viceversa il ricatto scatta quando l’avvocato si vuol far consegnare i soldi facendo intendere (anche velatamente) che, in caso contrario, il proprio cliente agirà di conseguenza in modo illegale. Ad esempio con una denuncia pur conoscendo l’innocenza della controparte (il che integra calunnia) o diffondendo pubblicamente una foto osé o svolgendo attività commerciali in contrasto con la legge. In tal caso il legale può subire una sanzione disciplinare e, se questi è connivente col cliente, potrebbe risponderne penalmente per estorsione.

In pratica il confine per stabilire se la minaccia dell’avvocato è un ricatto (o meglio un’estorsione) o meno bisogna avere a riferimento non i toni ma se la condotta che viene posta come alternativa all’inadempimento costituisce l’esercizio di un diritto o meno. Ed esercitare un’azione giudiziale o sporgere una denuncia, anche se infondati o non dimostrati, sono diritti riconosciuti dalla legge.

note

[1] Cass. S.U. sent. n. 18984/17 del 31.07.2017.

Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza 4 aprile – 31 luglio 2017, n. 18984
Presidente Canzio – Relatore Armano

Fatti del processo

Il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Bologna ha disposto, con decisione in data 16 giugno 2014, l’applicazione all’avvocato M.F. della misura della sospensione cautelare dall’esercizio della professione forense ex art. 43 r.d.l. 1578 /1933 a seguito della condanna in primo grado a tre anni di reclusione per i reati di cui agli artt. 56 e 629 cod.pen. per aver compiuto atti idonei a costringere una sindacalista, che gli riteneva avesse danneggiato un proprio cliente, a versare allo stesso la somma di Euro 200.000,00 a titolo di risarcimento del danno, dietro minaccia di divulgare fotografie che ritraevano nuda la donna.
Il COA di Bologna ha ritenuto che tale sentenza, sebbene di primo grado, fosse di significativa rilevanza ai fini della ricorrenza del fumus boni juris relativo alla sussistenza della lesione al decoro della professione forense, anche tenuto conto che il fatto costitutivo del reato, di oggettiva gravità, era stato commesso dall’avvocato M. nel corso della gestione di un incarico professionale, per asserite ragioni di tutela del suo assistito
A seguito di impugnazione da parte dell’avvocato M.F. , che ha lamentato l’erronea applicazione della previgente normativa in tema di sospensione cautelare in luogo della nuova,più favorevole, in forza del combinato disposto degli artt. 60 e 65 legge 247 /2012,11 Consiglio Nazionale Forense ha confermato, in data 11 giugno 2016, la decisione COA di Bologna.
Avverso questa decisione propone ricorso l’avvocato M.F. con sei motivi.
Il ricorso è stato notificato al Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Bologna, al Consiglio Distrettuale di disciplina del distretto di Bologna ed al Consiglio Nazionale Forense.
Gli intimati non hanno presentato difese.

Ragioni della decisione

1. Preliminarmente si osserva che il ricorso, in relazione al Consiglio Nazionale Forense, deve ritenersi inammissibile, atteso che il CNF è il giudice che ha emesso la decisione qui impugnata e che per definizione non può essere parte del procedimento di impugnazione.
2. Con il primo motivo il ricorrente lamenta la violazione dell’art. 132 cod.proc.civ in combinato disposto con l’art. 111 Cost., in relazione alla applicazione dell’art.43 r.d.l. n.1578/33 in luogo del nuovo art. 60 della legge 247/12.
Rileva il ricorrente che la motivazione deve essere reale e non apparente, per assolvere alla funzione di garanzia ad essa affidata dall’ordinamento.
Si duole della carenza di motivazione in ordine alla scelta di applicare la previgente normativa in materia di sospensione cautelare in luogo delle nuove norme, più favorevoli al reo, applicabili in base alle previsione dell’art.65 della legge 247/12 anche ai procedimenti disciplinari in corso.
3. Il motivo è infondato.
Il Consiglio Nazionale Forense ha affermato che l’articolo 65, comma 5 della legge 247/12, nel prevedere che le norme contenute nel nuovo codice deontologico si applicano anche ai procedimenti disciplinari in corso al momento della sua entrata in vigore se più favorevoli per l’incolpato, riguarda esclusivamente la successione nel tempo delle norme del previgente e del nuovo codice deontologico, per cui essendo la sospensione cautelare di fonte legale e non deontologica, come la prescrizione, ad essa non si applicano le previsioni dell’articolo 65 co 5 della nuova legge professionale.
4. Il Collegio ritiene che nella specie non ricorre la dedotta violazione dell’articolo 132 c.p.c. per mancanza o per motivazione apparente, in quanto il Consiglio Nazionale ha preso in esame il motivo di impugnazione relativo all’applicabilità della nuova norma sulla sospensione cautelare e lo ha rigettato con adeguata motivazione.
Nella sostanza le censure del ricorrente attengono alla erronea motivazione in ordine alle ragioni della scelta operata dal Consiglio Nazionale, che non avrebbe esaminato i molteplici profili evidenziati dal ricorrente ai fini dell’applicazione dell’articolo 60 della nuova disciplina dell’ordinamento della professione forense, erroneamente parificando l’istituto della sospensione cautelare alla prescrizione.
5. Tale profilo della censura è inammissibile in quanto il presente ricorso è soggetto ratione temporis all’applicazione dell’articolo 360 n.5 cinque cod proc civ riformulato dall’art. 54 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, conv. in legge 7 agosto 2012, n. 134,che introduce nell’ordinamento un vizio specifico denunciabile per cassazione, relativo all’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, la cui esistenza risulti dal testo della sentenza o dagli atti processuali, che abbia costituito oggetto di discussione tra le parti e abbia carattere decisivo (vale a dire che, se esaminato, avrebbe determinato un esito diverso della controversia). Ne consegue che, nel rigoroso rispetto delle previsioni degli artt. 366, primo comma, n. 6, e 369, secondo comma, n. 4, cod. proc. civ., il ricorrente deve indicare il “fatto storico”, il cui esame sia stato omesso, il “dato”, testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il “come” e il “quando” tale fatto sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua “decisività”, fermo restando che l’omesso esame di elementi istruttori non integra, di per sé, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo qualora il fatto storico, rilevante in causa, sia stato comunque preso in considerazione dal giudice, ancorché la sentenza non abbia dato conto di tutte le risultanze probatorie.
La riformulazione dell’art. 360, primo comma, n. 5, cod. proc. civ., disposta dall’art. 54 del d.l. 22 giugno 2012, n. 83, conv. in legge 7 agosto 2012, n. 134, deve essere interpretata, alla luce dei canoni ermeneutici dettati dall’art. 12 delle preleggi, come riduzione al “minimo costituzionale” del sindacato di legittimità sulla motivazione. Pertanto, è denunciabile in cassazione solo l’anomalia motivazionale che si tramuta in violazione di legge costituzionalmente rilevante, in quanto attinente all’esistenza della motivazione in sé, purché il vizio risulti dal testo della sentenza impugnata, a prescindere dal confronto con le risultanze processuali. Tale anomalia si esaurisce nella “mancanza assoluta di motivi sotto l’aspetto materiale e grafico”, nella “motivazione apparente”, nel “contrasto irriducibile tra affermazioni inconciliabili” e nella “motivazione perplessa ed obiettivamente incomprensibile”, esclusa qualunque rilevanza del semplice difetto di “sufficienza” della motivazione. Cass. Sez. U, Sentenza n. 8053 del 07/04/2014.
La censura formulata dal ricorrente non rientra nella ipotesi di vizio di motivazione censurabile in sede di legittimità, secondo la formulazione del nuovo art. 360 n. 5 cod.proc. civ..
6. Con il secondo motivo si denunzia erronea applicazione, in tema di sospensione cautelare, della previgente normativa di cui all’art.43 r.d.l n.1578/33, anziché la nuova disposizione di cui all’art. 60 legge 247 /12.
Secondo il ricorrente la nuova sospensione cautelare prevista dall’articolo 60 della legge n. 247/12 deve applicarsi immediatamente in virtù dell’articolo 65 comma 1 della legge sopra citata, che prevede che” fino alla data di entrata in vigore dei regolamenti previsti nella presente legge si applicano se necessario in quanto compatibili le disposizioni vigenti non abrogate anche se non richiamate”.
L’applicazione della nuova sospensione cautelare discende anche dalla disposizione transitoria disciplinata dall’articolo 65 comma 5 della nuova legge professionale, che prevede che le norme contenute nel codice deontologico si applicano anche ai procedimenti disciplinari in corso al momento della sua entrata in vigore se più favorevoli all’incolpato.
7. Con il terzo motivo si denunzia violazione dell’articolo 12 delle preleggi.
Sostiene il ricorrente che vi è stata un’erronea applicazione della vecchia normativa in materia di sospensione cautelare con violazione della previsione dell’articolo 12 delle preleggi secondo il quale non si può attribuire alla legge altro senso che quello fatto palese dal significato proprio delle parole secondo la connessione di esse, e dalla intenzione del legislatore.
8. Con il quarto motivo si denunzia violazione dell’articolo 15 delle preleggi in quanto il CNF non avrebbe tenuto conto che l’articolo 65 1°co che prevede un’abrogazione espressa della vecchia normativa. 9.1 tre motivi si esaminano congiuntamente per la stretta connessione logico giuridica che li lega e sono infondati.
La legge 21 dicembre 2012 n 247, istitutiva della nuova disciplina dell’ordinamento professionale forense, ha previsto al Titolo V le disposizioni del nuovo procedimento disciplinare.
Nell’ambito del Titolo V all’art.60 è prevista la nuova disciplina della sospensione cautelare dall’esercizio della professione forense.
In precedenza la misura interdittiva in questione era regolamentata dall’articolo 43, commi 3 e 4, del r.d.l.. 27 novembre 1933, n. 1578, in base al quale il Consiglio dell’ordine poteva pronunciare, sentito il professionista, la sospensione dell’avvocato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale o contro il quale fosse stato emesso mandato od ordine di comparizione o di accompagnamento, senza pregiudizio delle più gravi sanzioni.
Introdotto il nuovo codice di procedura penale nel 1989, con l’eliminazione del mandato e dell’ordine di comparizione, la giurisprudenza di legittimità e quella forense hanno interpretato in modo estensivo la norma, tenendo conto della nuova realtà processuale penale, statuendo che la misura poteva essere pronunciata, in presenza di comportamenti rilevanti sul piano disciplinare e deontologico e di particolare gravità, nel caso in cui l’avvocato fosse stato sottoposto ad una qualsiasi delle misure cautelari personali previste dal codice di rito penale, nonché in caso di sentenza penale di condanna ancorché non passata in giudicato.
L’istituto della sospensione cautelare – a differenza della sospensione sanzione (o pena disciplinare), pur configurata nelle norme del r.d.l. del 1933 -, trova le sue ragioni proprio nella esigenza di elidere lo “strepitus fori” che può conseguire alla contestazione di un reato a carico del professionista ed assegna al Consiglio dell’Ordine locale il potere di valutare la sua opportunità, in un’ottica di concreta valutazione dello “strepitus fori” e di bilanciamento tra le ragioni di tutela della immagine di integrità morale della categoria e le ragioni del professionista.
10.Oggi la sospensione cautelare delineata dall’art. 60 della legge 247/2012 è diversa da quella disciplinata dall’art. 43, comma 3, R.D.L. 1578/193 in quanto tipizza le ipotesi che la legittimano, ma come si evince dal testo del citato articolo 60, comma 1, per l’adozione di tale misura cautelare non è necessaria, come in passato, l’apertura del procedimento disciplinare e dunque la predisposizione di un capo di incolpazione.
11. Inoltre, la sospensione cautelare di cui all’art. 43, comma 3, era sine die, laddove quella prevista dall’art. 60 prevede espressamente il limite massimo di un anno, nonché – a carattere totalmente innovativo – l’inefficacia della sospensione ove nel termine di sei mesi dalla sua irrogazione non venga adottato il provvedimento sanzionatorio.
La competenza a deliberarla spetta ad una apposita sezione del Consiglio Distrettuale di disciplina competente per il procedimento disciplinare, mentre in precedenza la competenza a deliberare la misura spettava al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati.
12. Secondo consolidata giurisprudenza di legittimità, la misura interdittiva in questione “non ha natura di sanzione, costituendo piuttosto un provvedimento amministrativo a carattere provvisorio, avente natura propriamente discrezionale, (…) la cui ratio va individuata nell’esigenza di tutelare e salvaguardare la dignità e il prestigio dell’Ordine forense”.
In questi termini, tra le altre, Cass. civ., Sez. U. 23 dicembre 2005 n. 28505,che ha affermato che la sospensione in via cautelare dall’esercizio della professione, che venga disposta dal consiglio dell’ordine a carico di avvocato sottoposto a processo penale, in altri termini, configura un provvedimento, con immediata esecutività, di natura amministrativa, non giurisdizionale, che è giustificato dal mero riscontro della gravità delle imputazioni di cui al suddetto processo, senza alcuna valutazione sulla loro fondatezza, e rispetto al quale, pertanto, non è configurabile una violazione dei principi costituzionali in tema di tutela dello incolpato nell’ambito dell’esercizio della giurisdizione penale (Cass., Sez. U., 9 aprile 1986, n. 2463). In caso di procedimento penale a carico di avvocato, ancora, il r.d.l. 27 novembre 1933, n. 1578, art. 43, comma 3, conferisce al Consiglio dell’Ordine il potere di disporre, in via cautelare, la sospensione dall’attività professionale, sulla base di una valutazione d’incompatibilità dell’addebito con l’esercizio della professione, indipendentemente da ogni indagine sulla consistenza dell’incolpazione, riservata al giudice penale (Cass., Sez. U., 4 luglio 1987, n. 5867).
13. Pertanto, la sospensione cautelare non è né un provvedimento giurisdizionale, né una forma di sanzione disciplinare, come tale suscettibile di applicazione soltanto dopo il procedimento disciplinare, ma costituisce, al contrario, un provvedimento cautelare incidentale di natura amministrativa non giurisdizionale a carattere provvisorio, svincolato dalle forme e dalle garanzie del procedimento disciplinare, nel senso che non richiede la preventiva formale apertura di un procedimento disciplinare.
Tali caratteristiche, del resto, sono rimaste immutate anche con la nuova formulazione dell’istituto di cui all’art. 60 della legge 247/2012, che rimarca in maniera espressa la indipendenza del provvedimento di sospensione cautelare dalla formulazione di un capo di incolpazione e dalla apertura di un procedimento disciplinare.
14. Come corollario della qualificazione giuridica della sospensione cautelare e della natura non giurisdizionale del provvedimento che la dispone, discende la non applicabilità delle norme che strettamente attengono a sanzioni di carattere deontologico.
È inapplicabile alla sospensione cautelare sia il primo comma che il quinto comma dell’articolo 65 della legge 247/2012,che regolano esclusivamente la successione delle norme del codice deontologico, si che per tutti gli altri profili che non trovano fonte nel codice deontologico resta operante il principio dell’irretroattività delle norme. La non applicabilità in radice dell’art.65 della legge 247/2012 assorbe i motivi relativi alla sua interpretazione,denunziati con violazione degli artt. 12 e 15 delle preleggi.
15. Con il quinto motivo, formulato in via subordinata, si denunzia violazione dell’articolo 132 cod.proc.civ. in combinato disposto con l’art. 111 Cost. in relazione ai presupposti richiesti dall’articolo 43 r.d.l. 1578/33.
Sostiene il ricorrente che il Consiglio Nazionale Forense ha fornito una motivazione apparente in ordine ai due presupposti richiesti per l’emissione del provvedimento di sospensione cautelare, con riferimento al oggettiva gravità dei fatti ed al cosiddetto strepitus fuori.
16. Col sesto motivo si denunzia la insussistenza dei presupposti di cui all’articolo 43 r.d.l. 1578/33 per l’applicazione della misura cautelare. Sostiene il ricorrente che nel caso di specie non sussisteva nessun pericolo attuale ed imminente di una lesione all’immagine dell’avvocatura e al decoro della professione in quanto le contestazioni mosse all’incolpato erano assai risalenti nel tempo, trattandosi di fatti presuntivamente commessi in epoca anteriore al gennaio 2006 e che la notizia di tali fatti era stata pubblicata una sola volta il giorno successivo alla sentenza di condanna emessa il 22 maggio 2013.
17. I due motivi si esaminano congiuntamente per la stretta connessione logico giuridica che li lega e sono infondati.
Il Consiglio Nazionale Forense ha confermato la decisione dell’Ordine territoriale mettendo in rilievo che il fatto costitutivo del reato per cui l’avvocato M. era stato condannato a tre anni di reclusione era di oggettiva gravità, in quanto era stato commesso nel corso della gestione di un incarico professionale. Ha ritenuto che la condanna da parte del giudice penale di un avvocato per tentata estorsione, sia pure con riferimento a condotte risalenti nel tempo, di per sé realizzi presupposti per l’applicazione della sospensione cautelare. Infatti l’oggettiva gravità dei fatti e la diffusione della notizia con riferimento alla qualifica professionale del ricorrente, sono circostanze certamente idonee a ledere il prestigio e l’immagine della classe forense, con riguardo ai doveri di dignità e decoro dei comportamenti prescritti dalla legge nell’interesse dei cittadini e la tutela dell’affidabilità personale e professionale dell’avvocato.
18. La motivazione della decisione mette adeguatamente in rilievo la gravità del fatto estorsivo e accerta lo strepitus fori derivato dalla pubblicazione della condanna penale di un avvocato, pubblicazione che lo stesso ricorrente i dice essere avvenuta nel 2013, e quindi in epoca prossima alla decisione del COA di Bologna.
La motivazione della decisione non è mancante e non è apparente, come deduce nel motivo di ricorso l’avvocato M. , il quale pur denunziando vizio di violazione di legge, nella sostanza contesta l’accertamento in fatto operato CNF in ordine alla ricorrenza dei due degli elementi necessari per l’applicazione della misura cautelare.
Si ricorda che la impugnazione, in virtù della data di emissione della sentenza, è soggetta alla nuova disciplina dell’art.360 n.5 cod.proc.civ e la denunzia di vizio di motivazione come formulata non rispetta il modello legale di vizio attinente alla motivazione denunciabile in sede di legittimità.
Il ricorso deve essere rigettato. Nulla per le spese del giudizio di legittimità stante l’assenza degli intimati.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.
Ai sensi dell’art.13 comma 1 quater del D.P.R. 115 del 2002,inserito dall’art. 1, comma 17 della I. 228 del 2012, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a norma del comma 1-bis dello stesso articolo 13.

Acquista un abbonamento annuale a tutte le sentenze di merito. Clicca qui


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI