Business | Articoli

Pensioni: Ape a costo zero per chi assiste un disabile

3 Febbraio 2017 | Autore:
Pensioni: Ape a costo zero per chi assiste un disabile

Si allargano le maglie dell’Ape social, ecco i dettagli che permettono l’uscita anticipata senza costi anche a chi assiste un disabile. 

Con la Legge di Bilancio 2017 è stata introdotta la possibilità di andare in pensione a 63 anni con almeno 20 anni di contributi, posto che i requisiti vengano raggiunti a partire da maggio 2017.

Generalmente la possibilità di accesso all’anticipo pensionistico è riservata alla sottoscrizione di un prestito che consente il pagamento degli assegni a partire dai 63 anni e non a 66 anni e sette mesi come accade generalmente.

Attraverso un taglio alla pensione quel prestito sarà poi risarcito.

Come funzione l’Ape social?

L’Ape social è quella possibilità che viene data ad alcune tipologie di lavoratori di usufruire dell’anticipo a totale carico dello Stato. In questo caso l’indennità viene erogata dall’Inps senza l’intervento degli istituti finanziari, come avviene invece per l’Ape volontaria.
Ecco i soggetti che potranno richiedere l’Ape e i requisiti contributivi corrispondenti.

30 anni di contributo

  • Lavoratori che assistono, al momento della richiesta e da almeno sei mesi, il coniuge oppure  un parente di primo grado convivente con handicap in situazione di gravità,
  • disoccupati,
  • lavoratori con  riduzione della capacità lavorativa  superiore o uguale al 74 per cento.

In attesa di decreto attuativo specifico

Per alcune mansioni si è in attesa di un decreto attuativo specifico che faccia chiarezza sulle modalità di accesso. Il decreto è atteso entro il prossimo mese di marzo, le categorie coinvolte sono:

  • Lavoratori con  mansioni usuranti;
  • Lavoratori con  mansioni pesanti o rischiose e in particolare:

    • operai dell’industria estrattiva e conduttori di gru o di macchinari mobili conduttori ferroviari e personale viaggiante,
    • conduttori di mezzi pesanti e camion, 
    • professioni sanitarie infermieristiche con lavoro per turni,
    • addetti all’assistenza di persone non autosufficienti,
    • insegnanti scuola dell’infanzia e asili nido,
    • addetti allo spostamento merci,
    • addetti ai servizi di pulizia,
    • operatori ecologici.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube