Business | Articoli

Versamento degli stipendi: ecco cosa cambia

21 Febbraio 2017
Versamento degli stipendi: ecco cosa cambia

La Commissione Lavoro della Camera vara nuove misure: ecco come potrebbe cambiare il versamento degli stipendi.

La Commissione Lavoro della Camera ha presentato un provvedimento teso a modificare le modalità di pagamento della busta paga. Ecco di cosa si tratta.

Retribuzioni in conto corrente

Nel tentativo di dare una soluzione al grave problema dei sottopagati, si sta pensando di obbligare i datori di lavoro a far pervenire le buste paga solo a mezzo di conto corrente bancario o postale.

Responsabilizzare i lavoratori e le aziende

L’obiettivo è quello di responsabilizzare le aziende e i datori, ma anche il dipendente stesso, che non potrà così “legittimare” il comportamento scorretto del datore firmando la busta paga ed accettando il pagamento a determinate condizioni inique.

Il lavoratore dovrà solo comunicare al datore di lavoro le modalità del versamento: niente più contanti o assegni.

Il datore sarà invece tenuto a comunicare tempestivamente al Centro per l’impiego l’assunzione del lavoratore e anche i dati relativi alla modalità di pagamento scelta del lavoratore.

Convenzioni con Poste Italiane e Associazione bancaria italiana

Per non far sì che ciò diventi un eccessivo beneficio per poste e banche, il Governo dovrà stabilire delle convenzioni con Poste Italiane e Associazione bancaria italiana, al fine di rintracciare gli strumenti più adatti a tali operazioni.

Sanzioni per gli inadempienti

Preoccupa non poco la possibilità che una tale misura finisca per incentivare il lavoro in nero; in ogni caso nella proposta varata dalla Commissione sono previste pesanti sanzioni per i datori inadempienti: tra i 5mila e i 50mila euro.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube