Telefonate anonime: diventano lecite quelle dei call center

6 agosto 2017


Telefonate anonime: diventano lecite quelle dei call center

> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 agosto 2017



Pubblicità e telemarketing: gli operatori non devono più identificarsi e specificare l’identità della società per cui chiamano.

Pubblicità telefonica: diventa lecita la “telefonata anonima”. Sono state appena abolite, infatti, le norme che in precedenza obbligavano gli operatori dei call center a specificare la natura commerciale della loro chiamata e l’identità del soggetto. Un vero passo indietro per il telemarketing e per la tutela degli utenti ai quali neanche il Registro Pubblico delle Opposizioni riesce a fornire ormai una tutela adeguata. È questo il risultato del decreto Concorrenza appena approvato in via definitiva dal Parlamento. Nel frattempo arriva alla Camera un disegno di legge anti-stalkeraggio telefonico che consentirà, quanto meno, di evitare le chiamate sul cellulare.

Gli operatori dei call center non dovranno più identificarsi prima dell’inizio della telefonata

Anche una sola telefonata al giorno, da parte di un call center che opera nel telemarketing, può far perdere molto tempo a chi, educatamente, preferisce rispondere e dire di «non essere interessato» piuttosto che sbattere il telefono in faccia all’operatore. Se poi non si vuole più essere disturbati sul proprio cellulare c’è un sistema che, ormai, è disponibile su tutti gli smartphone: bloccare il contatto. Si tratta cioè di accedere alla rubrica telefonica e, selezionando l’ultimo numero in entrata sul telefonino, attivare l’opzione «blocca il contatto». Questo impedirà all’operatore di usare la stessa numerazione (fissa o mobile) per molestare l’utente: sarà infatti lo stesso smartphone a impedire la connessione telefonica tra i due numeri.

Senonché sino ad oggi chi faceva telefonate pubblicitarie doveva innanzitutto presentarsi: dire cioè il proprio nome, il numero matricola (se esistente), ma soprattutto specificare all’inizio della chiamata che la stessa ha finalità pubblicitarie e chiarire la società per la quale opera. Ora tutti questi obblighi vengono meno. Il che potrebbe richiedere maggior tempo, per il consumatore, nell’identificare la natura commerciale della telefonata.

Un colpo al cerchio e uno alla botte. Sempre il decreto concorrenza consente di iscriversi al Registro delle Opposizioni per evitare di ricevere i volantini pubblicitari dentro la propria cassetta delle lettere. In verità tale previsione era già contenuta in una legge del 2011 [1] ma era rimasta inattuata. Oggi invece chi non desidera ricevere nella casella postale avvisi di sconti e promozioni, può iscriversi nel Registro delle Opposizioni, tenuto dalla Fondazione Bordoni e finora riservato a chi voleva evitare telefonate di disturbo.

Come anticipato è stato appena approvato dalla Camera, e ora attende il sì del Senato, un nuovo Ddl anti-telemarketing dove si specifica che nel registro «sono comunque inserite anche le numerazioni fisse non pubblicate negli elenchi degli abbonati». Se la nuova legge verrà approvata, l’inserimento nel registro fa automaticamente decadere tutti i consensi al trattamento dei dati telefonici per finalità pubblicitarie espressi in precedenza dall’interessato. Infine, viene ribadito che le società di telemarketing devono, mensilmente o prima dell’avvio di una campagna promozionale, consultare il registro, così da non chiamare (o inviare posta) chi vi è iscritto.

note

[1] Art. 6 co. 2 dl n. 70/2011.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

14 Commenti

  1. …non dovrebbe essere il il contrario?..nel senso che se voglio ricevere telefonate commerciali o volantini do il mio consenso

  2. Quanta ipocrisia!
    Sappiamo bene che il registro delle opposizioni non funziona! Nessuno la fa funzionare è questo il punto!

  3. E’ un vero peccato essere una persona “perbene” in un paese così ! E’ un peccato l’aver educato al rispetto delle regole i propri figli che si mangeranno il fegato per tutta la vita in un paese ormai incivile. Grazie ai nostri politicanti! Grazie a chi dovrebbe amministrare la legge e cerca di aggirarla.
    Che tristezza signori miei, abbiamo superato il limite del non ritorno!

  4. che farsa del c..zzo!
    da adesso,o non rispondo,o mando direttamente a fare in c.lo!!!
    siamo governati dai bambocci…

  5. Speriamo in Matteo Salvini premier, forse lui eliminerà questa norma. Visto che un governo di sinistra, che dovrebbe stare sempre dalla parte del popolo, l’ha approvata. Che schifo che mi fate pddini del cavolo.

    1. Sbaglio ma Salvini è già stato seduto su quelle poltrone a governare insieme alla lega o Berlusconi che fosse non ricordo in questo momento è cosa fece!? TUTTI UGUALI SIAMO STANCHI DELLE SOLITE FACCE E DEI SOLITI DISCORSI PRE ELETTORALI TUTTI A CASA MA PROPRIO TUTTI INDISTINTAMENTE.

  6. L’importante che ci sia sempre il modo di poterle bloccare perché ogni giorno a qualsiasi ora hanno proprio stancato…

  7. Per me facciano un po come meglio credono, tanto in questo paese incivile non si arriverà mai al rispetto delle più elementari norme di convivenza…io non rispondo a numeri sconosciuti, a casa e al cellulare, e riattacco senza profferir parola

  8. Non credo che le vendite aumenteranno. Molto più probabile l’aumento della frustrazione degli operatori di call center e dell’incaxxatura dei potenziali clienti. Cui prodest?

  9. Se sono fastidiosi, aziono una tromba da stadio dopo aver specificato di essere iscritto al registro delle opposizioni: a mali estremi, estremi rimedi. Ci penserà l’operatore ad avvisare il suo capo che c’è uno iscritto al registro che gli spacca i timpani.

  10. Io non posso iscrivermi al registro delle opposizioni (che già dubito funzioni realmente) perchè IL MIO NUMERO NON E’ IN ELENCO.
    Eppure continuano a chiamarmi quasi tutti i giorni, nonostante le mie arrabbiature (lavoro la notte) e la richiesta specifica di eliminare il mio numero dai loro archivi.
    E ora anche questa bella porcata legale.
    Ma che bel paese, quello in cui viviamo.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI