HOME Articoli

Lo sai che? Ferragosto: come viene pagato in busta paga?

Lo sai che? Pubblicato il 7 agosto 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 agosto 2017

Come avviene il pagamento in busta paga delle festività infrasettimanali sia per chi lavora che per chi non va a lavorare.

La giornata del 15 agosto, ossia ferragosto viene retribuita in busta paga come giorno di festività quando cade durante la settimana lavorativa. Inoltre, per le aziende del commercio operanti a Milano e provincia, a tutti gli effetti contrattuali, il giorno 16 agosto è considerata come una delle festività infrasettimanali. Ma che succede a chi ferragosto non lavora e a chi, invece, lavora? Quali voci saranno accreditate in busta paga? Cerchiamo di comprenderlo in questa rapida guida.

Il 15 agosto è una festività religiosa corrispondente all’Assunzione della Vergine Maria. Anche la legge considera questa data un festività che disciplina e regola come pagare in busta paga il giorno di ferragosto [1].

Come noto, la normativa (che deve essere comunque integrata con il contratto collettivo nazionale di categoria applicabile al singolo lavoratore) prevede un trattamento economico specifico per il lavoro prestato nelle festività. Cerchiamo di capire qual è.

Se a ferragosto non lavoro

Quando a ferragosto il dipendente non va a lavorare:

  • se la retribuzione non è fissa (di solito operai per alcuni settori e/o lavoratori temporanei) per il giorno di ferragosto spetta un trattamento economico di festività rapportato ad un 1/6 della retribuzione settimanale;
  • se la retribuzione è fissa non spetta alcun trattamento aggiuntivo in busta paga (così agli impiegati ed agli altri lavoratori retribuiti in misura fissa mensile). Infatti tale festività è già compresa nello stipendio mensile.

In ogni caso al dipendente spettano gli assegni per il nucleo familiare.

Se a ferragosto lavoro

Quando ferragosto cade durante la settimana e al dipendente sia richiesto di andare a lavorare. A questo spetta, oltre al normale compenso dovuto per la giornata, un incremento secondo maggiorazioni percentuali per lavoro festivo come da Ccnl applicato.

Per chi è in cassa integrazione

Se la festività infrasettimanale interviene in un periodo di Cig il compenso previsto per la festività non rientra fra gli elementi integrabili da parte della Cassa perché a carico dell’azienda, per i lavoratori:

  • ad orario ridotto e cioè che lavorano comunque una parte della settimana;
  • sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti non in misura fissa mensile ma in rapporto alle ore, sospesi da non più di due settimane.

Invece il trattamento economico per la festività è a carico della Cassa per i lavoratori:

  • sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti non in misura fissa mensile ma in rapporto alle ore, sospesi da oltre due settimane;
  • sospesi a zero ore settimanali, se si tratta di lavoratori retribuiti in misura fissa mensile sospesi anche da non più di due settimane.

note

[1] Art. 2 della Legge 27 maggio 1949, n. 260, e del D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 792. La disciplina da osservare in occasione della giornata festiva sono contenute nella citata legge n. 260/1949, ed in quella del 31 marzo 1954, n. 90, oltre che nella disposizioni dei CCNL, ai quali si rinvia.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Buongiorno vorrei sapere se a cambio appalto il 1/8/2017ho diritto alle ferie non maturate.lavoro presso una manda ospedaliera

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI