HOME Articoli

Lo sai che? Successione: può l’usucapione modificarne le condizioni?

Lo sai che? Pubblicato il 7 agosto 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 agosto 2017

Una successione avvenuta nel 2010 si può impugnare con la motivazione dell’usucapione? La persona che occupa l’immobile ed il terreno dal 1989 può opporre l’usucapione alla successione avvenuta nel 2010 che ha modificato le condizioni?

 

L’usucapione è il mezzo tramite cui, in presenza di alcune circostanze, si può acquistare la proprietà di un bene immobile.

Quali sono le circostanze che creano l’usucapione?

La prima circostanza, o meglio, il primo requisito, è di carattere temporale: salvo per alcune categorie di beni, si può parlare di usucapione a seguito di un possesso del bene almeno ventennale.

Il possesso ventennale, però, deve essere come si dice in gergo tecnico, “uti dominus” vale a dire effettuato come se il possessore ne fosse il proprietario (ad esempio se vi è stata necessità di interventi di manutenzione il possessore si è fatto carico dei costi e dei relativi oneri senza aver preventivamente richiesto il permesso al proprietario).

Vi è, inoltre, da aggiungere che il possesso deve essere: pacifico, continuo e non interrotto. Cosa significa?

Pacifico significa che, per tutto il tempo (almeno venti anni) il proprietario non deve mai aver rivendicato la sua proprietà. Continuo e non interrotto, come si comprende agevolmente, significa che il possesso non deve aver subito interruzioni.

In buona sostanza, volendo semplificare il più possibile, possiamo dire che nell’usucapione, vengono in rilievo due fattori: il disinteresse del proprietario in contrapposizione al possesso di un altro soggetto che si comporta come se quel bene posseduto fosse, in pratica, di sua proprietà.

Orbene, considerando che nel caso che interessa al lettore all’aperura della successione risultano già trascorsi venti anni dall’inizio del possesso, in presenza delle altre condizioni cui si è fatto riferimento, considerando che non è decorso il termine di prescrizione decennale per l’impugnazione della successione, è opinione di chi scrive che possa, in effetti, trovare luogo una richiesta di usucapione.

Deve però tenere presente, che l’usucapione deve comunque essere dichiarata giudizialmente: è cioè necessario che vi sia un formale provvedimento del giudice dichiarativo dell’acquisto della proprietà per usucapione.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Antonio Ciotola


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI