Diritto e Fisco | Articoli

Se il genitore rinuncia, l’eredità va al figlio?

8 Agosto 2017 | Autore:
Se il genitore rinuncia, l’eredità va al figlio?

Rappresentazione: se l’erede non accetta l’eredità del de cuius, subentrano i suoi discendenti (sia legittimi che naturali).

Se l’erede del defunto non può o non vuole accettare l’eredità, subentrano nella successione i discendenti legittimi o naturali dell’erede stesso [1]. Ciò è possibile grazie all’istituto della rappresentazione, tramite il quale i figli e nipoti dell’erede possono succedere nell’eredità al suo posto.

La finalità è quella di consentire che l’eredità resti “in famiglia” e non si disperda a causa del rifiuto o impossibilità di accettare da parte degli eredi diretti. Affinché si possa ricorrere all’istituto della rappresentazione occorrono requisiti soggettivi e oggettivi.

Requisiti soggettivi rappresentazione

L’erede (rappresentato) deve essere un figlio o fratello/sorella del defunto.

rappresentanti (cioè coloro che subentrano al posto dell’erede rappresentato) devono essere, invece, discendenti del rappresentato cioè figli (legittimi, naturali o adottivi) del figlio o del fratello/sorella del defunto [2].

Per esempio: alla morte di Tizio succede Caio il quale però non vuole accettare l’eredità. A Tizio succede allora per rappresentazione il nipote, cioè il figlio di Caio.

Requisiti oggettivi rappresentazione

I discendenti succedono per rappresentazione quando il loro ascendente (nella gran parte dei casi genitore) non vuole accettare l’eredità oppure non può accettarla.

I casi in cui l’erede non può accettare l’eredità e possono, al suo posto, accettarle i discendenti sono:

  • morte prematura: è il caso dell’erede che muore prima dell’apertura della successione del de cuius;
  • indegnità dell’erede [3]: è indegno l’erede che :

a) ha volontariamente ucciso o tentato di uccidere il de cuius o il suo coniuge o discendente;

b) ha commesso reati di calunnia o falsa testimonianza contro il de cuius;

c) ha perso la potestà genitoriale nei confronti del de cuius e non l’ha riacquistata prima dell’apertura della successione;

d) ha indotto il de cuius con dolo o violenza a revocare o modificare il testamento;

e) ha soppresso, nascosto o alterato il testamento;

f) ha formato e usato un testamento falso;

  • prescrizione o decadenza del diritto di accettare l’eredità.

note

[1] Art. 467 cod. civ.

[2] Art. 468 cod. civ.

[3] Art. 463 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube