Diritto e Fisco | Articoli

Cani e sicurezza: cosa rischio se non osservo la legge?

26 agosto 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 26 agosto 2017



Chi possiede o si prende cura di un amico a quattro zampe ne è responsabile. Guinzaglio, museruola e assicurazione: ecco le regole da rispettare

Il cane è sicuramente il miglior amico dell’uomo, ma siamo certi che anche l’uomo lo sia per il proprio cane?

Molti padroni, purtroppo, ignorano – o volontariamente disattendono – l’esistenza della specifica normativa diretta a prevenire danni o lesioni che potrebbero derivare a persone, altri animali o cose, dal comportamento del proprio cane.

Quale è la normativa di riferimento? Quali sono le misure precauzionali da adottare?

La normativa

Nell’ambito della sicurezza e prevenzione, la normativa a cui bisogna far riferimento è la Ordinanza contingibile ed urgente concernente la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani del ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali del 3 marzo 2009, successivamente modificata e poi prorogata fino al 7 settembre 2017.

In quest’ordinanza si ricorda che il proprietario di un cane, o comunque chiunque se ne prenda cura per un certo periodo di tempo, se ne assume la responsabilità.

Questo significa che chi conduce il cane, o chi dovrebbe controllarlo, è chiamato a rispondere sia in sede civile che in sede penale dei danni cagionati (ad esempio, in caso di danni a cose altrui o di lesioni a persone) a seguito delle violazioni commesse.

Per evitare di incorrere in queste situazioni, l’ordinanza impone di adottare delle regole di comportamento, in particolare impone l’adozione di determinate misure a scopo precauzionale.

Le misure da adottare

1. Utilizzare sempre un guinzaglio di misura non superiore a 1,50 metri. Questo significa che durante la passeggiata il cane deve essere sempre condotto al guinzaglio, non è ammessa la conduzione di cani liberi, a meno che non si trovino nelle apposite aree recintate predisposte dai Comuni.

2. Portare sempre la museruola. Questo non vuol dire che il cane sia obbligato ad indossarla, ma è necessario che chi lo conduca a passeggio la porti sempre con sé.

La museruola può essere rigida o morbida e deve essere fatta indossare al cane in caso di necessità, ossia nel caso di rischio per l’incolumità di altre persone o animali o su richiesta delle autorità competenti (ad esempio, la polizia municipale).

3. È obbligatorio raccogliere le deiezioni del proprio amico a quattro zampe e avere con sé gli strumenti adatti alla raccolta.  Anche se la normativa in esame fa riferimento solo alle feci, non sempre è sufficiente avere con sé unicamente paletta e sacchetto, in alcuni casi è necessario avere a disposizione una bottiglia d’acqua. Non è infrequente, infatti, che i Comuni adottino ordinanze comunali, a tutela del decoro e dell’igiene, in cui è prescritto ai proprietari l’obbligo di lavare immediatamente con acqua la pipì fatta dal proprio cane su aree pubbliche (marciapiedi, strade, piazze, etc.) o private (muri, macchine o altri mezzi in sosta).

4. L’assicurazione contro la responsabilità civile per danni contro terzi causati dal proprio cane. Fino a poco tempo fa, la stipula di questo tipo di assicurazione era obbligatoria per tutti i proprietari delle razze canine individuate come pericolose da un apposito elenco. Fortunatamente, l’elenco in discorso è stato eliminato e si è affermato il principio per cui la pericolosità di un cane non va valutata alla stregua della razza di appartenenza, ma va individuata in concreto, sul singolo cane, a prescindere quindi dalla taglia e da qualsiasi altro preconcetto.

In tal senso, qualora dovessero verificarsi eventi lesivi gravi ai danni di persone, altri animali o cose, i servizi veterinari avranno l’onere di valutare la pericolosità del cane e stabilire misure di prevenzione e l’intervento terapeutico comportamentale più adatto, consistente in un percorso di riabilitazione/socializzazione dell’animale.

Per quanto attiene alle misure di prevenzione, i servizi veterinari dovranno procedere all’iscrizione del cane in uno specifico registro. Per i cani ivi iscritti, è obbligatoria, a carico dei proprietari, la stipula della polizza assicurativa per la responsabilità civile ed è necessario che, sempre ed in qualsiasi luogo aperto al pubblico, il cane indossi la museruola.

Livia Cherubino

L’osservanza delle misure sopra elencate (oltre ad essere doverosa) è importante per evitare di ritrovarsi in situazioni poco piacevoli e altamente rognose, soprattutto a livello economico.

Invero, se dette misure sono state predisposte non è per limitare la libertà del cane o per relegarlo in una condizione di sottomissione, ma per tutelare lui (ad esempio dalle aggressioni di altri cani non al guinzaglio), i proprietari (da possibili denunce) e i terzi (ad esempio persone che potrebbero averne paura).

Quindi, se vogliamo essere per loro quello che i nostri amici a quattro zampe rappresentano per noi, rispettiamo queste semplici regole che nulla tolgono all’amore che si prova per loro, ma anzi ne sono la dimostrazione.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI