Diritto e Fisco | Articoli

Cancellata la trattenuta del 2,50% a carico dei dipendenti pubblici

27 Ottobre 2012
Cancellata la trattenuta del 2,50% a carico dei dipendenti pubblici

È stata definitivamente cancellata la trattenuta del 2,50% a carico dei dipendenti statali.

Qualche ora fa il Consiglio dei Ministri, bocciando definitivamente la manovra del Governo Berlusconi, ha approvato un decreto legge che dà attuazione alla recente sentenza della Corte Costituzionale [1], che pochi giorni fa aveva stabilito l’illegittimità della trattenuta sul TFR sui dipendenti pubblici (ne avevamo parlato qua).

Così lo Stato dovrebbe restituire a suoi dipendenti quanto è stato tolto illegittimamente dal gennaio 2011 a oggi. Secondo alcune stime il rimborso delle somme costerà 3,8 miliardi al bilancio dello Stato.

Si attende ora la lettura definitiva del testo dell’intervento del Consiglio dei Ministri, per verificare se effettivamente è stato previsto anche il rimborso delle somme trattenute.

Infatti, se ciò non fosse confermato, ogni dipendente dovrà al più presto presentare richiesta individuale per il recupero delle somme indebitamente trattenute dallo Stato.

di ANDREA BORSANI

note

[1] Corte Costituzionale sentenza n.223 del 11.10.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

    1. Gen. le Sig.ra Eliana,
      per la ripresa delle trattenute e la restituzione delle somme indebitamente prelevate, si procederà in via amministrativa con un decreto del presidente del Consiglio (Dpcm). Almeno così è stato previsto il 26 ottobre.
      Al Dpcm sarà demandata la definizione delle modalità di erogazione dei rimborsi dovuti. Siamo in attesa di nuovi sviluppi.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube