Diritto e Fisco | Articoli

Come si cancella un’ipoteca

20 settembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 settembre 2017



Quando e come si estingue l’ipoteca sulla casa.

L’estinzione dell’ipoteca comporta il suo annullamento. Ciò significa che l’ipoteca, una volta estinta, non vale più a garanzia del credito per il quale era stata iscritta. Tuttavia, nonostante l’estinzione, l’ipoteca potrebbe rimanere ancora iscritta sul registro immobiliare perché non ancora materialmente cancellata.

La cancellazione dell’ipoteca consiste, invece, nell’eliminazione definitiva di tutte le formalità iscritte nei registri immobiliari.

L’estinzione non comporta necessariamente la cancellazione dell’ipoteca dal registro immobiliare mentre la cancellazione comporta sempre l’estinzione dell’ipoteca.

Casi di estinzione dell’ipoteca

Detto ciò, l’ipoteca si estingue in uno dei seguenti casi [1]:

  • il creditore cancella l’ipoteca;
  • il creditore non provvede a rinnovare l’ipoteca decorsi venti anni dalla sua iscrizione;
  • si estingue l’obbligazione per la quale era stata iscritta l’ipoteca (per es. il debitore finisce di pagare il mutuo);
  • si distrugge l’immobile sul quale grava l’ipoteca [2];
  • il creditore rinuncia all’ipoteca;
  • scade il termine o la condizione ai quali l’ipoteca era stata limitata;
  • il tribunale emette il provvedimento con cui espropria il bene su cui grava l’ipoteca e ordina la cancellazione di quest’ultima.

Cancellazione dell’ipoteca

Una volta estinta l’ipoteca, l’interessato può chiederne la cancellazione[3] dal registro immobiliare in modo che l’immobile risulti pubblicamente libero da vincoli. La cancellazione avviene con modalità differenti a seconda del tipo di ipoteca (volontaria o giudiziale).

Chi paga la cancellazione dell’ipoteca volontaria?

La cancellazione dell’ipoteca volontaria può essere ottenuta:

  • con modalità automatica e gratuita, a condizione che l’ipoteca sia stata iscritta a garanzia di un contratto di mutuo o finanziamento: la banca o (l’interessato stesso) comunica all’Agenzia del Territorio l’avvenuta estinzione dell’ipoteca affinché gli uffici competenti provvedano alla cancellazione;
  • mediante atto notarile: in questo caso è il notaio a comunicare l’avvenuta estinzione agli uffici competenti, presentando un atto che attesta il consenso del creditore alla cancellazione.
    Nel caso di mutui estinti dopo il 2 giugno 2007 [4], è la banca a dover spontaneamente inviare notifica dell’avvenuta estinzione del mutuo (e dell’ipoteca) all’Agenzia del Territorio, che procederà alla cancellazione del vincolo.

Chi paga la cancellazione dell’ipoteca giudiziale?

L’ipoteca giudiziale può essere cancellata solo tramite ordine del giudice, provvedimento che presuppone un’apposita procedura giudiziale.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI