Diritto e Fisco | Articoli

Raccomandata 1 e mancata o ritardata consegna: indennizzi

15 Settembre 2017 | Autore:
Raccomandata 1 e mancata o ritardata consegna: indennizzi

La Raccomandata 1 è un prodotto costoso: se viene consegnata in ritardo o si smarrisce sono previsti degli indennizzi.

La Raccomandata 1 è un particolare prodotto postale, molto usato dagli avvocati e da altri professionisti che hanno necessità di spedire con urgenza un documento o un provvedimento: è simile alla Raccomandata ordinaria, perché consente di avere la prova della spedizione e la prova della consegna con data certa ed inoppugnabile; mentre però per la raccomandata semplice il tempo di consegna previsto dal contratto può andare dai cinque ai dieci giorni lavorativi, per la Raccomandata 1 il discorso è diverso. Infatti, la Raccomandata 1 è un prodotto per il quale Poste Italiane garantisce la consegna in pochissimi giorni lavorativi  a partire dalla spedizione.

Per questo il costo è molto più alto della Raccomandata semplice: infatti, si parte da un minimo di circa euro 6,40 per arrivare ad un massimo di euro 17,50 a seconda del peso e del formato della spedizione.

Ecco allora che la Carta di qualità dei servizi di Poste Italiane prevede degli indennizzi per i casi di Raccomandata 1 non consegnata o consegnata in ritardo rispetto ai termini previsti: vediamo quali sono e come richiederli.

Gli indennizzi per raccomandata 1 non consegnata o consegnata in ritardo

La Carta di qualità dei servizi di Poste Italiane ci dice che il tentativo di consegna della Raccomandata 1 deve avvenire entro il terzo giorno da quello di spedizione, con preferenza per le prime 24 ore.

Così, gli indennizzi previsti per la Raccomandata 1 consegnata in ritardo o non consegnata sono determinati sulla base di questo principio generale.

Precisamente, gli indennizzi per la Raccomandata 1 consegnata in ritardo o non consegnata sono i seguenti:

  • in caso di tentativo di consegna della Raccomandata 1 oltre il terzo giorno da quello successivo alla spedizione ed entro il quindicesimo, Poste restituisce una cifra pari ad una volta e mezza quella pagata per la spedizione, oltre l’Iva e i costi di eventuali servizi accessori
  • in caso di Raccomandata 1 consegnata oltre il quindicesimo giorno da quello successivo alla spedizione, oppure in caso di mancato recapito o di danneggiamento del piego, o di manomissione evidente dello stesso, è previsto un rimborso forfettario di euro 100
  • in caso di ritorno della spedizione al mittente senza motivo giustificato è previsto un rimborso pari ad una volta e mezza il prezzo pagato, oltre Iva e costi dei servizi accessori eventualmente richiesti.

L’indennizzo è previsto solo per i casi di mancata o ritardata consegna della Raccomandata 1: non sono previsti indennizzi per il caso di smarrimento o mancata consegna del cedolino che fa prova del recapito ; in questo caso, però, recandosi all’Ufficio postale di spedizione, è possibile ottenere un certificato che attesta la consegna della Raccomandata 1 al destinatario. Questo certificato è assolutamente gratuito.

Come richiedere l’indennizzo per la raccomandata 1 consegnata tardi o non consegnata

Per ottenere gli indennizzi previsti, chi ha spedito la Raccomandata 1 non consegnata o consegnata in ritardo deve presentare reclamo a Poste Italiane.

Le modalità di presentazione del reclamo sono le seguenti:

– compilazione del modulo apposito presente presso ogni Ufficio postale e consegna diretta  allo sportello, senza costi di alcun genere;

– invio del modulo per piego raccomandato a Poste Italiane, Casella postale 160,  00144 Roma, sopportando il costo di spedizione della stessa che non sarà restituito;

–  invio del modulo via posta elettronica certificata agli indirizzi PEC pubblicizzati sul sito internet di Poste Italiane, ovviamente senza costi di alcun genere.

Attenzione però: al reclamo deve sempre essere allegata la prova della spedizione, cioè una copia del talloncino ove si attesta l’avvenuto inoltro della lettera ed il costo pagato per il servizio, e deve essere con chiarezza indicato sia il mittente che il destinatario della Raccomandata 1.

Cosa fare se Poste non corrisponde l’indennizzo

Può accadere che anche in caso di Raccomandata 1 non consegnata o recapitata in ritardo Poste non versi l’indennizzo al mittente.

In questo caso, per conseguire l’indennizzo previsto, il mittente della Raccomandata 1 consegnata in ritardo o non consegnata può depositare presso il Giudice di pace un ricorso per ingiunzione. Il ricorso deve indicare e provare documentalmente l’avvenuta spedizione, il costo sopportato, i termini della Carta qualità dei servizi: poi, il ricorso deve dedurre la mancata o ritardata consegna. Sarà dunque utile allegare al ricorso sia il cedolino di spedizione, sia il testo della Carta di qualità.

La Carta qualità è scaricabile dal sito web di Poste Italiane.


note

Autore immagine: Pixabay


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ragazzi ma ci prendete in giro? viene recapitata una raccomandata 1 e per avere un indennizzo pari a una volta e mezzo l’importo pagato devono trascorrere 15 giorni dalla spedizione? E se le Poste non pagan devo fare l’ingiunzione? Ma davvero vi sembrano sanzioni e procedure serie rapportare ai danni verosimilmente subiti? Non ho parole, …

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube