HOME Articoli

Lo sai che? I diritti di chi soffre di artrosi

Lo sai che? Pubblicato il 16 agosto 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 16 agosto 2017

Chi soffre di artrosi può beneficiare dei sussidi offerti dallo Stato. Ecco i principali.

L’artrosi è una malattia degenerativa delle articolazioni. Diffusissima tra la popolazione italiana, spesso la sua gravità è presa sottogamba a causa proprio della sua “ordinarietà”. L’artrosi può essere conseguenza dello stile di vita condotto (si pensi a quanti sono sottoposti a lavori usuranti) ovvero di origine ereditaria. Vediamo dunque quali sono i diritti di chi soffre di artrosi.

Invalidità civile

Le forme di artrosi più gravi (si pensi, ad esempio, all’artrosi polidistrettuale, cioè all’artrosi che colpisce contemporaneamente più articolazioni, o alla spondiloartrosi, che riguarda la colonna vertebrale) consentono al malato di ottenere alcune agevolazioni. Tra i diritti di chi soffre di artrosi rientra senz’altro quello al riconoscimento dell’invalidità civile. Secondo l’ordinamento italiano, è invalido civile chiunque sia affetto da patologie tali da compromettergli la normale capacità lavorativa (se in età da lavoro, cioè tra i 18 e i 65 anni), ovvero da renderlo incapace di svolgere le attività tipiche della sua età [1]. I benefici concessi variano a seconda del grado di invalidità riconosciuto: ad esempio, un’invalidità del 100% dà diritto a ricevere una pensione di inabilità. I vantaggi diversi da quelli economici non sono meno importanti: anche senza aver ottenuto un’invalidità totale, il malato ha diritto alla fornitura gratuita di protesi, presidi ed ausili [2]; all’esenzione (parziale o totale, a seconda del grado di invalidità) dal pagamento del ticket sanitario per tutte le prestazioni mediche riguardanti la patologia invalidante; ad agevolazioni per le graduatorie delle case popolari e per il canone telefonico (in base ai redditi dichiarati).

Indennità di accompagnamento

Tra i diritti di chi soffre di artrosi rientra anche quello all’indennità di accompagnamento. La legge [3] accorda il beneficio agli invalidi civili totali (invalidità del 100%) quando siano impossibilitati a camminare autonomamente o siano incapaci di compiere da soli gli atti quotidiani della vita. Il beneficio è puramente economico e spetta a tutti, cittadini italiani ed extracomunitari, a prescindere dall’età e dal reddito.

Riconoscimento dello stato di handicap

Tra i diritti di chi soffre di artrosi c’è anche quello ad ottenere le agevolazioni previste per i portatori di handicap. Secondo la legge, è handicappato chi, a causa della propria malattia, ha difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa tali da favorire l’emarginazione sociale del malato. L’handicap grave viene riconosciuto a chi ha bisogno di assistenza ininterrotta [4]. I vantaggi concessi dallo Stato sono molteplici; si ricorda: il diritto a godere di tre giorni di permesso mensile; il diritto di scegliere la sede di lavoro più vicina; l’impossibilità al trasferimento senza il proprio consenso; il diritto al congedo straordinario retribuito per un periodo massimo di due anni; detrazioni fiscali; l’Iva agevolata. A differenza dell’indennità di accompagnamento, lo stato di handicap fornisce un aiuto a più ampio raggio, diretto a favorire l’inclusione del malato all’interno della società, cercando di rimuovere le barriere che potrebbero impedirgli di vivere serenamente.

Attenzione alla gravità della patologia!

Chi soffre di artrosi ha senz’altro diritto a godere dei benefici elencati, purché la sua patologia sia riconosciuta dalla commissione medica chiamata ad accertarla. Infatti, non tutte le artropatie sono uguali. Ad esempio, la Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il licenziamento del lavoratore affetto da coxo-artrosi dell’anca che, durante il congedo per malattia, aveva tenuto un comportamento che ne comprometteva la guarigione [5]. Morale della favola: ogni patologia va attentamente valutata caso per caso; le generalizzazioni sono inopportune.

Chi soffre di artrosi può beneficiare di numerosi vantaggi. Ovviamente, è necessario che il malato si sottoponga alle dovute visite mediche per stabilire la gravità della patologia, poiché i vantaggi concessi dalla legge spettano soltanto alle malattie realmente invalidanti.

note

[1] Legge n. 118/1971 e successive modifiche.
[2] Decreto Ministeriale n. 322 del 27/08/99.
[3] Legge n. 18/1980.
[4] Legge n. 104/1992.
[5] Cass. sent. N. 9474/2009 del 21 aprile 2009.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

7 Commenti

  1. In caso di spondiloartrosi ad esempio qual’e’ la percentuale di invalidita’ che danno i medici delle commissioni delle Asl? Non ci sono delle tabelle apposite?
    Grazie se vorrete rispondermi.

  2. Ho spondilo artrosi alla spina d’or sale atrosi alla rotula sx per frattura esplosa di essa ,atrosi al gomito dx per vecchia resezione del capitello radiale.Sa se ho diritto ad un punteggio di invalidità inps.
    Graziella
    Sergio 62 anni

  3. Spondiloatrosi spinale ,atrosi ginocchio sx per esplosione rotula per incidente pregresso, atrosi la gomito dx per resezione capitello radiale di vecchia data.Sa gentilmente dirmi se ho diritto ad un punteggio di invalidità inps .
    Sergio

  4. BUONGIORNO,IO HO 32 ANNI E DOVUTA A UNA BRUTTA CADUTA DALLE SCALE MI ERO ROTTA TUTTE E DUE LE CAVIGLIE E L’INPS MI AVEVA DATO IL 15%DI INVALIDITA’, HO FATTO DIVERSI INTERVENTI DI PULIZIA DELL’ARTROSI E AD OGGI HO DOVUTA BLOCCARE LA CAVIGLIA CON L’ARTRODESI SOTTO ASTRAGALICA, ORA NON RIESCO NEMMENO A SVOLGERE LA MIA VITA QUOTIDIANA CON I MIEI FIGLI…HO FATTO LA DOMANDA DI INVALIDITA’ CON AGGRAVAMENTO..PUO’ ESSERE ACCETTATA..GRAZIE E BUONA GIORNATA

  5. Buongiorno, mi chiamo Michele ho 56anni ho l’artrosi alla spalla sinistra mi sapresti dire che agevolazione mi spetta

  6. Buongiorno mi chiamo Paolo Ho 41 anni e due anni fa a causa di un incidente mi sono rotto il piede mi hanno operato però mi è rimasto il ginocchio e il piede storto 45 gradi all’esterno camminando con il piede storto adesso il ginocchio scricchiola e mi fa male riesco a malapena a camminare Ma si sa piegare il ginocchio in ospedale mi hanno detto che è artrosi il 6 giugno 2018 ho fatto una visita medico legale ho sentito che tra loro parlavano di una semplice lussazione cosa devo fare Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI