Diritto e Fisco | Articoli

Eredità: come ripartire le quote ereditarie senza testamento

15 Agosto 2017
Eredità: come ripartire le quote ereditarie senza testamento

È venuto a mancare mio padre. Non c’è testamento e gli eredi siamo mia madre e noi 3 figli. Lo stato patrimoniale alla sua morte è risultato essere: – un immobile a lui intestato, acquistato in regime di separazione dei beni. – 2 libretti al portatore uno a nome di mio padre ed uno a nome di mia madre, aperti entrambi negli ultimi 5 anni, ma in regime di comunione dei beni.  Come dovranno essere ripartite le quote ereditarie?
È corretto quello che ci hanno anticipato, alcuni professionisti, a proposito della divisione: – l’immobile 1/3 a mia madre con diritto di abitazione e gli altri 2/3 in parti uguali tra i 3 figli; i libretti al portatore si sommano e gli eredi si dividono solo il 50% della somma (perché il 50% è di mia madre in quanto in comunione dei beni) 1/3 a mia madre egli altri 2/3 in parti uguali tra i 3 figli.
Mia madre donerà il suo patrimonio ad una sola figlia, qual è la quota disponibile che può donare senza ledere la legittima degli altri due fratelli?
Se poi mia sorella per evitare di liquidare i fratelli, si dovesse trasferire a casa di mia madre, agli altri due fratelli è dovuto qualcosa visto che sono parzialmente intestatari dell’immobile?

 

Quanto riferito al lettore da altri colleghi è corretto.

Difatti, in presenza del coniuge superstite e dei discendenti (figli legittimi e naturali), al primo tocca la metà dell’eredità, in concorso con un solo figlio, ovvero di un terzo se i figli sono due o più, ai quali spettano invece i due terzi, suddivisi in parti uguali.

Pertanto, nel caso che interessa al lettore, con riguardo all’immobile, spetterà 1/3 della quota a sua madre, con diritto di abitazione, così come previsto all’art. 540 del codice civile, mentre a lui spetterà 1/3 dei rimanenti 2/3 dell’immobile. Stessa cosa con riguardo ai libretti al portatore: al lettore saranno destinati 1/3 di 2/3 della metà dei libretti al portatore, in quanto l’altra metà era già di proprietà di sua madre. Per chiarire,  si riporta un esempio chiarificatore. Un libretto contenente € 6.000,00 sarà suddiviso in questo modo:

  • € 3.000,00 già di proprietà della madre,
  • € 1.000,00 sempre alla madre, l’equivalente di 1/3 del rimanente,
  • € 2.000,00 (i restanti 2/3) da dividere tra i tre fratelli in parti uguali.

Con riguardo alla donazione che farà la madre del lettore alla figlia, essa dovrà limitarsi alla quota messa a disposizione dalla legge. Nel caso specifico, in mancanza di testamento, il patrimonio dovrà essere diviso tra gli eredi in parti uguali. Pertanto, la madre potrebbe donare in vita solo 1/3 del proprio effettivo patrimonio. Diversamente ci sarebbe una lesione della legittima. Va da sé che la donazione rientrerà nella futura successione (all’atto della morte della madre) e potrà essere impugnata per lesione con un’azione di riduzione ai sensi dell’art. 557 del codice civile: “La riduzione delle donazioni e delle disposizioni lesive della porzione di legittima non può essere domandata che dai legittimari e dai loro eredi o aventi causa. Essi non possono rinunziare a questo diritto, finché vive il donante, né con dichiarazione espressa, né prestando il loro assenso alla donazione. I donatari e i legatari non possono chiedere la riduzione, né approfittarne. Non possono chiederla né approfittarne nemmeno i creditori del defunto, se il legittimario avente diritto alla riduzione ha accettato con il beneficio d’inventario”.

Infine, con riguardo al trasferimento presso la casa ereditata, la situazione è un pò più complessa in quanto la madre del lettore vanta il diritto di abitazione su quell’immobile e l’eventuale trasloco della propria figlia sarebbe riconosciuto dalla legge come mera ospitalità essendo presente un rapporto di parentela stretta (madre – figlia).

Tuttavia, quando verrà a mancare la madre, il lettore potrà contestare che l’immobile è stato abitato da sua sorella e che l’eventuale deprezzamento dell’immobile sia addebitabile anche a lei. In tal modo, riuscirebbe insieme all’altro fratello ad accrescere la quota d’immobile di sua spettanza, a danno della sorella inquilina dell’immobile, che ne ha – viceversa – sfruttato i vantaggi, abitandoci fino a quel momento.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube