Diritto e Fisco | Articoli

App Ratatua contro il sovraindebitamento: come funziona?

15 Settembre 2017 | Autore:
App Ratatua contro il sovraindebitamento: come funziona?

Un’applicazione gratuita su pc o cellulare per sapere se si riesce a sostenere un debito a partire dalla propria situazione finanziaria. A che e a chi serve.

La tecnologia dà una mano anche per fare un investimento senza rischiare di restare «al verde». Grazie ad un’app, infatti, è possibile valutare se la spesa che si vuole fare è sostenibile, se ci si può permettere di chiedere un prestito alla banca, oppure, semplicemente, gestire il bilancio personale e familiare.

L’app si chiama Ratatua ed è stata lanciata all’inizio del 2017 dal Movimento Difesa del Cittadino insieme alla società per la prevenzione del rischio creditizio e delle frodi Experian. Si tratta di uno strumento scaricabile sul pc o sullo smartphone per sapere se, a partire dalla propria situazione finanziaria di oggi e di domani, chiedere, ad esempio, un mutuo sarà fattibile oppure significherà fare il passo più lungo della gamba. In altre parole, è – almeno nelle intenzioni di chi l’ha progettata – un’app contro il sovraindebitamento.

Come funziona l’app Ratatua

Ratatua, l’app contro il sovraindebitamento, è gratuita e disponibile su Apple Store e su Google Play. Una volta scaricata, è necessario inserire i dati che verranno via via chiesti dall’applicazione, cioè:

  • il reddito personale o familiare;
  • le eventuali rate del prestito o del mutuo;
  • le spese che si sostengono per l’abitazione (utenze, imposte, ecc.);
  • entrate fisse o saltuarie (anche di eventuali soldi investiti);
  • uscite medie mensili;
  • spese per l’istruzione dei figli.

A questo punto, l’app Ratatua crea un profilo finanziario personalizzato per poter simulare un qualsiasi finanziamento e capire se si è in grado di sostenerlo senza rischiare il sovraindebitamento, cioè valutando la sua fattibilità e ricevendo qualche consiglio su come gestire la spesa.

I dati inseriti nell’app restano nella memoria del dispositivo utilizzato: questo significa che non verranno condivisi altrove e che nessuno, al di fuori del diretto interessato, potrà utilizzarli. In altre parole, l’app Ratatua garantisce l’anonimato.

A chi serve l’app Ratatua contro il sovraindebitamento

Ammesso che un’app contro il sovraindebitamento può servire a chiunque, appare ovvio che Ratatua è utile soprattutto a chi cammina spesso sulla sottile linea che separa l’arrivare a fine mese e il debito cronico. Chi non ha difficoltà economiche e, anzi, si può permettere un tenore di vita molto elevato, non si pone il problema di chiedere un finanziamento e non riuscire a restituirlo. Chi, invece, trema all’idea di avere una spesa imprevista ha più bisogno di calcolare le reali possibilità di affrontare un debito.

A chi può essere maggiormente utile, quindi, l’app Ratatua? Ad esempio ai giovani che vogliono acquistare una casa e che, in condizioni di eterno precariato o con uno stipendio spesso non degno di questo nome, non sanno se saranno in grado di rispettare le rate di un mutuo.

Ma anche a chi vuole acquistare un’auto e deve chiedere un prestito. O a chi, di fronte alla spesa straordinaria del matrimonio di un figlio o della ristrutturazione della casa, deve bussare alle porte della banca per farsi dare una mano.

L’app può essere utile pure al piccolo imprenditore che vuole allargare l’azienda acquistando nuovi macchinari o assumendo altro personale.

In sostanza, come sostiene il presidente del Movimento Difesa del Cittadino, Francesco Luongo, l’app Ratatua contro il sovraindebitamento si pone come supporto al cittadino e come antidoto alla ridotta educazione finanziaria che si registra in Italia, dove «le situazioni di difficoltà sono dovute alla scarsa conoscenza dele nozioni fondamentali su banca, finanza, investimenti e risparmio, alla base di comportamenti sbagliati e scelte rischiose». Non è un caso, infatti, se un quarto delle famiglie italiane (il 24%) non riesce a far fronte ai debiti acquisiti.


note

Autore immagine: Movimento Difesa del Cittadino


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube