Diritto e Fisco | Articoli

Libri scolastici: come ottenere sconti e risparmiare

21 Agosto 2017 | Autore:
Libri scolastici: come ottenere sconti e risparmiare

Il ritorno a scuola pone il problema dei libri di testo: ecco come risparmiare acquistandoli nuovi o usati su Internet o, addirittura, al supermercato.

Ci risiamo: finite le ferie è tempo per i ragazzi di tornare a scuola e per i genitori di mettere mano al portafoglio per acquistare tutto l’occorrente: libri, cancelleria, lo zaino nuovo.

La voce più importante sarà, come sempre, quella dei libri scolastici: se il figlio frequenta la scuola superiore, la spesa può variare da 300 a oltre i 450 euro. Ai quali vanno aggiunti altri 40/50 euro di materiale. A testa. Figuriamoci se i figli sono più di uno: ci si lascia uno stipendio.

Ma, visto che è la parte che incide di più sul budget, per quanto riguarda i libri scolastici, come ottenere sconti e risparmiare? Vediamo qualche piccolo «trucchetto» per evitare che il ritorno a scuola dei ragazzi diventi un incubo per i genitori.

Libri: come ottenere sconti e risparmiare su Internet

Pensando ai libri scolastici e a come ottenere sconti e risparmiare, una buona opzione è quella di accendere il computer e dare un’occhiata su Internet per cercare qualche buona occasione.

La più gettonata è quella dei libri usati: molti ragazzi trovano dei libri scolastici scontati ed in buone condizioni. La Rete dà la possibilità di ottenere sconti e risparmiare in due modi: acquistando dei libri scolastici usati ad un prezzo più basso rispetto a quelli nuovi e vendendo quelli che non servono più: quello che si guadagna si può investire in testi a costi non elevati. Oltretutto, la compravendita di un libro usato – purché non si tratti di un e-book – è perfettamente legale, come potete verificare in questo articolo.

Tra i siti più operativi su questo fronte c’è quello del Libraccio (che possiede anche dei negozi «fisici» in molte città). Qui è possibile trovare i libri della propria scuola e della propria classe.

Sull’usato, si può individuare qualche occasione anche su Comprovendolibri. Si tratta di un servizio di scambio e compravendita di libri scolastici usati completamente gratuito. Il portale mette in contatto i diretti interessati, cioè chi compra e chi vende. Non ci saranno intermediari, quindi compratore e acquirente potranno trattare direttamente e fissare il prezzo dei libri, per ottenere sconti e risparmiare. Basta inserire il titolo del libro che si desidera comprare. Se il volume è nel catalogo, accanto al titolo appariranno le città in cui è in vendita. Selezionando quella più vicina, bisognerà soltanto compilare un modulo con i propri dati per permettere al venditore di contattare il compratore.

E’ possibile ottenere sconti e risparmiare sui libri scolastici usati anche sul portale Libroscambio. Pure in questo caso le parti trattano senza mediatore ed entrano in contatto via e-mail. Si metteranno d’accordo sul prezzo e sul luogo in cui consegnare il testo.

Libridea.it, infine, offre gratuitamente la possibilità di ottenere degli sconti e risparmiare sui libri scolastici con una semplice registrazione al sito. Si propone come un servizio di annunci e premette che non interverrà nella trattativa, quindi non sarà necessario pagare alcunché per cercare e trovare sul sito i libri di testo.

Su Internet, però, si possono trovare anche dei libri nuovi a prezzi più convenienti rispetto ad altri canali di distribuzione. Il re delle vendite online, cioè Amazon, permette di ottenere degli sconti e risparmiare fino al 15% sui libri scolastici dal 9 settembre al 15 ottobre. Entrati in Amazon, il compratore viene reindirizzato sul sito adozionilibriscolastici.it. Una volta trovati e selezionati i libri adottati dalla scuola e dalla classe che interessano, il sistema riporta l’acquirente sul sito di Amazon per aggiungere i testi al carrello e completare l’operazione.

Affiliato ad Amazon, è operativo il negozio della catena Giunti al Punto. Propone online tutti i libri scolastici adottati per quest’anno con uno sconto del 15%. Se la spesa supera i 29 euro, la consegna a domicilio è gratuita.

Infine, il colosso editoriale Mondadori mette a disposizione su Internet una promozione con uno sconto del 10% sui libri scolastici (trovabili inserendo i dati della scuola che si deve frequentare). Acquistando i libri di testo, Mondadori offrirà un buono sconto di un altro 10% per l’acquisto di cancelleria (matite, quaderni, cola, scotch, ecc.). E’ possibile ritirare i libri presso i punti vendita Mondadori ma, se l’ordine supera i 24 euro, si possono ricevere a casa gratuitamente.

Comprare libri scolastici al supermercato

Sui libri scolastici, come ottenere sconti e risparmiare al supermercato? Insieme alle offerte del pesce, della pasta e della salsa, si possono trovare quelle per i libri di testo? In alcuni casi, sì.

Esselunga, per esempio, propone uno sconto del 15% sui libri da ordinare online sul sito del supermercato e da ritirare al Punto Fidaty o al reparto multimediale del punto vendita desiderato. Il pagamento avverrà alla consegna.

Pam consente ai titolari della carta fedeltà di ottenere sui libri scolastici uno sconto del 25% in buoni spesa. Dove non si risparmia da una parte si risparmia dall’altra, insomma. Si possono prenotare i libri fino al 30 settembre, mentre i buoni spesa sono utilizzabili fino a fine anno.

La stessa promozione è stata lanciata da altri supermercati: Conad propone il 25% di sconto in buoni spesa per i libri scolastici acquistati fino al 15 ottobre, mentre Carrefour offre lo stesso sconto per i testi acquistati online ed il 20% di sconto (sempre in buoni utilizzabili fino al 27 novembre con una spesa minima di 40 euro e con la carta Spesamica Payback) per quelli ordinati direttamente al supermercato. Auchan, infine, dà la possibilità di prenotare i libri scolastici fino al 31 ottobre garantendo uno sconto del 20% in buoni spesa.


note

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube