Diritto e Fisco | Articoli

Tarsu: quando scatta la prescrizione

2 settembre 2017


Tarsu: quando scatta la prescrizione

> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 settembre 2017



Ho ricevuto nel dicembre 2016 un avviso di accertamento per omessa denuncia da parte del mio Comune relativo alla TARSU del 2010. Quando è intervenuta la prescrizione su questo tributo? Non ho ricevuto comunicazioni interruttive a riguardo.

La richiesta di pagamento della Tassa rifiuti, da quanto si legge nel documento allegato dal lettore, si riferisce all’anno 2010, pertanto, in mancanza di altri atti interruttivi, è abbondantemente decorso il termine prescrizionale di cinque anni entro il quale l’asserito creditore avrebbe dovuto esercitare il suo diritto di riscossione/accertamento della tassa in oggetto.

Al caso di specie è applicabile la norma di cui all’art. 2948 comma 1 n. 4 del codice civile, che dice: “si prescrivono in cinque anni: … 4) gli interessi e, in generale, tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi”.

La Suprema Corte di Cassazione ha dichiarato, da ultimo, che la Tassa rifiuti rientra tra le prestazioni che debbano pagarsi periodicamente: “i tributi locali di cui è causa (tasse per lo smaltimento rifiuti, per l’occupazione di suolo pubblico, per concessione di passo carrabile, contributi di bonifica) sono elementi strutturali di un rapporto sinallagmatico caratterizzato da una “causa debendi” di tipo continuativo suscettibile di adempimento solo con decorso del tempo in relazione alla quale l’utente è tenuto ad una erogazione periodica, dipendente dal prolungarsi sul piano temporale della prestazione erogata dall’ente impositore o del beneficio dallo stesso concesso; pertanto al relativo credito si applica la prescrizione breve quinquennale di cui all’art. 2948, n. 4 c.c.” (Cassazione civile, sez. trib., 23/02/2010, n. 4283).

La decorrenza del termine prescrizionale quinquennale è stata individuata nel 1° gennaio dell’anno successivo a quello relativo all’imposta da pagare. Ciò significa che per la tassa in esame, relativa all’anno 2010, il termine prescrizionale è iniziato a decorrere dal 1° gennaio 2011 e si è consumato il 1° gennaio 2016.

Conseguentemente, per interrompere la prescrizione, il Comune avrebbe dovuto notificare al lettore l’accertamento entro e non oltre il 31 dicembre 2015. In mancanza, nulla potrà essere preteso dall’Ente nei suoi confronti.

Pertanto, se il lettore è abbastanza sicuro di non aver mai ricevuto alcuna notifica relativa a questo tributo e, soprattutto, che questa notifica non sia intervenuta nei confronti del de cuius, all’epoca in cui era ancora in vita, allora il mio consiglio è quello di fare ricorso in commissione tributaria al fine di far valere i suoi diritti.

Si ricordi che il termine per impugnare questo atto è di 60 giorni dalla notifica dell’accertamento.

Articolo tratto dalla consulenza dell’avv. Salvatore Cirilla

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

9 Commenti

  1. Ho ricevuto in data 18 novembre 2017 una notifica relativa al 2011 …. la devo pagare? Grazie anticipatamente per la risposta

    1. LA PRESCRIZIONE PER I TRIBUTI COMUNALI DELL’ANNO 2011 SCADE IL 31/12/2016 SALVO I CASI PREVISTI DI INFEDELE/OMESSA DICHIARAZIONE, LA CUI SCADENZA DELLA PRESCRIZIONE E’ MAGGIORATA DI ANNI 2 31/12/2018

  2. Chiedo scusa nel precedente messaggio ho sbagliato la mail richiedevo se devo pagare la tassa sui rifiuti relativa all’anno 2011notificatamoa novembre 2017

  3. Buongiorno,
    Ho ricevuto dall’AdE intimazione di pagamento tassa smaltimento rifiuto anno di riferimento 2010 – numero di ruolo 2011. Richiedono un debito residuo di €. 73,00//.
    Vorrei sapere se tal somma si è precritta, quindi non dovuta.
    grazie.

  4. Buonasera, ho ricevuto in data 3 gennaio 2018 la raccomandata con richiesta di pagamento della tarsu 2012. Ho inviato l’autocertificazione poichè caduta in prescrizione ma ho avuto in risposta che è stata rifiutata perchè fa fede la data di spedizione e no la data in cui ricevo la raccomandata stessa. volevo chiederle devo far riferimento alla data in cui è stata spedita loro la lettera ()18/12/2017) o la data in cui la ricevo fisicamente 83/01/2018). Grazie.

    1. La data di notifica per gli atti comunicati a mezzo del servizio postale è quella di consegna da parte dell’Ufficio al servizio Postale, data che dovrebbe comparire sulla busta.
      Il servizio postale garantisce inoltre un servizio via internet ove è possibile verificare la data di acquisizione del plico da notificare attraverso il codice identificativo apposto sul documento.

  5. Salve
    ho ricevuto una cartella per la tassa dei rifiuti per l’anno 2012, ho ricevuto la cartella nel mese di marzo 2018, come mi devo comportare.
    grazie

  6. PRIMA DI VALUTARE OGNI AZIONE BISOGNEREBBE VERIFICARE SE LA CARTELLA E’ STATA EMESSA A SEGUITO DI UN RUOLO (COME CREDO SIA STATO) LA DATA DI DEPOSITO DEL RUOLO E’ LA DATA DI RIFERIMENTO SE VUOLE VERIFICARE L’EVENTUALE PRESCRIZIONE. DA VERIFICARE POI IL TEMPO INTERCORSO TRA LA CONSEGNA DEL RUOLO E LA DATA DI NOTIFICA NEL SUO LUOGO DI RESIDENZA.

  7. Buongiorno , ho ricevuto una segnalazione di mancato pagamento dei rifiuti solidi urbani per l’anno 2012 . Ho ritirato la raccomandata con A/R il giorno 07/09/ 2018 . Mi avvisa che , poiché l’ingiunzione di pagamento n° xxxxxxxxx notificata il 18/09/2013 risulta tuttora non pagata . Ora vorrei sapere da voi esperti se devo pagare oppure no . Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI