Diritto e Fisco | Articoli

Addio assegno di disoccupazione, arriva il Rei

22 agosto 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 agosto 2017



Dal 2018 il reddito d’inclusione sostituirà l’Asdi per i disoccupati over 55.

Soppressa la continuazione della Naspi per gli over 55, a partire dal 2018: al posto dell’assegno di disoccupazione, gli aventi diritto potranno percepire il Rei, cioè il reddito d’inclusione. È quanto prevede il decreto legislativo sul reddito di inclusione, attualmente in fase di studio. Secondo il testo del decreto, il Rei non potrà essere concesso a tutti i disoccupati con almeno 55 anni di età, ma soltanto a coloro che risultano senza lavoro, da almeno 3 mesi,  a seguito di licenziamento, risoluzione consensuale a seguito di conciliazione o dimissioni per giusta causa: sono tagliati fuori dal beneficio, dunque, i lavoratori che hanno perso l’occupazione a seguito della scadenza del contratto a termine, per dimissioni o per risoluzione consensuale del rapporto.

Ma procediamo per ordine e cerchiamo di capire come funzionano l’Asdi e il Rei, per fare il punto della situazione.

Come funziona l’Asdi

L’Asdi è un’indennità di disoccupazione che spetta per un massimo di 6 mesi a chi ha “esaurito” la Naspi (cioè l’ordinaria indennità di disoccupazione), in presenza di determinati requisiti. L’interessato, in particolare, oltre ad aver terminato la fruizione della Naspi:

  • deve possedere lo stato di disoccupazione e aver sottoscritto col centro per l’impiego il patto di servizio;
  • non deve aver richiesto la Naspi anticipata in un’unica soluzione;
  • deve far parte di un nucleo familiare con almeno un minorenne (anche non figlio del richiedente), oppure deve avere almeno 55 anni di età;
  • non deve possedere i requisiti per l’assegno sociale, la pensione anticipata o di vecchiaia;
  • deve avere un Isee non superiore a 5.000 euro;
  • non deve aver percepito Aspi o Mini Aspi (le vecchie indennità di disoccupazione) sino al 31 dicembre 2015;
  • non deve aver percepito 20 mesi di Asdi nel quinquennio precedente;
  • non deve aver percepito 6 mesi di Asdi nell’anno precedente.

L’assegno ammonta al 75% della Naspi.

Il disoccupato mantiene l’Asdi se:

  • viene rioccupato a tempo indeterminato con soglia di reddito annuo inferiore a 8000 euro;
  • viene rioccupato a tempo determinato, con contratto superiore a 6 mesi, con soglia di reddito annuo inferiore a 8000 euro;
  • svolge attività di lavoro autonomo con soglia di reddito annuo inferiore a 4800 euro.

In questi casi, però, l’Asdi è ridotto in misura pari all’80% del reddito risultante dalla nuova attività lavorativa.

Come funziona il Rei

Il Rei, sigla che sta per reddito d’inclusione, è un beneficio economico che sarà presto disponibile per le famiglie in situazione di povertà che abbiano l’Isee, cioè l’indicatore della situazione economica della famiglia (si tratta di un indice che “misura la ricchezza” della famiglia), non superiore a 6mila euro e un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20mila euro.  Potrà essere erogato per un massimo di 18 mesi continuativi, previa adesione del nucleo familiare a un progetto d’inclusione sociale. Il beneficio sarà rivolto, almeno nella prima fase, alle famiglie con figli minori o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati con almeno 55 anni di età.

Requisiti degli over 55 per ottenere il Rei

Come osservato, ad oggi i disoccupati con almeno 55 anni di età hanno diritto all’Asdi, una volta terminata l’indennità di disoccupazione ordinaria. Dal 2018 l’Asdi sarà soppressa e gli over 55 avranno diritto al Rei, ma solo se soddisferanno i seguenti requisiti:

  • possesso dello stato di disoccupazione per:
    • licenziamento, anche collettivo;
    • dimissioni per giusta causa;
    • risoluzione consensuale intervenuta nell’ambito della procedura di conciliazione;
  • cessazione, da almeno 3 mesi, della fruizione dell’indennità di disoccupazione;
  • possesso dello stato di disoccupazione da almeno tre mesi, nel caso in cui non abbia diritto di conseguire alcuna prestazione di disoccupazione per mancanza dei necessari requisiti.

L’accesso al Rei è dunque precluso a chi si trova in stato di disoccupazione per scadenza del termine del contratto, a differenza di quanto attualmente previsto per l’accesso all’Asdi: un requisito che potrebbe restringere notevolmente la platea dei beneficiari del sussidio, tagliando fuori tutti i lavoratori stagionali e a tempo determinato. Proprio per questo, la Commissione Lavoro della Camera dei Deputati ha chiesto al Governo di estendere il Rei a tutti i disoccupati, a prescindere dalla causa della cessazione del rapporto di lavoro.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

5 Commenti

  1. Dopo un lavoro a tempo determinato,sono stata in stato di disoccupazione 148 giorni sino a mese di aprile.Voglio saperne se ho diritto al REI? questo anno ho compiuto 57 anni.Aspetto la risposta,e come poso procedere?Grazie.

  2. Sono disoccupato dal 2009 (anno di crisi), ho usufruito della disoccupazione ordinaria per 1 anno, attualmente ho 57 anni. Domanda: ho i requisiti per la REI? Saluti.

  3. sono indisoccupazione da marzo 2016.sto usufruendo la naspi.fino a maggio 2018.ho 58 anni cosa mi aspetto x il dopo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI