Business | Articoli

Fondo prima casa, 14mila richieste: cos’è, come funziona

13 Febbraio 2017 | Autore:
Fondo prima casa, 14mila richieste: cos’è, come funziona

Il fondo prima casa sta riscuotendo un buon successo. Ecco cos’è e come funziona la garanzia per l’acquisto prima casa.

Si chiama «Fondo di garanzia prima casa» ed è una misura destinata a chi sta acquistando attraverso un mutuo la sua abitazione principale.

Supportato da 167 banche e con una dotazione di 650milioni di euro il fondo è stato oggetto dallo scorso gennaio 2015 al dicembre 2016 già 14mila richieste. Ecco come funziona.

Come funziona il Fondo garanzia prima casa?

Il fondo garanzia prima casa è un fondo che permette a chi acquista la propria abitazione principale attraverso la sottoscrizione di un mutuo, di avere dei fondi senza necessità di presentare ulteriori garanzie reali (oltre naturalmente quella ipotecaria sulla casa acquistata).

La quota di garanzia interviene a copertura del 50% della quota capitale dei mutui ipotecari (fino a 250mila euro).

Il fondo funziona non solo per l’acquisto ma anche quando il mutuo viene erogato per interventi di ristrutturazione e per l’efficientamento energetico. L’unico vincolo è che l’immobile di riferimento sia adibito ad abitazione principale e che non sia di lusso.

Chi può richiedere il fondo di garanzia prima casa?

Il fondo di garanzia prima casa può essere richiesto da chiunque, non sono difatti presenti limiti di reddito e di età. È tuttavia necessario che i richiedenti alla data di presentazione della domanda non risultino proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli ricevuti per successione o che siano in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.

Quali banche aderiscono al fondo?

Per sapere quali sono le banche che aderiscono al fondo di garanzia, (il 70% di quelle presenti sul territorio italiano) sono elencate in una lista consultabile sul sito Consap, la concessionaria dei servizi assicurativi pubblici, che del fondo è gestore.

Nel sito Consap è possibile anche scaricare il modulo di domanda.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube