Diritto e Fisco | Articoli

Come pagare la bolletta online

24 agosto 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 agosto 2017



Pagare le bollette da casa: facile, veloce ed economico.

La tecnologia può essere un valido ausilio anche per le spese di tutti i giorni: quasi tutte le utenze domestiche, infatti, possono oggi essere pagate senza recarsi all’ufficio postale o alla banca ma collegandosi semplicemente ad internet. Tutto comodamente da casa. I vantaggi sono evidenti: non solo si risparmia tempo (evitando le lunghe code allo sportello) ma anche denaro, visto che di norma i pagamenti online non prevedono addebiti a titolo di commissione. Per poter pagare le proprie forniture attraverso internet è possibile seguire tre vie. Vediamo quindi come pagare la bolletta online.

Tipologie di pagamento

Il pagamento online della bolletta può avvenire attraverso tre principali canali: collegandosi direttamente alla piattaforma web del fornitore dell’utenza; accedendo al sito internet delle Poste Italiane o della banca di fiducia. Nel primo caso, il saldo è effettuato direttamente per mezzo della pagina dedicata dall’impresa fornitrice al pagamento della somministrazione effettuata; negli altri due, è necessario che le Poste o la banca siano convenzionate con l’utenza che si intende pagare. Nello specifico, l’home banking (cioè la pagina virtuale che l’istituto mette a disposizione dei propri clienti) è oramai accessibile dai correntisti di tutti gli istituti di credito e consente di gestire le classiche operazioni bancarie (come, ad esempio, effettuare un bonifico) direttamente dal proprio computer di casa. Lo stesso dicasi delle Poste Italiane. Per quanto riguarda, invece, il pagamento mediante la web page del fornitore, l’utente non troverà particolari difficoltà: per effettuare il saldo, occorrerà registrarsi fornendo i propri dati personali e quelli dell’utenza che si intende pagare. La differenza principale tra l’utilizzo dell’home banking e quello della pagina del fornitore sta nella modalità di pagamento: nel primo caso, il prelievo avverrà direttamente sul proprio conto; nel secondo, sarà necessario comunicare il numero della carta di credito dalla quale prelevare l’importo, oltre al nome dell’intestatario della carta, la scadenza di quest’ultima e il codice di sicurezza riportato sul retro della carta stessa. Si ricordi che l’intestatario della carta di credito (o carta prepagata) non deve necessariamente corrispondere al titolare dell’utenza presa in considerazione.

Addebito Rid/Sepa

Un’altra tipologia di pagamento, per certi versi alternativa a quella online, è l’addebito Rid (Rapporto interbancario diretto, dal 2014 Sepa, esteso a tutte le transazioni effettuate in ambito europeo), ossia la domiciliazione bancaria (o postale). La procedura consiste nel prestare il proprio consenso al fornitore dell’utenza affinché prelevi direttamente l’importo della bolletta dal conto del cliente. Anche in questo caso, i vantaggi sono quelli della celerità e del risparmio sulla commissione, ai quali se ne aggiunge un altro: quello della restituzione del deposito cauzionale. Normalmente, le società fornitrici, al momento della stipula del contratto (e, quindi, al momento dell’allaccio dell’utenza), incamerano una piccola somma a titolo di garanzia per eventuali futuri inadempimenti. Ebbene, la domiciliazione dà diritto alla restituzione della cauzione inizialmente versata, costituendo sufficiente garanzia la disponibilità di prelevare direttamente dal conto. Nonostante i vantaggi, non tutti si fidano di “aprire il portafogli”, consentendo al fornitore di prelevare autonomamente dal conto resogli disponibile.

Pagare da casa e non solo!

L’invasione dei moderni cellulari (leggi: smartphone) dotati di connessione internet consente di effettuare il pagamento dei servizi anche attraverso il proprio dispositivo mobile. Sarà sufficiente scaricare il programma (app) dedicato alla transazione messo a disposizione dal proprio gruppo bancario o direttamente dall’utenza domestica. Questa modalità ha il pregio di essere facile e intuitiva; il rovescio della medaglia sta nel fatto che essa consente di effettuare solo le operazioni più semplici, poiché le app sono di solito meno complete delle piattaforme di home banking vere e proprie.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI