HOME Articoli

Lo sai che? È estorsione pagare poco i dipendenti sotto minaccia di licenziamento

Lo sai che? Pubblicato il 31 ottobre 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 31 ottobre 2012

Può essere condannato per estorsione il datore di lavoro che costringe i propri dipendenti ad accettare un salario ridotto dietro minaccia di licenziamento.

Sottopagare i lavoratori può portare anche a una condanna per estorsione: lo ha detto ieri la Cassazione [1], sanzionando penalmente un datore di lavoro che costringeva i propri dipendenti ad accettare una paga più bassa di quella indicata nella busta, sotto minaccia che, in caso contrario, li avrebbe licenziati.

Prospettare ai dipendenti l’alternativa tra accettare un salario non adeguato o il doversi dimettere (o l’essere licenziati) configura dunque estorsione e, come tale, è un comportamento che viene punito con la reclusione da cinque a dieci anni e la multa da 516 a 2.065 euro.

 

note

[1] Cass. sent. n. 42352 del 30.10.2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI