Breaking News Case, assicurazione obbligatoria contro i terremoti

Breaking News Pubblicato il 25 agosto 2017

Articolo di




> Breaking News Pubblicato il 25 agosto 2017

Le case non a norma con la normativa antisismica non potranno essere vendute e l’atto di cessione sarà nullo.

Come per le automobili, anche per le case scatterà l’assicurazione obbligatoria: la polizza dovrà coprire il rischio terremoto, ma quantomeno i costi saranno detraibili dalle tasse. Inoltre, nel caso di vendita di immobile non in regola con la normativa antisismica il proprietario subirà delle sanzioni economiche mentre, nelle zone a più alto rischio sismico, il contratto sarà nullo. Sono questi alcuni dei provvedimenti che intende prendere il Governo per far fronte all’ennesima emergenza terremoto. Le misure si aggiungeranno ai benefici fiscali già esistenti e al cosiddetto «sisma bonus».

Nulle le vendite di immobili non a norma

Per assicurare la sicurezza e l’incolumità pubblica, lo Stato mira ad applicare sanzioni molto gravi a chi venderà un immobile non in regola con la normativa antisismica. Nelle zone a alto rischio “terremoti”, le sanzioni consisteranno addirittura nella nullità degli atti di vendita. In altri termini il proprietario dell’immobile non potrà cederlo. La proposta sul tavolo del Governo prevede che siano nulli gli atti pubblici e le scritture private autenticate tra vivi, che abbiano a oggetto il trasferimento dei diritti reali relativi agli edifici, o loro parti, già esistenti e ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2). Ciò vale quindi sia per le donazioni che per le vendite. Sarà il venditore a dover presentare, prima del rogito, una dichiarazione circa il rispetto della normativa antisismica vigente alla data del trasferimento. Dichiarazione che potrà essere sostituita da un’attestazione di conformità alla normativa in relazione all’idoneità statica delle strutture, definita in base alla sismicità della zona. A rilasciare questa attestazione dovrà essere, però, un tecnico abilitato a effettuare verifiche statiche. Spetterà al notaio, prima del rogito, controllare il rispetto di tali obblighi. Per dare il tempo di adeguare gli immobili a tale mutato scenario e all’obbligo in questione, la norma entrerà in vigore non prima di cinque anni per gli immobili a destinazione abitativa, ricettiva alberghiera e per quelli di pertinenza di soggetti pubblici; in tutti gli altri casi tra sette anni.

Assicurazione obbligatoria

Tanto gli immobili a uso abitativo che commerciale dovranno essere necessariamente assicurati per la tutela dal rischio sismico. A fronte di ciò, il titolare potrà ottenere una detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 65% dei premi versati per le assicurazioni.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

10 Commenti

  1. Buon giorno,

    quali sono le regioni dove vige l’obbligatorietà per l’assicurazione anti sismica? Se esiste un elenco con le normative, dove reperirlo?
    Grazie

    1. Esatto! Sto pensando a come faremo noi che la nostra casa è stata costruita nel 1971 con le norme vigenti di quegl’anni. Ora, noi in emilia abbiamo subito il terremoto nel 2012, e non si è mai fermato… molte case sono state gravemente danneggiate e messe in sicurezza, molte altre sono state demolite (i miei hanno perso la loro casa + 4 appartamenti annessi, tutti affittati. Ma chi ha subito questi danni mica lo sapeva che lo stato dopo ci avrebbe costruito una normativa ad hoc per fotterci tutti!! Non solo i miei non hanno ricevuto alcun contributo per la ricostruzione ma stanno pagando le tasse della proprietà dal 2013!!!! L’italia mi fa sempre più schifo!

  2. Finalmente!! Non esiste ad oggi obbligatorietà in Italia. È tutto in divenire ma si stanon facendo passi per stare al passo con gli altri stati in Europa e nel mondo. É inconcepibile quello che è successo ad Ischia, terremoti di magnitudo 4 sono all’ordine del giorno in Giappone eppure non fanno alcun danno. Se all’assicurazione casa si rende obbligatorio anche il “fascicolo di stabilità degli edifici” si diminuiranno evento del genere e soprattutto un notevole risparmio per le casse dello Stato e quindi per noi contribuenti!

  3. Le assicurazioni, attualmente, per coprire il rischio “terremoto” pretendono che l’immobile sia dichiarato “antisismico”. Quindi? Rifacciamo tutta l’Italia per poterla assicurare? Ma per favore!!!!!

    1. Infatti … l’italia intera ha case centenarie!!! e allora le chiese, le basiliche …? cosa faranno le rimetteranno tutte a nuovo? Ma dov’è la coerenza??? Italiota dei miei stivali!

  4. Le studiano tutte per rubare i soldi, prima provocano terremoti artificiali e poi si inventano modi per farci pagare, ma con me gli va male, io non caccio un euro!

  5. Scusate, ma visto che secondo la legge non saranno indenizzati “i fabbricati non conformi alle norme antisismiche vigenti alla data di costruzione”… la nostra casa, sita in un palazzo del 1880, come la assicuriamo? In base a quali norme di sicurezza? (sempre che nel 1880 ce ne fossero state). E come puo’ essere stabilito il premio con queste logiche?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI