Diritto e Fisco | Articoli

Parcheggi a pagamento: che fare se ce ne sono troppi?

27 Agosto 2017


Parcheggi a pagamento: che fare se ce ne sono troppi?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 Agosto 2017



Troppi parcheggi con le strisce blu: il Comune deve altalenare gli spazi liberi con quelli a pagamento salvo nei centri storici.

Stai cercando un parcheggio: il tempo necessario per entrare in un negozio e acquistare un oggetto. In tutto ci vorranno non più di 5 minuti. Un vero peccato pagare il parchimetro che, invece, richiede un minimo di 50 centesimi per una sosta di almeno 20 minuti. Ma nella zona sono presenti solo strisce blu: nessuno spazio gratuito delimitato dalle strisce bianche. Che fare? Rassegnarsi e pagare oppure rischiare la multa? È legittima la scelta sposata dal Comune di massimizzare i profitti facendo cassa con tutti gli stalli adibiti a parcheggio a pagamento? La materia è disciplinata dal codice della strada, spesso e volentieri interpretato dai giudici che hanno più volte bacchettato i sindaci troppo bramosi di soldi. Ma procediamo con ordine e vediamo che fare se ci sono troppi parcheggi a pagamento.

Il codice della strada [1] attribuisce ai Comuni il potere di stabilire, previa delibera della Giunta, aree destinate al parcheggio sulle quali la sosta dei veicoli è subordinata al pagamento di una somma da riscuotere mediante dispositivi di controllo di durata della sosta, anche senza custodia del veicolo. Questi spazi, però – ribadiscono i giudici – non possono ricoprire l’intero territorio comunale, ma devono essere intervallati a spazi di parcheggio gratuito. In termini più semplici, il Comune deve sempre attrezzare le vie della città con zone di parcheggio gratuito, alternandole a quelle a pagamento. In un solo caso è possibile disporre solo strisce blu, senza strisce bianche nelle adiacenze: nelle zone urbane del centro storico o le altre situazioni giustificate da particolari esigenze di traffico ove è possibile la prevalenza delle sole strisce blu, ma sempre a condizione che tali aree siano individuate con apposita delibera comunale. Tale delibera comunale deve essere adeguatamente motivata. Dunque, non è sufficiente una generica delibera comunale per raddoppiare i parcheggi a pagamento di una piccola città. Occorrono analisi precise dei flussi di traffico e dell’utilizzo delle strutture. È quanto chiarito da una recente sentenza del Tar Liguria (leggi: Strisce blu: il Comune non può aumentare i parcheggi a pagamento).

Secondo poi un’interessante sentenza del giudice di pace di Como [2], il sindaco non può mai definire tutto il territorio urbano come avente «rilevanza urbanistica» e, per ciò, disporre solo parcheggi a pagamento. Va bene l’emergenza traffico, ma non dappertutto. Pertanto è illegittima la delibera dell’ente locale che dichiara tutta la città «zona a particolare rilevanza urbanistica» senza distinguere fra centro e periferia e non riserva aree adeguate destinate a parcheggio libero nelle aree vicino alle strisce blu. Leggi sul punto Stop multe sulle strisce blu.

Sul punto è intervenuto di recente il Tar Liguria [3] con una interessante pronuncia.

Secondo i giudici è illegittima la delibera del Comune che aumenta troppo il numero delle aree di sosta urbana a pagamento senza una adeguata motivazione tecnica. Il sindaco aveva infatti deliberato un aumento dei parcheggi a pagamento senza però prima valutare la ricerca sui flussi di traffico. In tal caso, essendo la delibera comunale non adeguatamente motivata, si può parlare di sviamento rispetto alle previsioni della legge. In buona sostanza non è possibile aumentare le strisce blu senza una valida motivazione supportata da documentazione giustificativa.

note

[1] Art. 7, comma 8, Cod. str.

[2] G.d.P. Como, sent. n. 916/14.

[3] Tar Liguria, sent. n. 95/2017.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI