HOME Articoli

Lo sai che? Costituzione tardiva nel processo: è legittima?

Lo sai che? Pubblicato il 16 settembre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 16 settembre 2017

In un processo, il condominio non si costituisce ma lo fa un condomino con  un’ampia documentazione. Tale intervento è legittimo? Se il condominio si costituisce tardivamente può usare la documentazione dell’interveniente?

Innanzitutto corre l’obbligo di inquadrare giuridicamente l’oggetto dell’impugnazione proposta dal primo condomino, ossia colui che ha introdotto la prima domanda giudiziale. La giurisprudenza della Cassazione infatti distingue a seconda che oggetto di doglianza siano le tabelle millesimali in sé e per sé considerate oppure la delibera assembleare di modifica delle stesse [1]. Nel primo caso infatti la domanda giudiziale di un condomino volta all’accertamento della invalidità o della inefficacia della tabella millesimale deve essere necessariamente proposta nei confronti di tutti gli altri condomini, senza che possa ritenersi passivamente legittimato l’amministratore del condominio, la cui rappresentanza processuale passiva è sempre limitata alle azioni relative alle parti comuni dell’edificio e non anche estensibile alle questioni che, in quanto attinenti all’accertamento dei valori millesimali delle quote di proprietà singola, incidono su obblighi esclusivi dei singoli condomini.

Nel secondo caso invece, l’impugnazione della delibera non trae fondamento dall’errore iniziale o dalla sopravvenuta sproporzione dei valori del prospetto, ma dai vizi concernenti l’atto e la sua formazione. Pertanto, la pronuncia di invalidità della tabella esistente comporta la necessità di predisporne una nuova, dal momento che la tabella costituisce uno strumento imprescindibile per lo svolgimento delle assemblee e per la gestione del condominio, mentre la pronuncia di invalidità della delibera assembleare che disponga la modifica della preesistente tabella comporta invece che riprenda automaticamente vigore la vecchia tabella. Questo comporta che, nel caso in cui oggetto di specifica impugnazione proposta dal condomino sia non tanto la tabella millesimale ma la delibera di approvazione della nuova tabella, legittimato passivo nel relativo giudizio è l’amministratore del condominio.

Ciò premesso e preso atto che l’azione intentata dal primo condomino parrebbe autenticamente di impugnazione di una delibera condominiale avente ad oggetto la revisione delle tabelle millesimali, bisogna qualificare l’intervento in giudizio del secondo condomino. Quest’ultimo, infatti, continua ad avere un potere processuale concorrente con l’amministratore per la tutela dei beni comuni nei confronti di terzi o di altri condomini. Più in particolare, nel caso specifico, il condomino interveniente sembra introdurre una domanda di accertamento e restituzione di indebito oggettivo derivante dal mancato pagamento di oneri condominiali. Ammesso, quindi, che quest’ultima fosse la natura dell’intervento adesivo del secondo condomino, ne discenderebbe che l’amministratore potrebbe costituirsi tardivamente (sempre che ciò avvenga entro l’udienza di precisazione delle conclusioni) ma incorrerebbe nelle decadenze per le deduzioni ed eccezioni tanto processuali che di merito previste dalla legge. Ciò, tuttavia, non impedisce al convenuto costituitosi tardivamente di porre a base delle proprie difese di merito gli elementi probatori già acquisiti al processo e conseguentemente al giudice di fondare la decisione sugli stessi elementi. Rimane da valutarsi infine l’ipotesi per l’amministratore convenuto di iniziare un giudizio autonomo con richiesta di riunione dei suddetti procedimenti.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Enrico Braiato

note

[1] Cass. sent. n. 11757 dell11.07.2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI