Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono gli orari di silenzio nei condomini?

6 ottobre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 ottobre 2017



 Le legge non ci dice quando è possibile fare rumore e quando no. Ma allora come comportarsi? Regola n. 1: rispetto e buona educazione, al resto ci pensa il giudice.

Uno dei motivi principali delle liti tra condomini sono sicuramente i rumori molesti. Le cause nei tribunali per questioni del genere abbondano e si può arrivare addirittura a delle vere e proprie condanne penali per disturbo del riposo o delle occupazioni delle persone [1]. E se, in alcuni casi, si riesce a trovare un compromesso con i vicini, in altri, dopo essere arrivati all’esasperazione, ricorrere al giudice sembra davvero essere l’unica soluzione. Ma quali sono gli orari di silenzio nei condomini? E c’è un modo per farli rispettare?

Silenzio in codominio: quando?

Prima di tutto, occorre una precisazione: il reato di disturbo delle occupazioni o del riposo scatta quando il rumore sia fastidioso non per una o a specifiche persone ma per un numero rilevante e indeterminato di persone (anche se poi a lamentarsi è una soltanto). Nel primo caso, si ha solo illecito civile. Per intenderci, se d’estate il condominio resta vuoto perché tutti vanno in vacanza e il rumore è molesto per l’unico condomino rimasto in città, quest’ultimo non potrà mai invocare la tutela penale. Inoltre, se il condomino rumoroso è locatario, a rispondere del reato non è il proprietario, ma proprio l’inquilino.

Scarpe, mobili, motori accesi, animali: le fonti di rumore sono tante

Silenzio in condominio: cosa dice la legge?

In realtà la legge [2] non ci dice molto, limitandosi ad affermare che il proprietario di un immobile non può contestare al vicino i rumori da questi prodotti se non superano la normale tollerabilità. Come si vede, non fornisce nessuna indicazione su:

  • orari in cui si deve fare silenzio;
  • orari in cui fare le pulizie di casa;
  • orari e i giorni in cui far venire le ditte per i lavori agli appartamenti;
  • decibel oltre le quali il rumore si considera intollerabile;
  • soglia del volume di televisione e stereo, ecc.

È il giudice a decidere caso per caso, sulla base delle situazioni concrete.

Silenzio in condominio: che fare se ci sono animali?

Chiaramente dire a un cane di non abbaiare o impedire a un gatto di fare le fusa non è possibile. Si tratta di rumori che prescindono dalle intenzioni del condomino. Che fare in casi del genere? Se, ad esempio, una sirena antifurto si mette a suonare all’improvviso e non c’è nessuno che possa spegnerla, come fare a capire se ci sono gli estremi per fare causa o se, comunque, il rumore è davvero intollerabile? Occorre ricorrere a una perizia fonografica e, l’esito è positivo, come detto, la responsabilità penale è del proprietario o del detentore dell’animale, anche se non è il proprietario (pensiamo al condomino in affitto).

Silenzio in condominio: che fare se ci sono bambini?

Ma non è finita qui: a turbare il riposo può essere anche la macchina lasciata accesa in piena notte per lungo tempo o i bambini che, giocando, gridano e fanno cadere a terra sedie e altri oggetti. Anche il questi casi, il vicino rischia una denuncia ma solo se l’intensità dei rumori è tale da creare un disturbo effettivo. Serve sempre una perizia fonometrica, quindi.

La perizia fonometrica permette di capire se il rumore è tollerabile o meno

Silenzio in condominio: che fare se la vicina usa i tacchi?

Stesso discorso se la vicina che, magari si sveglia presto per andare al lavoro fuori città, si mette a camminare per casa con i tacchi a spillo o, comunque, con scarpe rigide che fanno rumore. Se il rumore in questione supera la soglia della normale tollerabilità (da accertarsi caso per caso: pensiamo ai tacchi che svegliano un neonato alla stessa ora ogni giorno), scatta il reato di disturbo della quiete. E il discorso è valido anche per altri tipi di rumori: si pensi a chi si mette a suonare il clacson di notte o se, dopo una partita di calcio, un gruppo di tifosi passa con la musica a tutto volume.

Silenzio in condominio: che fare se il vicino suona?

Le fonti di rumore possono essere le più varie: un condizionatore d’aria (soprattutto se mal funzionante), radio e televisore tenute ad alto volume e anche uno strumento musicale. Un pianoforte, per quanto il vicino possa essere bravo a suonarlo, in certe ore e in presenza di determinate condizioni (pensiamo a una persona ammalata o a un neonato), può solo essere fonte di disturbo. A tal proposito si può leggere anche Si può suonare il pianoforte a qualsiasi ora?

Silenzio in condominio: che fare se il vicino sposta i mobili?

E se il vicino sta facendo un trasloco e sposta i mobili? Oppure sta semplicemente facendo le pulizie? In casi del genere occorre valutare il al momento in cui avviene l’attività: per esempio, sicuramente non è tollerabile che si metta a fare il trasloco di notte, per quanto possa essere urgente.

note

[1] Art. 659 cod. civ.

[2] Art. 844 cod. civ.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Salve ,vivo al piano terra ,la vicina a canto a me che e un altro condominio e sempre chiusa con un bambino piccolo loro di giorno si dorme e la notte fa festa ,si sentono felicissimo io cosa devo fare o non fare ,due anni che Resisto .bisogno de un bell consiglio prima di scoppiare .grazie.Lina.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI