HOME Articoli

Lo sai che? Assicurazione di un’auto rottamata: cosa fare

Lo sai che? Pubblicato il 12 ottobre 2017

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 12 ottobre 2017

Come gestire la polizza Rca se si decide di demolire l’auto per comprarne un’altra o perché troppo vecchia e non se ne vuole una nuova. C’è diritto al rimborso?

Prima o poi tocca cambiare macchina: troppi anni, troppi chilometri, troppi viaggi dal meccanico perché l’auto comincia ad avere la tosse sempre più spesso. Tanto vale prenderne una nuova e demolire quella vecchia, dopo averla baciata appassionatamente sul cruscotto e ringraziata per i bei momenti che ci ha regalato.

La stessa scena d’addio (con tanto di fazzoletto bianco agitato in mano) si può ripresentare quando uno decide che avere una macchina non conviene più perché ha cambiato lavoro e l’ufficio è sotto casa, perché i figli ormai hanno la loro autonomia o perché il gioco non vale la candela (della macchina.

E’ più la spesa del beneficio

Già, però c’è il problema della polizza. Cosa fare e come gestire l’assicurazione di un’auto rottamata?

Assicurazione di auto rottamata: se si prende una macchina nuova

Questa è la prassi più abituale: si fa rottamare la vecchia auto e se ne compra una nuova. In questo caso, cosa fare con l’assicurazione? Basterà trasferire la polizza da una macchina all’altra. Sarà il modo più semplice per mantenere tutti i benefici accumulati (uno su tutti, la classe di merito). Ma anche per modificare i sistemi di pagamento della Rca, cioè della polizza sulla responsabilità civile, se si volesse, ad esempio, rateizzarli anziché affrontare una spesa più ingente ogni semestre oppure ogni anno.

Può succedere, però, che la sostituzione di un’auto con un’altra non avvenga immediatamente. Pensiamo, ad esempio, a chi è stato lasciato definitivamente in panne dalla macchina e decide che non conviene più ripararla. O a chi (come al sottoscritto) viene rubato il catalizzatore (il catalizzatore!!!) e non vuole spendere almeno 700 euro in uno nuovo – ben che vada, più mano d’opera – su una macchina con 250mila chilometri abbondanti.

Date a quest’uomo il tempo di decidere quale auto comprare e alla concessionaria il tempo di consegnargliela

E nel frattempo, mentre il rottamaio fa il suo mestiere e l’automobilista consulta i dépliant delle varie marche, che fare con l’assicurazione? Anche la polizza viene rottamata se non si acquista subito la macchina nuova?

No. In casi come questo è possibile chiedere alla compagnia di assicurazioni di «congelare» la polizza. Di metterla in freezer e tenerla lì fino nuovo ordine. Che, comunque, deve arrivare entro un anno.

A tal fine, però, è necessario consegnare alla compagnia l’attestato di rottamazione

Assicurazione di auto rottamata: se non si compra un’auto nuova

Come detto, si può decidere ad un certo punto che la macchina non ci serve più, soprattutto quando l’auto esala l’ultimo respiro (l’ultima sbuffata di Co2, per meglio dire) e di ripartire non ne vuole proprio sapere. A quel punto si fa il famoso «2+2», cioè si valuta se vale la pena spendere soldi per comprare e mantenere una vettura nuova o è il caso di far la polvere alla bicicletta e l’abbonamento ai mezzi pubblici (e anche di camminare un po’, che non guasta).

Che si fa con l’assicurazione quando l’auto è rottamata? La si interrompe. E come si fa?

Si comunica alla compagnia assicurativa l’intenzione di interrompere la polizza Rca. Lo si fa, naturalmente, con raccomandata a/r e di persona, allo sportello (a seconda del grado di fiducia che si ha con il proprio assicuratore). La compagnia provvede all’interruzione.

Mi spetta il rimborso dell’assicurazione dell’auto rottamata?

Nel caso abbia pagato il premio assicurativo ma, prima della scadenza, abbia rottamato l’auto, mi spetta il rimborso?

Certamente. Se, ad esempio, ho il pagamento semestrale da gennaio a giugno e da luglio a dicembre e devo rottamare l’auto ad agosto (bella fortuna, non c’è che dire), quindi appena pagato il premio, posso chiedere il rimborso alla compagnia assicurativa. La quale deve provvedere, dopo l’interruzione della polizza, a rimborsarmi la parte del premio pagato ma non usufruito (anche perché, dal momento dell’interruzione, il contratto non esisterà più).

Qual è il vantaggio? Che, in questo modo posso rottamare la macchina quando voglio ed avere indietro la parte di premio assicurativo non goduta.

note

Autore immagine: 123rf.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI