| Editoriale

Che fare se perdo lo smartphone?

30 agosto 2017


Che fare se perdo lo smartphone?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 agosto 2017



Chi smarrisce il cellulare deve fare immediatamente denuncia alla polizia o ai carabinieri: il rischio, infatti, è di subire ricatti o che dati e foto finiscano in mani sbagliate.

All’idea di smarrire il cellulare molti associano solo il problema – economico – di doverne acquistare uno nuovo e, al massimo, di perdere la rubrica. In verità, il rischio se si perde lo smartphone è di gran lunga superiore ed è quello che i propri dati finiscano in mani sbagliate. Con «dati» non bisogna pensare solo ai contatti telefonici o all’agenda degli appuntamenti, ma principalmente alle fotografie personali, agli appunti ove magari è indicato il codice pin del bancomat, alle credenziali di accesso al profilo Facebook, Instagram, Twitter; alla password delle email e di tutti gli store presenti sotto forma di app (Amazon, e-Bay, iTunes, GoogleStore, AppleStore, ecc.). Che ne sarebbe della tua privacy se un malintenzionato riuscisse a mettere le mani sul tuo telefonino e potesse passare in rassegna tutti gli scatti fotografici che hai registrato, magari anche le foto in cui sono presenti i tuoi figli? E se riuscisse a leggere tutte le tue conversazioni su Whatsapp, anche quelle più riservate, con segreti “vitali”? Vivresti ugualmente tranquillo se, nella mappa di Google, hai inserito l’indirizzo di casa tua? Sapresti difenderti se qualcuno riuscisse a entrare nel tuo profilo Facebook e insultare i tuoi contatti o, peggio, accedere ai dati della tua carta di credito e fare acquisti su internet (ad esempio tramite l’app di Amazon su cui sei “loggato” in automatico?). Nella migliore delle ipotesi, il criminale potrebbe chiederti un prezzo di riscatto per riottenere indietro tutto il tuo tesoro. Ecco perché è sempre necessario sapere in partenza che fare se si perde lo smartphone e quali precauzioni adottare.

Precauzioni in caso di smarrimento del cellulare

Prima di spiegare quali rimedi e difese adottare in caso di smarrimento del cellulare, è bene soffermarci su quello che puoi fare sin d’ora per prevenire il problema ed evitare che, in una tale evenienza, il tuo cellulare finisca in mani sbagliate.

Codice di blocco

Il primo e più importante suggerimento da adottare è di non disattivare mai il codice di blocco del telefonino. Con questa protezione, infatti, nessuno, venendo in possesso del tuo smartphone, potrebbe accedere al suo contenuto e, volendo usare il dispositivo, sarebbe costretto a formattarlo integralmente. Questo processo cancellerebbe tutti i dati presenti all’interno della memoria, mettendo così al sicuro la tua privacy e la tua sicurezza.

Cripta i dati

Ci sono app che consentono di criptare i dati presenti sui telefonini ma operano solo con Android (in ogni caso le nuove versioni del sistema operativo di Google consentono di criptare la scheda di memoria interna). In ogni caso, se tieni attivato il codice di blocco non hai bisogno di questa precauzione.

Fai un backup periodico dei dati

Se hai lasciato attivo il codice di blocco, l’unico grosso problema che potresti avere nel caso in cui dovessi perdere il cellulare sarebbe quello di perdere definitivamente i dati in esso presenti. Puoi risolvere questa iattura facendo un backup periodico (di solito viene eseguito una volta a settimana). In questo modo non perderai le foto dei momenti più belli, i numeri di telefono dei tuoi amici, le email, ecc.

Cosa fare se smarrisci il cellulare

Veniamo ora al caso in cui tu smarrisca il cellulare. Se hai lasciato il codice di blocco, la tua privacy potrà dormire sonni tranquilli. Non, invece, se il tuo smartphone è privo di qualsiasi protezione. In questo caso è necessario seguire attentamente questi passaggi.

Sporgi una querela alle autorità

La prima cosa da fare, nello stesso momento in cui hai perso il cellulare, è sporgere subito una denuncia-querela alla polizia o ai carabinieri. Dovrai conservare una copia della denuncia per poterla esibire in futuro qualora ve ne sia necessità (speriamo che non succeda mai). Puoi recarti tu stesso dalle autorità anche senza bisogno di un avvocato. I verbalizzanti redigeranno l’atto dopo averti identificato (ricorda di portare con te un documento di riconoscimento).

Modifica le password dei social

Modifica immediatamente tutte le password di app e social su cui sei loggato sul cellulare. Così con Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin, YouTube, ecc. in questo modo la nuova password, non registrata sul telefonino, impedirà a malintenzionati di entrate sui tuoi profili.

Modifica le password degli e-commerce

Fa la stessa cosa con tutte le app di e-commerce come e-Bay e Amazon o i vari store: devi immediatamente modificare le credenziali di accesso per evitare che qualcuno possa fare acquisti a nome tuo, modificando il luogo di consegna degli stessi.

Blocca la carta di credito

È vero: non hai perso il portafogli ma il cellulare. Tuttavia, se hai installato app che sono già loggate con i dati della tua carta di credito, qualcuno potrebbe avere, in un solo secondo, speso una parte dei soldi del tuo conto corrente. Ti consigliamo di chiamare la società emittente la tua carta per concordare la mossa strategica più corretta. Meglio sarà che tu trasmetta la copia della denuncia-querela, in modo da notiziare l’istituto emittente dello smarrimento del cellulare.

Il consiglio è quello di monitorare costantemente il tuo conto e gli acquisti con la carta.

Blocca lo smartphone

Altro sistema molto utile da eseguire è il blocco a distanza del cellulare smarrito. Funziona, da remoto, con qualsiasi dispositivo (Apple, Android, ecc.). Questo meccanismo ti consente anche di cancellare, a distanza, i dati presenti nel tuo dispositivo, così non rischiando nulla anche se non hai attivato il blocco dello smartphone.

Ad esempio, se hai Android, puoi collegarti al sito Internet Gestione Dispositivi Android e cliccare sul pulsante «Cancella» per due volte consecutive oppure a bloccare il dispositivo pigiando sul bottone Blocca. Una volta cancellato, lo smartphone non sarà più rintracciabile tramite il servizio Gestione Dispositivi di Google.

Puoi fare la stessa cosa con iPhone andando sul sito di iCloud e cliccando clicca sull’icona Trova iPhone. Ovviamente (nelle impostazioni di iPhone deve essere attiva l’opzione Trova il mio iPhone: nel menu iCloud > Trova il mio iPhone).

Blocca la linea telefonica

Altra importante precauzione è quella di bloccare la linea telefonica e, successivamente, di richiedere una nuova sim alla società con cui hai il contratto. In questo modo il ladro non potrà usare il tuo telefono e tu potrai continuare a utilizzare il numero precedente sul nuovo dispositivo. Per fare ciò, chiama il numero gratuito del tuo operatore e fatti seguire in questi semplici passaggi.

  • Vodafone: numero gratuito 190
  • Tim: numero gratuito 119
  • Wind: numero gratuito 155
  • Tre: numero gratuito 800179600

Blocca WhatsApp

Se perdi lo smartphone non dimenticarti di bloccare il tuo account WhatsApp dimodoché nessuno possa usarlo.

Per eseguire questo passaggio devi telefonare al tuo gestore di telefonia mobile (ti abbiamo dati i numeri nel punto precedente) e chiedi di bloccare la scheda sim. A quel punto, non sarà possibile riverificare il tuo account su quel telefono in quanto è necessario poter ricevere Sms o telefonate per verificare un account.

Dopo aver bloccato la sim del tuo telefono smarrito o rubato, puoi usare una nuova sim con lo stesso numero per attivare WhatsApp sul nuovo smartphone che hai acquistato in sostituzione di quello smarrito. Questo è il metodo più veloce e semplice per disattivare il tuo account sul telefono rubato: difatti WhatsApp può essere attivato solo su un numero di telefono e su un unico cellulare alla volta.

Se però non hai ancora acquistato un nuovo cellulare (né ne hai uno di riserva a casa) puoi disattivare il tuo account inviando una email a support@whatsapp.com con la frase per oggetto «Perso/rubato: Disattivazione del mio account». All’interno dell’email devi indicare il numero di telefono nel formato internazionale completo come descritto qui: https://faq.whatsapp.com/it/general/21016748.

Quando il tuo account è disattivato, il tuo nome è ancora visibile se i tuoi contatti ti cercano. I contatti possono inviarti messaggi, che rimarranno in uno stato di attesa per un massimo di 30 giorni. Se si riattiva l’account prima che venga eliminato, riceverai i messaggi in sospeso e parteciperai ancora in tutte le chat di gruppo.

Se un account disattivato non viene riattivato entro 30 giorni, verrà completamente eliminato.

Come ritrovare lo smartphone perso

Esistono diversi dispositivi, in particolar modo quelli Apple, che consentono di rintracciare lo smartphone perso, semplicemente individuandolo tramite il gps in esso integrato. A tal fine è sempre consigliabile non disattivare mai tale modalità, anche se può costarti qualche minuto in termini di consumo della batteria. Se il ladro è uno sprovveduto potrebbe anche essere rintracciato.

Esistono poi dei gadget in vendita su internet che si attaccano alle chiavi o si incollano alla cover del cellulare e che localizzano l’oggetto a cui sono “legati”. In questo modo, prima che qualcuno entri in possesso del cellulare, potresti recuperarlo tu stesso.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Bisogna anche ricordarsi di prendere nota del codice IMEI e darlo al gestore, che provvederà ad immettersi nel database dei cellulari rubati, rendendolo di fatto inservibile.

  2. La denuncia di smarrimento degli oggetti, com’è il telefono cellulare, presso le forze di polizia, non solo non è consentita (per i Carabinieri è vietato da una circolare del 2012), ma sarebbe comunque improduttiva di qualsiasi effetto pratico, anche perché il nostro ordinamento vieta la denuncia “preventiva” in materia penale.
    L’unica denuncia proponibile (caldamente consigliabile) è quella presso l’ufficio oggetti smarriti del Comune, anche nell’eventualità che il telefono venga ritrovato.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI