HOME Articoli

Lo sai che? Elenco delle province soppresse

Lo sai che? Pubblicato il 1 novembre 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 novembre 2012

Ecco l’elenco delle nuove Province italiane che saranno in vigore dal 1 gennaio 2014. Abbiamo messo tra parentesi la popolazione.

Abruzzo

– L’Aquila + Teramo (312.239)

– Pescara (323.184) + Chieti

Basilicata

– Potenza + Matera

Calabria

– Reggio Calabria (città metropolitana)

– Cosenza

– Catanzaro + Crotone (174.605) + Vibo Valentia (166.560)

Campania

– Napoli (città metropolitana)

– Salerno

– Caserta

– Avellino + Benevento (287.874)

Emilia-Romagna

– Bologna (città metropolitana)

– Ferrara

– Modena + Reggio Emilia

– Parma + Piacenza

– Ravenna + Forlì +Cesena + Rimini (329.302)

Friuli Venezia Giulia (statuto speciale)

Entro 6 mesi la regione deciderà autonomamente se cancellare o accorpare:

– Trieste (236.229)

– Pordenone (315.323)

– Gorizia (142.407)

Lazio

– Roma (città metropolitana)

– Frosinone + Latina

– Rieti + Viterbo

Liguria

– Genova (città metropolitana)

– La Spezia (223.516)

– Savona (287.906) + Imperia (222.648)

Lombardia

– Milano (città metropolitana) + Monza + Brianza

– Sondrio

– Brescia

– Bergamo

– Pavia

– Mantova + Cremona + Lodi (227.655)

– Como + Varese + Lecco (340.167)

Marche

– Ancona

– Pesaro e Urbino

– Ascoli Piceno (214.068) + Fermo (177.914) + Macerata

Molise

– Campobasso + Isernia (88.694)

Piemonte

– Torino (città metropolitana)

– Cuneo

– Alessandria + Asti (221.687)

– Biella (185.768) +Vercelli (179.562)

– Novara + Verbano + Cusio +Ossola (163.247)

Puglia

– Bari (città metropolitana)

– Lecce

– Foggia + Barletta + Andria + Trani

– Brindisi + Taranto

Sardegna (statuto speciale)

Entro 6 mesi la regione deciderà autonomamente se cancellare o accorpare:

– Carbonia-Iglesias (129.840)

– Medio Campidano (102.409)

– Nuoro

– Olbia Tempio

– Ogliastra (57.965)

– Oristano

– Sassari

Sicilia (statuto speciale)

Entro 6 mesi la regione deciderà autonomamente se cancellare o accorpare:

– Caltanissetta (271.729)

– Enna

– Ragusa (318.549)

– Siracusa

– Trapani

Toscana

– Firenze (città metropolitana) +Pistoia (293.061)+ Prato (249.775)

– Arezzo

– Siena + Grosseto

– Pisa + Livorno (342.955) + Lucca + Massa + Carrara

Trentino Alto Adige (statuto speciale)

– Trento

– Bolzano

Umbria

– Perugia + Terni (234.665)

Val d’Aosta (statuto speciale)

– Aosta

Veneto

– Venezia (città metropolitana)

– Vicenza

– Belluno

– Verona + Rovigo (247.884)

– Treviso + Padova

Fra le tante fusioni provinciali (più o meno forzose) alcune delle più suggestive sono:

– la provincia della Romagna (Forlì, Cesena, Ravenna e Rimini)

– la provincia di Pisorno (Pisa e Livorno)

– la provincia della Grande Brianza

– la provincia delle Langhe

– la provincia Pontino-Ciociara

A partire da luglio 2013, le vecchie province (comprese le province immutate) saranno guidate da un commissario speciale che si occuperà di completare la transazione al nuovo regime di riordino provinciale.

Il personale delle nuove province

Non sono previste riduzioni di personale delle province cancellate o accorpate mentre è inevitabile una riorganizzazione in funzione del nuovo assetto provinciale che in alcuni implicherà lo spostamento fisico della sede lavorativa. Il processo di riorganizzazione avverrà congiuntamente fra governo, regione, province coinvolte e i sindacati dei lavoratori provinciali.

 

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI