HOME Articoli

Lo sai che? Bicicletta senza fari di notte

Lo sai che? Pubblicato il 1 settembre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 settembre 2017

 La legge prevede chiaramente quali sono i dispositivi di cui le bici devono essere munite e quando accendere le luci. Per chi non si adegua, le multe non sono da poco.

Circolare in bicicletta senza fari – anche di notte – è un’abitudine tanto diffusa quanto pericolosa oltre a poter costare caro in termini di sanzioni. I ciclisti, come gli automobilisti, hanno obblighi ben precisi: non solo quello di non intralciare la circolazione e di non circolare contromano o sul marciapiede, ma anche di accendere le luci durante la marcia se vogliono evitare una multa. Del resto, il codice della strada [1] parla chiaro quando dice che le biciclette devono essere dotate di:

  • pneumatici,
  • dispositivi di frenatura,
  • campanello, che sia in grado di farsi sentire a 30 metri di distanza,
  • dispositivi per le segnalazioni visive, le luci appunto, servono a segnalare la presenza della bicicletta ai veicoli e a illuminare la strada al ciclista.

Il codice della strada elenca con precisione tutti i dispositivi che devono essere presenti sulla bici, dal campanello alle luci

Bicicletta: fari obbligatori?

Nel dettaglio, la legge previde che la bici debba essere munita di:

  • luci bianche o gialle davanti,
  • luci rosse e catadiottri rossi dietro,
  • catadiottri gialli sui pedali e sui lati.

E dice anche, chiaramente, che questi dispositivi devono essere sempre presenti e – soprattutto – funzionanti. Il ciclista deve accenderli da 30 minuti dopo il tramonto a 30 minuti prima dell’alba. Quindi, fari sempre accesi di notte, ma anche di giorno in galleria, in condizioni di scarsa visibilità, in caso di nebbia, forte pioggia o neve. Al di là di orari precisi, sono utili e necessarie su tutti i tipi di strade, in particolare su quelle poco frequentate come i viottoli di campagna o le strade di montagna. Fanno eccezione solo le bici usate nelle competizioni sportive.

Non è tutto: obbligatori anche il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità (fanno sudare meno ma sono non garantiscono la stessa visibilità del giubbotto dato che hanno una superficie ridotta) quando si circola fuori dai centri abitati da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere oppure quando si passa all’interno di gallerie (a qualsiasi ora) [2]. La multa per chi non si adegua va dai 25 ai 99 euro.

Oltre alle luci obbligatorio anche il giubbotto riflettente

Bicicletta senza fari: cosa si rischia?

Se il ciclista non rispetta queste regole e circola senza luci o, comunque, con dispositivi non conformi rischia una multa compresa tra 24 e 97 euro.

Bicicletta senza fari: dove comprarli?

Per evitare multe, allora, meglio comprare tutto l’occorrente. La spesa è minima – a voler esagerare una ventina di euro – e lo si trova in tutti i negozi specializzati o su internet.

note

[1] Art. 68 cod. str.

[2] Art. 182, co. 9-bis, cod. str.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI